Moschee in cantina illegali, Beccalossi: meglio tardi che mai

Lo dichiara Viviana Beccalossi, consigliere regionale del Gruppo Misto e proponente nel 2015, della legge lombarda sulla realizzazione dei luoghi di culto

0
Un musulmano in preghiera, foto d'archivio
Un musulmano in preghiera, foto d'archivio

“Meglio tardi che mai. Adesso anche una sentenza della Cassazione conferma che è illegale realizzare negli scantinati e magazzini. Mentre molti facevano finta di niente, Regione Lombardia ha sancito questo principio con una Legge: siamo stati accusati di qualsiasi nefandezza, ma non avevamo fatto altro che fotografare la realtà”.

Lo dichiara , consigliere regionale del Gruppo Misto e proponente nel 2015, della legge lombarda sulla realizzazione dei luoghi di culto, commentando la sentenza della Cassazione sul centro culturale di via Cavalcanti a Milano.

“Il monitoraggio che avevamo attivato con i Comuni –prosegue Viviana Beccalossi- aveva fatto emergere dati sconcertanti, con la presenza di moschee allestite contro ogni norma ma anche contro il buon senso perfino in appartamenti privati e negozi, con i relativi problemi di sicurezza e disagio per i residenti”.

“Mi auguro che da oggi –conclude- se non altro per paura di subire conseguenze per omessa vigilanza, tanti sindaci si convincano che non è più possibile chiudere gli occhi e che anche in materia di luoghi di culto l’unica strada da seguire è quella della legalità”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome