Tratta delle prostitute a Brescia, Beccalossi: aprite gli occhi sull’immigrazione

Il consigliere regionale del Gruppo Misto commenta così l'arresto di tre cittadini nigeriani ritenuti responsabili di gravi reati

0
Viviana Beccalossi
Viviana Beccalossi
“I tanti fan delle Carole, dei Casarini e di tutti i traghettatori di disperati dovrebbero aprire gli occhi e capire che i loro idoli portano in Italia persone già pronte per essere messe in mano alla criminalità organizzata e che il loro ‘tifo’ porta a spesso sostenere un business criminale”.
Lo dichiara , consigliere regionale del Gruppo Misto,  commentando l’arresto di tre cittadini nigeriani ritenuti responsabili dei reati di tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione, fermati questa mattina dalla Polizia nell’ambito di indagini coordinate dalla Dda della Procura di Brescia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.
“Ci vengano ancora a raccontare –prosegue Viviana Beccalossi- di aprire le porte a tutti, quando l’operazione di questa mattina a Brescia ha svelato una vera e propria industria dell’orrore. Una tratta di esseri umani per la quale non ci sono parole”.
 “Allo stesso tempo –conclude- un grazie agli uomini della Polizia di Brescia, a partire dal Questore Leopoldo Laricchia, per aver fatto luce su un episodio gravissimo, che purtroppo conferma che fenomeni come questo siano sempre attuali in un Paese dove ancora troppi considerano la donna come un oggetto da usare e abusare. Proprio per questo, le pene devono essere le massime possibili”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome