24 Maggio 2015 - Ore 18:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal Camonica
POLIZIA LOCALE
Espulso cinque anni prima, torna a Ghedi con documenti falsi: arrestato marocchino
Un immigrato irregolare marocchino a dir poco “tenace” è caduto nella rete degli attenti controlli della Polizia Locale di Ghedi. Durante i consueti servizi di controllo del territorio effettuati nel pomeriggio di venerdì 22 maggio, infatti, gli agenti del comandante Enrico Cavalli alle 15.15 hanno fermato S.A., classe 1977, che con il suo comportamento ha subito destato la loro attenzione. Davanti alla richiesta di documenti il trentottenne ha mostrato documenti belgi, ma le sue esitazioni davanti alle domande degli agenti li hanno indotti ad approfondire gli accertamenti attraverso le impronte digitali. Un supplemento di indagine che ha permesso alla Polizia Locale di Ghedi di scoprire di avere a che fare con un individuo ben conosciuto alle forze dell’ordine, visto che, in realtà, si trattava di

Commenti 3
dom 24 mag 2015, ore 14.42
LA PROPOSTA
Aggressioni animali selvatici, Rolfi (Lega): nuove misure per incentivarne il contenimento
"Non si può morire per un cinghiale, così come non possiamo continuare a risarcire, seppur in misura insufficiente, centinaia di agricoltori per i danni provocati ogni giorno da cinghiali, nutrie e altri animali selvatici, rinunciando a misure più incisive solo per paura di irritare certe fronde animaliste. Per queste ragioni, a breve, presenterò una proposta di legge sul tema in Consiglio regionale." Così Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia. "La tragedia di Iseo è la dimostrazione di quanto sia diffuso il problema e di quanta impotenza e disperazione ci siano negli agricoltori di queste zone, costretti spesso a fare da soli a causa dell'insufficienza delle azioni istituzionali di contenimento attualmente messe in atto. Per queste ragioni occorr

Commenti 4
dom 24 mag 2015, ore 14.11
IL CASO
Ghedi, uomo spara ad un passante dall'auto e scappa. Caccia ad una Citroen C3
I carabinieri di Ghedi sono a caccia dell'uomo che venerdì ha sparato un colpo diretto ad un passante dalla sua auto, una Citroen grigio scuso modello C3. E' successo nella zona della stazione dove un cittadino egiziano stava passeggiando quando un'auto gli si è affiancata e dopo aver abbassato il finestrino ha fatto fuoco. L'egiziano è rimasto illeso per fortuna, tanto che i militari sospettano che si trattasse di un colpo sparato con una scacciacani perché non c'è traccia nemmeno dell'eventuale bossolo. Dopo aver raccolto le testimonianze di alcune persone presenti al momento dello sparo i carabinieri ora si sono messi al lavoro per individuare il responsabile.

Commenti 3
dom 24 mag 2015, ore 12.24
IN VETRINA
Da martedì 19 maggio per qualsiasi emergenza si chiama il 112
112 il numero unico di emergenza 112: dal 19 maggio questo è il nuovo numero da comporre per tutte le emergenze a Brescia. Basta sforzi mentali per ricordare i vari 115, 113 e 118. Da oggi qualunque segnalazione o richiesta di aiuto devrà essere fatta digitando il 112, dove risponderanno gli operatori della centrale “laica” del Nue, che sarà in grado di gestire un flusso tra le 4.500 e le 4.800 chiamate al giorno. Saranno poi gli operatori del Nue a smistare le chiamate ai vari corpi, dopo aver raccolto i dati. Il 19 maggio sarà anche il giorno definitivo di chiusura della centrale operativa del 118, attiva al Civile dal 1994. Le emergenze sanitarie passeranno, dopo check del Nue di via Spalto San Marco, alla sala operativa regionale allestita all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Volontari, infermieri e medici del 118 bresciano verranno reimpiegati su ambulanze e auto mediche dislocate in provincia o nelle strutture sanitarie. Se per gli utenti sarà più semplice ricordare il numero unico di emergenza, non sono mancate le polemiche da parte di chi, conoscendo le procedure, teme che si generi solo un “grande caos”. Sarà solo il
Entra nella rubrica

Un film in programmazione al Nuovo Eden. Lui è un professore di filosofia di Parigi, trasferito, suo malgrado, per un anno ad Arras, tranquilla cittadina nel nord della Francia, decisamente troppo tranquilla per lui. Lei è un'esuberante parrucchiera che da sempre vive fieramente ad Arr
  24 25 26 27 28 29 30 31


"E' il miglior risultato degli ultimi anni”. Con queste parole il presidente di Banca Santa Giulia (e di Aib) Marco Bonometti ha aperto - alle 17 di oggi, nella sede di Aci – l'annuale assemblea dei soci dell'istituto di credito bresciano. Presenti nell'occasione il 75,6 per cento del capitale e i membri del Cda, compresa la vicepresidente Daniela Grandi, che è la prima azionista della Banca con il 17,6 per cento (a seguire l'Omr di Bonometti con il 15 per cento). Il bi
Opinioni Link suggerito

















POLIZIA
Spaccate e furti in città, l'appello della Questura ai bresciani: aiutateci anche voi
La Questura promette che scoverà gli autori delle spaccate e delle auto bruciate in città nelle ultime settimane, ma si appella anche ai cittadini per “aiutarci, attraverso chiamate e segnalazioni, ad intervenire in modo tempestivo”. L'appello arriva dopo l'ennesimo caso di furto in un negozio del centro città, precisamente al bar Tout Court di corso Martiri della Libertà. In realtà i poliziotti fanno sapere di aver arrestato un moldavo destinatario di un'espulsione dal territorio nazionale di un mese fa quando gli agenti lo accompagnarono alla Malpensa con un biglietto di sola andata per far ritorno al suo paese. L'uomo però dopo qualche settimana è riuscito a rientrare in Italia e l'altra notte era già al “lavoro” per mettere a segno un furto. Gli agent

Commenti
dom 24 mag 2015, ore 10.46
LA TRAGEDIA
Con l'auto contro un albero a Castegnato, il cuore di Massimiliano ha smesso di battere
Il giovane 33enne che nella notte tra venerdì e sabato è finito contro un albero a Castegnato mentre stava tornando a casa a bordo della sua Alfa Romeo non ce l'ha fatta. Le ferite riportate da Massimiliano Del Bono, residente a Bornato, non gli hanno lasciato scampo nonostante i medici abbiano tentato in ogni modo di tenerlo in vita. Il suo cuore si è fermato nella serata di sabato, dopo 20 ore di lotte tra la vita e la morte. Massimiliano faceva parte del gruppo alpini e lascia la moglie Valentina e una bimba di 4 anni.

Commenti
dom 24 mag 2015, ore 10.15
IL CASO
Rallentamenti in A4 a causa della presenza di un cane sulla carreggiata
Erano le 9 di questa mattina – domenica 24 maggio – quando sull'A4, all'altezza del casello di Brescia Ovest, sono iniziati alcuni rallentamenti a causa della presenza di un cane sulla carreggiata. Il cane, chiaramente spesato, ha prima attraversato la corsia in direzione Milano per poi attraversare anche quella nella direzione opposta che porta a Venezia. Gli automobilisti hanno dovuto decelerare e evitare il cane per non investirlo. Più di una persona alla vista dell'animale ha avvertito il 112, ma quando la Polizia Stradale di seriate è intervenuta sull'autostrada non c'era già più traccia dell'animale che probabilmente si è messo in salvo anche grazie all'aiuto di qualche automobilista.

Commenti
dom 24 mag 2015, ore 09.56
IL COLPO
Ennesimo furto in centro storico: ladri svaligiano il Tout Court Cafè di corso Martiri
I malviventi sono tornati a colpire in centro città dove il Tout Court Cafè di corso Martiri della Libertà è stato derubato nella notte. I ladri sono entrati forzando la finestra e una volta all'interno hanno prelevato dalla cassa 600 euro e rubato un iPad. E' la prima volta che il cafè viene visitato dai ladri, ma è l'ennesima di una lunga serie di furti avvenuti questa settimana nel centro storico della città. Era già successo in via Brixio, via San Faustino, via Dante e via Gamba. Il questore aveva assicurato nei giorni scorsi scorsi che avrebbero “preso i malviventi”, tanto che questa mattina ha inviato in corso Martiri una volante della Polizia che si è messa al lavoro per effettuare i rilievi e dare il via alle indagini.

Commenti 7
sab 23 mag 2015, ore 11.23
DA VIA ZIMA
Per il Tar niente sfratto per le roulotte del campo nomadi di via Labirinto
Le tre roulotte che da qualche mese hanno trovato casa nel campo di via Labirinto 420 non dovranno essere rimosse. Almeno non ora. A deciderlo è stato il Tar di Brescia che ha confermato la sospensione del provvedimento di sfratto emesso lo socrso 26 gennaio dal Comune dopo che un gruppo di cittadini residenti nella zona, capeggiati dal prematuramente scomparso ex presidente della Circoscrizione Sud, Giacomo Lini, avevano presentato alla Loggia una raccolta firme per chiedere lo sgombero dei mezzi. Il campo è di proprietà dei nomadi e il Tar nella prima sospensiva aveva valutato di non far sgomberare le roulotte fino all'arrivo della stagione calda per non creare propblemi ai minori che vivevano all'interno del campo. Ora il freddo è passato ma i giudici di via Zima sembrano non aver cambiato idea in merito

Commenti 7
ven 22 mag 2015, ore 15.25
CARABINIERI
Omicidio via Orzinuovi, clochard ucciso di botte. Fermato 36enne ucraino
L'hanno massacrato di botte, calci e pugni finché non è morto. L'uomo, un senzatetto ucraino, trovato questa notte alle 4 nell'area dell'ex Pietra dove era solito, è morto a causa delle ferite inferte da calci e pugni. Ora i carabinieri, che sono giunti sul luogo dell'omicidio dopo una segnalazione al 112, stanno cercando di indagare per capire cosa sia successo. Sotto interrogatorio un connazionale della vittima che era solito dormire insieme a lui nell'area dell'ex Pietra e che, secondo le prime informazioni, sarebbe stato trovato con gli abiti sporchi di sangue. Al termine dell'interrogatorio i carabinieri hanno fermato il 36enne ucraino, trattenendolo in caserma. Secondo le prime informazioni infatti l'uomo sarebbe il responsabile dell'omicidio del connazionale. I due avrebbero litigato per futili motivi, fo

Commenti 5
ven 22 mag 2015, ore 14.46
IL CASO
Tutor preso a sprangate sulla tangenziale sud: in tre mesi 73mila sanzioni
In poco meno di tre mesi di servizio ha “fotografato” 73mila veicoli che correvano lungo la tangenziale sud a velocità superiori ai 90 km/h consentiti su quel tratto. Qualcuno però venerdì ha voluto vendicarsi e, salito sul ponte della tangenziale in direzione del lago, all'altezza di Rezzato, ha preso a sprangate il tutor. Il dispositivo elettronico però, collegato alla centrale operativa della Polizia Provinciale, non ha smesso di funzionare bensì il suo occhi si è leggermente spostato virando di pochi gradi. E' successo nella notte tra venerdì e sabato scorso e nei prossimi giorni una squadra di tecnici lo rimetterà a nuovo.

Commenti 12
ven 22 mag 2015, ore 14.26
NUOVO CASO
Emergenza furti in città, ennesima spaccata nella notte. E' la quinta in tre giorni
Non si fermano le spaccate nei negozi del centro città. Questa notte la mala sorte è toccata ad un negozio di abbigliamento, il Retrouvé boutique, a metà tra piazza del Mercato e via Gramsci. I ladri hanno sfondato la vetrina usato l'auto come ariete e, una volta all'interno hanno fatto razzia di vestiti firmati. E' ancora da valutare l'entità economica del furto, che però appare assai ingente. In tre giorni la città sembra essere sotto assedio dei ladri. Dopo il colpo in via Dante di martedì e altre due incursioni nei bar di via Brixio e via San Faustino, la spaccata alla tabaccheria di via Dante , sono cinque i casi di furto in centro città in soli tre giorni. Nei giorni scorsi i militari hanno anche arrestato tre membri di una banda di albanesi dediti ai furti, ma a qua

Commenti 9
ven 22 mag 2015, ore 12.07
GUARDIA DI FINANZA
Un deposito di gpl, gasolio e pneumatici rubati a Brescia Due: denunciato moldavo
A far scattare il controllo la segnalazione, ai Vigili del Fuoco di Brescia, di un forte odore di gasolio vicino a uno stabile a Brescia Due. Guardia di Finanza e vigili hanno scoperto un vero e proprio deposito di merce rubata e hanno sequestrato, riporta il Corriere della Sera, 240 litri di gasolio, una bombola contenente gpl, 35 pneumatici di marche diverse, uno scooter rubato, pezzi di ricambio per auto, trapani, avvitatori, flessibili, saldatrici, una bobina di rame, stereo e amplificatori per automobili. A gestire il traffico un moldavo 35enne, residente in Italia dal 2011, che non è stato in grado di dare giustificazioni sull'origine della merce. L'uomo non aveva alcuna autorizzazione tenere questa tipolgia di merce, considerata anche pericolosa. L'uomo è stato denunciato a piede libero per ricettazione e illecita d

Commenti 4
ven 22 mag 2015, ore 11.36
IL CASO
Cinghiale assassino ad Iseo: 73enne ferito ad una coscia muore dissanguato
Era stanco delle continue e ripetute incursioni del cinghiale nei suoi terreni e dei danni che provocava, così un 73enne residente a Iseo ha imbracciato il fucile convinto di far fuori l'animale una volta per tutte e di salvare le sue coltivazioni. Peccato però che alla vista dell'uomo il cinghiale abbia subito assunto un atteggiamento aggressivo che lo ha portato ad attaccare l'anziano più di una volta, alla coscia. Come riporta il Giornale di Brescia, il 73enne si è accasciato a terra perdendo molto sangue ed è morto così, difendendo i suoi terreni. A trovare il corpo la moglie che, non vedendolo rincasare è andata a cercarlo e ha fatto la macabra scoperta. Indagano i carabinieri di Chiari.

Commenti 8
ven 22 mag 2015, ore 10.20
CARABINIERI
Macabra scoperta nella notte in via Orzinuovi: trovato il cadavere di un uomo
L'hanno trovato disteso per terra senza vita intorno alle 4 del mattino in via Orzinuovi. Si tratta di un senzatetto ucraino, di cui però non si conoscono ancora le generalità. A fare la macabra scoperta le forze dell'ordine che poco prima hanno ricevuto una segnalazione al 112 per un intervento nell'area industriale dell'ex Pietra. I Carabinieri hanno dato il via alle indagini per capire cosa sia successo all'uomo e quale sia la ragione che l'ha portato alla morte.

Commenti 3
ven 22 mag 2015, ore 09.55
A REMEDELLO
Tyler, scappa per paura del temporale e torna il giorno dopo ferito da una fucilata
I tuoni e i fulmini l'hanno talmente spaventato che nel tentativo di salvarsi è scappato di casa, peccato che fuori non abbia trovato riparo, ma qualcuno che gli ha sparato una fucilata in piena coscia. La storia di Tyler, raccontata sulle pagine del Giornale di Brescia, è di quelle strappalacrime. Il cane, un incrocio tra un meticcio e un Jack Russel, è scappato nei giorni scorsi dalla sua casa di Remedello dove vive con la sua amata padroncina Francesca per paura del temporale. Il cane ha vagato per un po', facendo ritorno solo la mattina successiva. Peccato che quando è ricomparso sull'uscio di casa fosse ferito e senza forze. Una brutta ferita alla gamba che ha richiesto la corsa dal veterinario. Lì la scoperta. “La veterinaria analizzando la ferita mi ha detto che si tratta di un colpo di f

Commenti 13
gio 21 mag 2015, ore 16.27
VALTROMPIA
Lumezzane, ladri in azienda assaltano cassaforte: danni da quantificare
Hanno lavorato ore per aprirla quella cassaforte e avevano un piano ben studiato per introdursi in azienda. Vittima di ladri esperti e organizzati la Frabosk Casalinghi di Lumezzane. Come riporta il Giornale di Brescia, i malviventi, dopo aver rubato attrezzi e flessibili in un vicino laboratorio di vernici, hanno scassinato la porta in alluminio della Frabosk e poi si sono introdotti nel reparto amministrazione, dove si trovava la cassaforte. Li si sono messi a operare con meticolosità,  raffreddando i dischi della cassaforte con la vaschetta d’acqua del distributore automatico del caffè. Non ancora stimati i danni. 

Commenti
gio 21 mag 2015, ore 12.15
IL CASO
Latteria Molloy, spariti gli incassi online dei concerti 2014
La Latteria Molloy è ancora in attresa che Point Ticket versi gli incassi delle prevendite per i concerti che si sono tenuti in via Ducos durante il 2014. Si tratta di diverse migliaia di euro che il locale bresciano chiede che vengano saldati avendo già sostenuto tutte le spese vive per l'organizzazione dei concerti. E nemmeno concerti da poche centinaia di persone. Si parla di vari sold out: Marlene Kuntz, Dente, Le luci della centrale elettrica, Giovanni Lindo Ferretti e molti altri. Ora l'avvocato della Latteria, Carlo Capretti, ha formalizzato un'ingiunzione di pagamento, ma la società al momento non risponde. Si vocifera che abbia grossi problemi di carattere economico, ma la situazione è ancora tutta da chiarire.

Commenti
gio 21 mag 2015, ore 11.16
LA DENUNCIA
Furto di dieci cani di razza all'allevamento Cigno Bianco di Castelcovati
Sono entrati nell'allevamento di cani di razza Cigno Bianco di Castelcovati praticando un buco nella rete di recinzione e hanno prelevato dieci cane di diversa razza, tutti con il pedigree e destinati all'accoppiamento. Come riporta il Giornale di Brescia si tratta di di quattro maltesi femmina, uno yorkshire femmina, due bouledogue francesi (maschio e femmina) e tre volpini di pomerania (due femmine e un maschio). I cani sono tutti dotati di microchip e la titolare dell'allevamento, Fabiana Bertoloni, spera quindi che vengano ritrovati. La paura è che siano destinati al mercato estero e che siano già stati portati a destinazione per essere venduti. Per ora alla titolare non è restato altro da fare che denunciare il furto e sperare che i suoi amati cagnolini vengano ritrovati.

Commenti
gio 21 mag 2015, ore 09.39
L'EMERGENZA
Minaccia di gettarsi da una cabina elettrica: carabiniere di Chiari salva una 69enne
E' riuscita con forza a divincolarsi da due operatori sanitari e a salire tramite una scaletta su una cabina elettrica alta cinque metri, il tutto per evitare un trattamento sanitario obbligatorio. E' stata grande la paura vissuta martedì pomeriggio a Chiari, ma grazie all'intervento del maresciallo Davide D'Aquila una 69enne affetta da problemi psichiatrici è stata portata in salvo. La donna quando ha capito che i due operatori del dipartimento di salute mentale dell'ospedale la stavano portando in struttura è fuggita alle loro cure e, una volta salita sulla cabina, ha minacciato di lasciarsi cadere. Solo la grande pazienza e il tatto del maresciallo, che ha parlato a lungo con la donna, convincendola a farlo salire con lei sulla cabina, hanno evitato il peggio. Una volta che la 69enne è stata calmata dalle pa

Commenti 3
gio 21 mag 2015, ore 08.10
OVEST BRESCIANO
Lettera minatoria a un assessore di Cologne: guardati le spalle
"Stai atento. Non toccare Mamma dell'amore guarda le tue spalle". Queste le parole sgrammaticate che l'assessore di Cologne Giuseppe Bonardi ha ricevuto nella cassetta della posta. Il foglio sul quale erano scritte è già stato consegnato ai carabinieri, impegnati ora a capire chi possa esserci dietro e per quale motivo sia stato minacciato l'assessore alla Cultura e alle Associazioni. E' stato lo stesso Bonardi a rendere pubblica la vicenda, rilasciando anche una dichiarazione sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane, dove è riportata la notizia: "Ho deciso di rendere pubblico il gravissimo episodio di una lettera anonima di minacce, che fa riferimento alla questione tra l'amministrazione e l'associazione Oasi mamma dell'amore. Sono gravi le parole che mi invitano a stare attento, a

Commenti 1
gio 21 mag 2015, ore 07.32
IL CASO
Minore in comunità chiede alla mamma l'orsacchiotto, ma è imbottito di droga
Da qualche giorno in comunità dopo essere stato beccato a spacciare droga, un 16enne ha chiesto alla madre di portargli il suo amato peluche rimasto a casa, peccato che all'interno fosse imbottito di droga. A riferire della vicenda è il Corsera di Brescia. Si aggrava quindi la posizione del minore italiano che, nel tentativo di entrare in possesso della droga che aveva precedentemente nascosto nell'orsacchiotto, ha chiesto alla madre di fargli recapitare in comunità il caro peluche. Se non fosse che all'arrivo dell'orsacchiotto il giovane ha mostrato un eccessivo entusiasmo che ha insospettito gli addetti della comunità. E' scattato quindi il controllo del peluche e la scoperta della droga all'interno della pancia dell'orsacchiotto. Il giovane è finito nel carcere minorile Beccaria di Milano e torner&ag

Commenti 3
mer 20 mag 2015, ore 15.08
CARABINIERI
Sparatoria in città, sgominata banda delle spaccate: tre albanesi in manette
Notte da far west a Brescia: i carabinieri hanno sgominato una banda di stranieri di origine albanese in trasferta da Bergamo, che la notte scorsa ha preso di mira la tabaccheria di via Gamba. Un arresto non semplice per le forze dell’ordine: i malviventi, sei in tutto, a bordo di due auto, si sono dati alla fuga. La prima vettura al posto di blocco di via Franchi ha fatto inversione ed è scappata, la seconda, con tre a bordo, ha tentato di investire un carabiniere  che stava allestendo il posto di blocco. L’agente ha quindi sparato ferendo i tre membri e forando una ruota. I malviventi sono comunque riusciti ad arrivare all’ospedale di Treviglio dove sono stati fermati. La banda sarebbe responsabile anche delle spaccate avvenute nelle scorse settimane nel centro storico della città, per le quali,

Commenti 22
mer 20 mag 2015, ore 12.28
IL COMMENTO
Blitz al campo rom, Beccalossi: la tolleranza zero del questore di Brescia sia d'esempio
“I campi Rom non possono e non devono essere considerati zona franca. Si prenda esempio dal Questore di Brescia Carmine Esposito che ieri ha disposto il controllo capillare e il presidio di un’area che veniva considerata terra di nessuno. Episodio che ha fatto seguito al tentativo di impedire agli agenti di polizia di accedere all’interno dell’accampamento per inseguire un ladro”. Viviana Beccalossi, assessore regionale della Lombardia e dirigente di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, commenta così quanto avvenuto oggi a Roma, dove i Vigili urbani hanno ritrovato due bambini di due mesi e tre anni che vivevano in un campo rom in condizioni igieniche disumane e domenica sera a Brescia, quando decine di nomadi hanno circondato una volante della Polizia che cercava di catturare l’autore di

Commenti 4
mar 19 mag 2015, ore 17.46
IL CASO
Nave, neopatentato investe la madre facendo la retro nel parcheggio di casa
Un giovane neopatentato stava facendo manovra nel cortile di casa quando, per sbaglio, ha investito la madre che gli stava indicando come sterzare. E' successo a Nave. La madre era uscita di casa per dare indicazioni al figlio su come uscire dal parcheggio di casa, in via Montegrappa, e lo faceva mentre stava in piedi dietro il veicolo. Il neopatentato però ha perso il controllo dell'auto mentre faceva retromarcia e ha involontariamente investito la madre, 48enne, trasportata subito dopo in ospedale in codice rosso. Le sue condizioni non sono apparse troppo gravi e a quanto pare non sembra che abbia perso conoscenza, ma di certo si è rotta una gamba.

Commenti 2
mar 19 mag 2015, ore 16.45
IL CASO
Polizia circondata nel campo nomadi. La risposta è un maxi blitz il giorno dopo
Le forze dell'ordine bresciane rispondono al gesto di intimidazione degli abitanti del campo nomadi di via Borgosatollo che lunedì sera, in seguito ad un inseguimento, hanno circondato la Volante della Polizia Stradale di Montichiari dopo che questa era entrata nel campo per fermare un'auto risultata rubata. A quanto si racconta sul Giornale di Brescia sembra che gli agenti stessero inseguendo un'auto rubata quando l'uomo al volante si è infilato nel campo cercando di far perdere le sue tracce. Nel tentativo di raggiungerlo però la Volante si è trovata di fronte decine di persone che hanno cercato di aiutare il fuggitivo fino a circondare l'auto dei poliziotti costringendoli a proseguire l'inseguimento. In realtà non hanno fatto altro che suscitare la reazione della Questura che il giorno dopo ha inv

Commenti 23
mar 19 mag 2015, ore 15.25
SUI SOCIAL
Ennesima spaccata in centro storico: la denuncia passa da Facebook
Ennesima spaccata in centro storico. Questa volta i ladri hanno preso di mira un negozio di abbigliamento di via Dante. A segnalarlo è il gruppo Facebook “Brescia che non vorrei” che da tempo denuncia le situazioni di degrado, vandalismo e inciviltà presenti in città. In questo caso i ladri hanno rotto la vetrina, rubato il fondo cassa ed alcuni vestiti e sono scappati. Al titolare del negozio non resta che ripagarsi i danni, sperando che sia l'ultima volta.

Commenti 7
mar 19 mag 2015, ore 12.12
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo
9

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Chi è il miglior artista musicale bresciano?
Omar Pedrini
Mauro Pagani (Pfm)
Francesco Renga
Fausto Leali
Luisa Corna
Charlie Cinelli
Irene Fargo
L'Aura
Ettore Giuradei
Plan de fuga
Don Turbolento
Altri (suggerite i nomi a info@bsnews.it)

Chi è il miglior calciatore passato da Brescia?
George Hagi
Roberto Baggio
Joseph Guardiola
Andrea Pirlo
Luca Toni

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
18:40 stradivarius
24 mag - Vai alla news »
Se tornano al Governo cosa faranno i leghisti ? Le stesse cose come nel 2010, momento di massima gloria, quando l'elenco dei designati o ind
18:15 bettinsoli Albe
24 mag - Vai alla news »
Alcune precisazioni in merito . Il 45enne finito in ospedale sono io che di anni ne ho 38. Ho letto molte cose in rete riguardo a questo f
18:14 Bettinsoli Albe
24 mag - Vai alla news »
Alcune precisazioni in merito . Il 45enne finito in ospedale sono io che di anni ne ho 38. Ho letto molte cose in rete riguardo a questo
18:12 bio
24 mag - Vai alla news »
18:10 @ ma cosa ?
24 mag - Vai alla news »
Cosa c'è di così attrattivo a Ghedi per il marocchino ? Tanti, davvero tanti clienti...
17:43 christiana
24 mag - Vai alla news »
Quale sarebbe il problema? L'erba alta significa che le pisntine riescono a maturare, a fare i semi e a riprodursi dando nutrimento attraver
17:28 io
24 mag - Vai alla news »
Sarà stato salvini
17:24 Grazie al cielo
24 mag - Vai alla news »
Grazie al cielo nel PD i Bragaglio sono pochi e nella sinistra abbondano i Lacquaniti e Almansi. ALtrimenti noi di destra avremmo vita diffi
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
A Brescia arriva la rivoluzione della ceretta con Go Wax
A Milano e in altre capitali mondiali è ormai una “moda” inarrestabile. E da inizio giugno fa tendenza anche a Brescia. Si tratta della ceretta brasiliana, pratica che ha già conquistato dive e donne “normali” in tutto il mondo perché basata su una tecnica che ha quasi del "rivoluzionario" rispetto a quella tradizionale. La "new ceretta" wax è una applicazione a caldo di cera d'api e miele che ha la caratteristica di
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook


       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008