Minacciò e derubò una prostituta, condannato un 23enne di Desenzano

Una volta fuggito, la donna aveva chiamato i carabinieri che in poco tempo avevano individuato il 23enne

0
prostituzione
Prostituzione

La Cassazione ha confermato la pena a un anno e otto mesi (sospesa per via della condizionale) per un 23enne di Desenzano ritenuto responsabile di aver minacciato con una pistola una prostituta e di averle sottratto quel denaro che lui stesso le aveva consegnato poco prima per una prestazione sessuale.

Come spiega Bresciaoggi, il giovane si era recato a Lonato, dove si era accordato con una prostituta di nazionalità rumena. A lei aveva consegnato 100 euro per un rapporto sessuale completo, ma la serata si era svolta diversamente ed era terminata solo con un rapporto orale. A quel punto il 23enne aveva preteso la restituzione della metà della cifra consegnata e la donna gli aveva restituito 50 euro. Poi, però, la trattativa era degenerata e il ragazzo aveva minacciato la prostituita con una pistola – poi risultata essere un giocattolo – e si era ripreso il denaro che le aveva consegnato.

Una volta fuggito, la donna aveva chiamato i che in poco tempo avevano individuato il 23enne.

Questo non è il primo caso che vede una prostituta rapinata da un cliente, è già accaduto in passato, non solo in provincia ma anche in città.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome