Assistenza disabili nelle paritarie, Girelli (Pd): Regione ritarda i pagamenti

"Nonostante il contributo stanziato in bilancio regionale per il finanziamento, attraverso la Dote Scuola, del sostegno ai disabili nelle scuole paritarie, cioè pubbliche a tutti gli effetti nell’accoglienza degli alunni e nella corrispondenza alle norme generali sull’istruzione, ad oggi Regione Lombardia è in forte ritardo nel pagamento agli istituti"

0
Gianantonio Girelli, foto da Facebook

“Nonostante il contributo stanziato in bilancio regionale per il finanziamento, attraverso la Dote Scuola, del sostegno ai disabili nelle scuole paritarie, cioè pubbliche a tutti gli effetti nell’accoglienza degli alunni e nella corrispondenza alle norme generali sull’istruzione, ad oggi è in forte ritardo nel pagamento agli istituti. Da ricordare che il contributo è riferito all’anno scolastico 2018-2019, nel quale le scuole hanno regolarmente erogato stipendi ai docenti di sostegno, anticipando ogni spesa. Una mancanza grave, che incide nella sostenibilità dell’impegno educativo di queste scuole e, conseguentemente, sulle famiglie e sui bambini che necessitano di aiuto, soprattutto nelle scuole paritarie più piccole della nostra regione. Per questo ho presentato una interrogazione all’Assessorato”. Lo ha dichiarato il Consigliere regionale Gianni Girelli.

“Nella nostra regione il grande problema della mancanza dell’istruzione ai minori nelle zone periferiche e più svantaggiate è stato risolto, in parte, con la presenza delle scuole paritarie. Questi luoghi sono vitali perché spesso sono gli unici ai quali si possono rivolgere le famiglie che abitano i piccoli centri. Per questo vanno sostenuti. E vanno aiutati tutti i bimbi con disabilità che frequentano le scuole paritarie, poiché il sostegno è un diritto soggettivo di ogni alunno: è ora che Regione dia certezze, in tempi brevi, sul contributo all’inclusione a favore dei bambini disabili nelle scuole paritarie”, conclude Girelli .

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome