Uccisero il loro cane a bastonate, assolti anche in appello

L'accusa aveva chiesto una condanna a quattro mesi per i due uomini accusati di aver ucciso a bastonate il loro cane meticcio

0
zampe di un cane
Zampe di un cane - foto generica

L’accusa aveva chiesto una condanna a quattro mesi, ma i due uomini – padre e figlio – accusati di aver ucciso a bastonate il loro cane meticcio sono stati assolti anche in secondo grado.

La vicenda risale al luglio 2014, quando il cane venne ucciso a Breno, in località Bazena, dopo aver aggredito – secondo quanto riportato durante il processo dagli imputati – un ragazzo di 12 anni, figlio di un imputato e fratello dell’altro. L’accusa sostiene che l’animale sia stato preso a bastonate e che vi sia stata eccessiva crudeltà nell’azione, la difesa si è appellata invece allo stato di necessità del momento.

Come riporta Bresciaoggi, proprio questa tesi difensiva è stata accolta dalla per scagionare i due imputati. Nel processo si erano costituite parti civili anche diverse associazioni animaliste.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome