Mercatone Uno è fallita, i dipendenti lo scoprono su Facebook

Da ieri, tutti i punti vendita della catena di arredamento - compreso quello di Castegnato, in provincia di Brescia - sono ufficialmente chiusi

2
Mercatone Uno

Shernon Holding, la società che gestiva punti vendita di Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita. Dunque, da ieri, tutti i punti vendita della catena di arredamento – compreso quello di Castegnato, in provincia di Brescia – sono ufficialmente chiusi.

I lavoratori dello storico marchio imolese dell’arredamento che accompagnò i trionfi ciclistici di Marco Pantani sono venuti a conoscenza del fallimento via Facebook nella notte di ieri.

«Non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda», ha spiegato Luca Chierici, segretario del sindacato Filcams di Reggio Emilia. Shernon Holding aveva acquisito i 55 punti vendita meno di un anno fa. Davanti a numerosi negozi chiusi sono in corso presidi e sit-in dei lavoratori. 1’860 dipendenti, quasi 10’000 persone toccate. Sono più di 500 le aziende fornitrici coinvolte dalla vicenda della Mercatone Uno, che vantano crediti non riscossi per circa 250 milioni di euro.

I fornitori, ha dichiarato William Beozzo, direttore dell’Associazione Fornitori Mercatone Uno, «hanno sempre manifestato a tutti gli organi competenti le proprie perplessità sull’operazione con Shernon Holding. Sono stati persi altri 8 mesi e ulteriori risorse finanziarie. Ricordiamo che in gioco non ci sono solo i 1.860 dipendenti del Gruppo, a cui mandiamo tutta la nostra solidarietà, ma anche tutti i dipendenti delle nostre aziende, un indotto che coinvolge in Italia quasi 10.000 persone».

Per Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti si tratta di una drammatica notizia che attesta ancora una volta la crisi dell’economia italiana che coinvolge marchi divenuti storici e soprattutto migliaia di di famiglie che all’improvviso si vedono nel baratro causato dalla perdita del posto di lavoro. E’ chiaro che in questi casi al di là delle previsioni che riguardano una ripresa che stenta a vedersi, imprescindibile dovrà essere l’annunciato impegno del governo e del Ministro dello Sviluppo economico per salvaguardare almeno il diritto al lavoro degli sfortunati dipendenti.

 

Comments

comments

2 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome