Affido di minori, Gianpaolo Natali (Fratelli d’Italia): servono più controlli

Gianpaolo Natali: "Ritengo che occorra maggiore serietà e attenzione anche nel nostro territorio”

0
Gianpaolo Natali
Gianpaolo Natali

Il presidente della Commissione Bilancio e consigliere comunale di Fratelli d’Italia, , accende un faro sulle sempre più frequenti sottrazioni dei alle proprie famiglie e sui conseguenti affidi alle comunità.

“Facendo seguito alle diverse segnalazioni ricevute in tema di sottrazione dei minori alle rispettive famiglie e ad alcuni casi in cui mi sono personalmente imbattuto, mi preme lanciare un grido di allarme su una situazione così delicata e purtroppo frequente. Tralasciando i casi limite di Mirandola nel 1997 e, l’ultimo, di Bibbiano di quest’anno, ritengo infatti che occorra maggiore serietà e attenzione anche nel nostro territorio” ha dichiarato Natali. Prima una doverosa premessa: “ho il piacere di aver conosciuto negli anni diversi assistenti sociali che eseguono il proprio lavoro con grande professionalità e spirito di sacrificio ma, anche loro come noi, sono esseri umani e passibili di errore. Chi controlla adeguatamente il loro delicatissimo e prezioso lavoro? Se i genitori dei minori si devono sottoporre a continue perizie psicologiche, chi garantisce invece per l’idoneità psicofisica costante dei vari operatori sociali?

La mia non vuole essere una sterile accusa alla categoria. La situazione rimane però critica: “Al 31 dicembre 2010, in Italia sono stati circa 40 mila i minori affidati alle comunità con un costo stimato di 1 miliardo e mezzo all’anno. Solo a Brescia, dal 2014 al 2018, il Comune ha speso oltre 13 milioni di euro per i minori affidati alle comunità. Un esborso che, se non motivato più che adeguatamente, potrebbe anche configurarsi come danno erariale”.

E naturalmente non si tratta affatto, come spiega il consigliere di Fratelli d’Italia, di un problema prettamente economico: “Mi stanno a cuore la tutela e l’integrità di questi minori che con sempre più facilità vengono sottratti alle proprie famiglie con provvedimenti provvisori e sistemati invece per lungo tempo in comunità spesso inadeguate, sia dal punto di vista strutturale sia sotto il profilo delle diverse realtà presenti all’interno e spesso devianti”. Quei minori che riporteranno per anni le ferite prodotte da questi allontanamenti.

La ricetta di Natali si spinge in una doppia direzione: “Nei prossimi giorni depositerò una mozione presso il comune di Brescia affinchè quest’ultimo si attivi, per quel che gli compete, ad effettuare controlli più frequenti e capillari sulle diverse comunità, con valutazioni chiare e trasparenti, intervenendo pesantemente la dove vi siano irregolarità, anche con la chiusura delle strutture stesse. Altra cosa fondamentale i servizi sociali di Brescia dovranno attivarsi maggiormente e preferibilmente affinchè la scelta ricada sull’affidamento domiciliare, in luogo di quello in comunità” conclude Natali.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome