Esplosioni misteriose a Manerbio, due uomini si divertivano a creare panico

I due sono stati denunciati per i reati di esplosioni pericolose in centro abitato, introduzione nello stato di materie esplodenti ed omessa denuncia di materie esplodenti

0
botticapodanno
botticapodanno

A lungo è rimasto un mistero, ma ora i hanno fatto luce sui botti che da tempo disturbavano la serenità degli abitanti di Manerbio.

Autori delle misteriose esplosioni erano un operaio 40 enne di Manerbio e un imprenditore agricolo di 30 anni residente a Milzano che evidentemente si divertivano a creare situazioni di panico in paese. A individuarli sono stati i carabinieri, grazie alle tempestive segnalazioni che i cittadini di Manerbio avevano iniziato a fare a seguito dei botti, riuscendo così a fornire dettagli sempre più precisi sugli episodi.

Le esplosioni sono state causate da bombe carta e fuochi d’artificio di grossa dimensione.

A incastrare i due, però, sono state le immagini di videosorveglianza di un’attività commerciale. Individuati i due, i carabinieri hanno perquisito le loro abitazioni, rinvenendo diverse bombe carta e fuochi d’artificio acquistati sul web.

Il 40enne e il 30enne sono stati denunciati per i reati di esplosioni pericolose in centro abitato, introduzione nello stato di materie esplodenti ed omessa di materie esplodenti.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome