Lombardia, Beccalossi: non possiamo contare i gatti, altro che autonomia

Viviana Beccalossi: “Per questo governo la Lombardia non può nemmeno contare i gatti per prevenire il randagismo"

0
Un gattino, foto generica tratta da Pixabay
Un gattino, foto generica tratta da Pixabay

“Per questo la Lombardia non può nemmeno contare i per prevenire il randagismo. Altro che autonomia, altro che maggiori poteri alle regioni per amministrare al meglio: a Roma vogliono impedirci anche di costituire l’anagrafe felina”. Lo dichiara , consigliere regionale del Gruppo Misto.

“Dagli uffici del Ministero dell’Interno – spiega Viviana Beccalossi – abbiamo ricevuto una nota che chiede ‘caldamente’ di compiere un passo indietro, per evitare una possibile impugnativa, sul provvedimento che ci ha portati a costituire a partire dal 2020 l’anagrafe felina. Eppure la nostra è una scelta di buon senso, per prevenire la lotta al randagismo con evidenti risparmi per i Comuni e allo stesso tempo sensibilizzare i proprietari di gatti sull’utilità del microchip, seguendo l’esempio positivo già in atto per i ”.

Secondo il provvedimento inserito a maggio nelle norme regionali di semplificazione e successivamente nel Piano regionale della sanità pubblica veterinaria, si introduce l’obbligo di istituire una banca dati informatizzata grazie all’uso del microchip per i gatti presenti sul territorio regionale, il cui possesso abbia decorrenza dal 1 gennaio del prossimo anno. Da recenti dati, in Italia i cani dotati di microchip sono oltre 10 milioni, mentre per i gatti si parla solo del 3% sul totale. Degli oltre 300mila felini già microchippati su base volontaria, il 36% è in Lombardia.

“Meno male – continua Viviana Beccalossi – che per la Lombardia questa avrebbe dovuto essere la legislatura di attuazione dei maggiori poteri previsti dal referendum sull’autonomia. Negli ultimi anni siamo riusciti a difendere leggi innovative e non certo ‘facili’, come quelle sulle moschee e per la lotta al gioco d’azzardo. Leggi che un governo politicamente contrario a quello regionale non ha ritenuto di impugnare o quando l’ha fatto non è riuscito a depotenziare”.

“Sarebbe paradossale – conclude Viviana Beccalossi – che proprio oggi che la Lega è azionista di maggioranza dell’esecutivo, un provvedimento di buon senso e certamente più ‘innocuo’ come quello sull’anagrafe felina rischi di venire cancellato”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome