Sabato 25 Ottobre 2014 - Ore 15:20


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal Camonica
IL FATTO
Rapina a mano armata alla torrefazione: ladri via con 15mila euro
Rapina a mano armata alla Torrefazione Carraro di Flero. A raccontare come è andata sul Giornale di Brescia è uno dei dipendenti presenti al momento della rapina: “Ci hanno puntato la pistola e chiesto l’incasso. Un collega è stato chiuso in un capannone”. Cinque minuti di paura nei quali i malviventi, che erano in due, sono riusciti a rubare 15 mila euro per poi scappare a bordo di un’auto aziendale della stessa Torrefazione Carraro. “Prima mi hanno costretto ad aprire la cassaforte – racconta ancora il testimone - e poi mi hanno chiesto le chiavi dell’auto. È stato un blitz”. Sulla vicenda stanno indagano i carabinieri di Verolanuova.

Commenti
sab 25 ott 2014, ore 14.08
I CASI
Emergenza avvelenamenti felini ad Angolo Terme: si cercano i responsabili
Torna l'emergenza avvelenamento gatti ad Angolo Terme, dove nel giro di due anni si sono registrati già quindici casi di morte felina per avvelenamento. Solo negli ultimi mesi sono quattro le carcasse dei felini trovate tra via Prat de la Sal e via Bucaneva, vicino alla chiesa di San Silvestro dove vivono due tranquille colonie feline. A qualcuno però, a quanto pare, danno fastidio tanto da arrivare a disseminare il territorio di esche velenose che, una volta ingerite dal felino, gli procurano una morte molto dolorosa. I volontari sono corsi a ripari per fermare questa escalation di violenza contro le colonie feline, avvisando anche Asl e Polizia Locale di quanto sta accadendo. Per ora però i responsabili non sono ancora stati individuati.

Commenti
sab 25 ott 2014, ore 11.33
I DATI
Tra bus e metrò sono migliaia le multe non pagate
Il problema non sono più solo i portoghesi, quell'8 per cento di utenti che salgono su autobus e metropolitana senza pagare il biglietto, ma anche coloro che “beccati” senza biglietto e multati, non pagano la multa. A rendere noti i numeri di un fenomeno in crescita è il Giornale di Brescia che racconta che il numero di quelli che paga la multa è fermo al 30 per cento. Così nel 2011 su 18mila verbali ne sono stati pagati solo 5.800, nel 2012 su 22mila solo 7.700 e nel 2013 di 32mila sanzioni solo 10mila e cinquecento hanno pagato. Non pagare del resto non è poi così difficile. I controllori al momento della multa richiedono i dati all'interessato, ma se uno non ha i documenti con sé si sprecano i nomi e gli indirizzi falsi e risalire al vero trasgressore a quel punto sembra

Commenti 1
sab 25 ott 2014, ore 10.32
IN VETRINA
A Brescia arriva la rivoluzione della ceretta con Go Wax
Brasilian Wax A Milano e in altre capitali mondiali è ormai una “moda” inarrestabile. E da inizio giugno fa tendenza anche a Brescia. Si tratta della ceretta brasiliana, pratica che ha già conquistato dive e donne “normali” in tutto il mondo perché basata su una tecnica che ha quasi del "rivoluzionario" rispetto a quella tradizionale. La "new ceretta" wax è una applicazione a caldo di cera d'api e miele che ha la caratteristica di non attaccarsi alla pelle ma – anche grazie alla tecnica di applicazione con strato spesso - di inglobare esclusivamente il pelo (qui il video esplicativo: https://www.youtube.com/watch?v=HnHmQRNTFvA). Risultato: la ceretta è meno irritante, lo strappo è più efficace (la ricrescita più lenta) e i tempi della “cura” decisamente più veloci. E per le più vezzose esiste anche la possibilità di fare cerette artistiche, modellate e decorate con strass. A Brescia la "new ceretta" - per donna e per uomo, anche senza appuntamento - è quella di “Go Wax – The new ceretta”, che ha aperto i battenti a giu
Entra nella rubrica


Un film in programmazione al Nuovo Eden. Marithé lavora in un istituto di formazione per adulti e aiuta le persone a trovare la loro vera vocazione. Un giorno le si presenta Carole, moglie complessata che vive all'ombra del marito, Sam, uno chef di fama. Marithé decide di aiutarla a em
  20 21 22 23 24 25 26


I fondi, a volte, ci sono. Ma fa discutere - e mettere le mani tra i capelli - la piattaforma della Regione Lombardia (www.bandimpreselombarde.it) attraverso la quale è possibile accedere alle opportunità di finanziamento pubblico offerte alle imprese lombarde. L'ultimo tilt risale allo scorso 16 ottobre, alle 14, quando il sistema che doveva distribuire ben 6,8 milioni di euro a startup e Pmi nell'ambito del “Bando ricerca e innovazione 2014” è andato in crisi.
Opinioni Link suggerito









IL CASO
Giovane bresciana "violentata dall'amico" in vacanza: versioni contrastanti
Come ogni estate trascorre le vacanze in Sicilia, nel paese natale del padre, ma quest'anno, nel pomeriggio del 13 agosto, la vacanza si è trasformata in un incubo. Un ragazzo cinque anni più grande di lei infatti l'avrebbe costretta a seguirlo in un casolare abbandonato per poi violentarla. La vittima è una ragazza di 20anni bresciana. Inizialmente la giovane ha denunciato la violenza contro ignoti, per paura, come scrive il Giornale di Brescia, che il padre, definito un uomo all'antica,“si vendicasse personalmente sul ragazzo che mi ha violentata”, ha raccontato in un secondo momento agli inquirenti. Alla polizia racconta inizialmente che è stata trascinata con forza in spiaggia per poi essere violentata. Descrive il giovane violentato, ma non fa il suo nome. Due giorni dopo però gli

Commenti
sab 25 ott 2014, ore 10.16
POLIZIA
Arrestato moldavo per furto di benzina: si cercano i quattro complici
Era notte fonda quando una guardia giurata che stava effettuando un giro di perlustrazione in via Buozzi, zona industriale a sud-ovest della città, ha notato un gruppo di uomini che, all'interno di un'azienda della zona erano intenti a trafugare benzina da un mezzo pesante presente nel parcheggio. Il vigilantes ha lanciato subito l'allarme avvertendo la polizia di ciò che stava accadendo. Una volante si è portata immediatamente sul posto, ma quattro dei cinque membri della banda sono riusciti a fuggire. Uno solo è stato fermato. Si tratta di un moldavo residente a Brescia. Per lui l'accusa è di furto aggravato e la pena è di 1 anno e due mesi di reclusione.

Commenti 1
ven 24 ott 2014, ore 16.46
INCIDENTE SUL LAVORO
Quinzano, giardiniere travolto dalla ruspa: gravissimo
E' in gravissime condizioni il giardiniere che questa mattina, intorno alle 10.30, è stato travolto dalla ruspa sulla quale stava lavorando. L'uomo ha perso il controllo del mezzo nei pressi di via Vincellata a Quinzano, a causa della pendenza del terreno. Come scrive il Giornale di Brescia vista la gravità del fatto l'uomo è stato soccorso con l'eliambulanza ed è stato trasportato alla Poliambulanza, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.  

Commenti
ven 24 ott 2014, ore 15.17
LA DENUNCIA
Prende a pugni il controllore e scappa: l'aggressore è un 25enne bresciano
di Elisabetta Bentivoglio - E' un giovane bresciano di 25 anni il responsabile dell'aggressione avvenuta nel pomeriggio di lunedì, 20 ottobre, sulla linea 17 dell'autobus ai danni di un controllore di Brescia Mobilità. A rivelarlo è la Questura di Brescia che questa mattina ha divulgato i particolari che hanno portato alla denuncia dell'uomo. Erano le 17,30 quando sulla linea 17 che dall'ospedale Civile conduce verso Castel Mella, all'altezza di via Oberdan, il controllore è salito sul bus chiedendo di esibire i titoli di viaggio. In quel momento l'unica persona a bordo, ad esclusione del conducente, era il 25enne che, dopo aver visto il controllore ha iniziato a maneggiare il cellulare nel tentativo, si scoprirà in seguito, di acquistare il biglietto tramite sms. Mauro, controllore 55enne residente i

Commenti 9
ven 24 ott 2014, ore 14.56
IL CASO
Elezioni Aci, chiesto il processo per Bonomi e altri cinque
Sono cinque le richieste di rinvio a giudizio per le elezioni dell'Automobil club bresciano che si sono tenute nel 2009. A vincere, allora, era stata la cordata guidata dall'imprenditore lumezzanese Aldo Bonomi. Ma subito lo sfidante Giulio Ramponi aveva “denunciato” presunti brogli elettorali (in particolare la “falsificazione” delle firme nei moduli di presentazione delle liste). Dubbi che il sostituto procuratore Claudia Moregola ha considerato validi, chiedendo quindi il processo per Bonomi. Ma anche per Roberto Gaburri (attuale presidente della Mille Miglia Srl), Sandro Ghidini, Paolo Mazzetti, Giampiero Belussi e Arrigo Prandelli. Ora si attende il pronunciamento del Gip, che deciderà sull'eventuale processo.

Commenti
gio 23 ott 2014, ore 12.34
IL CASO
Assaltavano i bancomat e li facevano saltare: arrestate sette persone
Sette persone arrestate dai carabinieri di Brescia per detenzione di un Kalashnikov, due pistole, oltre 500 proiettili, bombole di acetilene ma anche tre auto rubate e parti di uniformi degli agenti di Polizia. La banda era dedita all'assalto degli sportelli bancomat, oltre che a furti nelle abitazioni del Nord Italia. Diverse le accuse a loro carico: tra cui associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati ai danni di sportelli bancomat, furti in abitazione e detenzione e fabbricazione di materiale esplodente.

Commenti 1
gio 23 ott 2014, ore 11.19
DA FACEBOOK
Sicurezza in Stazione: senzatetto dormono in biglietteria
(e.b) Sta facendo il giro del web la foto segnalazione di un utente di Facebook che mercoledì mattina ha postato sulla pagina “Brescia che non vorrei” l'immagine di tre senzatetto intenti a dormire all'interno della stazione ferroviaria di Brescia. “Succede tutte le mattine in Stazione”, fa sapere l'utente a margine della fotografia. L'immagine non lascia spazio a dubbi: sono le sei del mattino e tre clochard, con sacchi a pelo e coperte varie, stanno dormendo chi sul pavimento vicino alla biglietteria della Stazione, chi di fianco alla biglietteria automatica, chi addirittura sopra un muretto. Situazioni di degrado che di certo non generano un senso di sicurezza in chi, ogni mattina, deve recarsi in stazione per raggiungere i luoghi di studio o lavoro. Un problema, quello di chi dorme in stazione, che

Commenti 21
gio 23 ott 2014, ore 09.52
IL CASO
Zanola, chiesto il rinvio a giudizio. Il Pm: “Voleva distruggere economicamente Gedit”
Violenza privata e abuso d'ufficio. Sono questi i due capi d'imputazione per cui il pubblico ministero ha chiesto il rinvio a giudizio dell'ex sindaco di Montichiari Elena Zanola - oggi insegnante alle elementari di Lonato - nell'ambito del caso Gedit. L'udienza preliminare è stata fissata per il 30 gennaio 2015. Secondo il pm Michele Stagno, l'ex primo cittadino leghista avrebbe compiuto atti diretti “in modo non equivoco” a sottoscrivere una convenzione onerosa con il Comune (con un esborso “sproporzionato” rispetto ai contributi richiesti alle altre discariche presenti in zona), ma anche a “distruggere economicamente la Gedit costringendola alla chiusura o alla vendita a soggetti graditi al Comune”. In particolare la Zanola avrebbe fatto un'attività di “condizionamento&rdquo

Commenti 32
mer 22 ott 2014, ore 15.38
DAL TRIBUNALE
Caduta pensilina Pam: quattro gli indagati
Quattro le persone iscritte nel registro degli indagati per il crollo della pensilina del Pam dello scorso martedì. Come riporta il Giornale di Brescia i primi due proprietari dello stabile di via Porcellaga, G.R, E.Q, ma anche l’amministratore del condominio,J.C e l'avvocato che rappresenta il supermercato Pam. Il sostituto procuratore Isabella Samek Lodovici, titolare del fascicolo, ha convocato i quattro per la mattinata di domani, oltre ad un esperto di statica cui affiderà la soluzione tecnica del caso. Intanto in in via Porcellaga il supermercato ha riaperto dopo due giorni, anche se con ingressi ridotti. Della tragedia sfiorata non resta altro che i sigilli apposti dall'autorità giudiziaria e quel che rimane della pensilina andata in pezzi.

Commenti
mer 22 ott 2014, ore 15.12
POLIZIA
Nuovo scippo con strappo in città: nordafricano via con la borsa di una 75enne
Nuovo scippo questa mattina in città. Erano le 10.40 quando personale della Volante è stato chiamato in via Forcello, in seguito ad un furto con strappo avvenuto ai danni di una signora di circa 75 anni. E' stata la stessa donna a segnalarlo e sempre lei ha raccontato che si trattava di un cittadino nordafricano, alto, magro e che indossava un paio di jeans ed un giubbino marrone. L’uomo ha strappato la borsa  dalle mani della signora per poi allontanarsi con una bici e far perdere le proprie tracce.

Commenti 6
mer 22 ott 2014, ore 14.55
DA BRESCIA MOBILITA' E PREFETTURA
Aggressioni sui bus: scatta l'ipotesi delle guardie giurate a bordo
I vertici di Brescia Mobilità e della Prefettura si sono incontrati questa mattina per definire una strategia per fermare le continue aggressioni subite nelle ultime settimane dai controllori sugli autobus cittadini, ultimo quello di ieri. L'idea sarebbe quella di mettere delle guardie giurate a bordo dei bus. Non si sa ancora con quali modalità potrebbero entrare in servizio , ma il tutto verrebbe finanziato da Brescia Mobilità. Il presidente della società, Valerio Prignachi, ha specificato però che le guardie giurate non affiancheranno i controllori.

Commenti 13
mer 22 ott 2014, ore 14.27
LA TRISTE STORIA
Muore anziana in casa di riposo: denunciati 4 medici per omicidio colposo
Quattro medici di una nota casa di riposo di Rezzato sono stati denunciati per omicidio colposo, lesioni personali colpose e per falso. IA sporgere denuncia, come racconta il Corsera di Brescia, sono stati i famigliari di Maria Filippini, entrata nella clinica il 4 gennaio del 2013 in seguito ad un malore e morta il 27 aprile dello stesso anno in ospedale, dove è arrivata in condizioni critiche. I familiari raccontano di essere riusciti a farla trasferire il giorno prima della morte alla Fondazione Pasotti Cottinelli Onlus in via Grazzine, dove era arrivata incosciente e che una dottoressa della stessa avrebbe riferito alla pronipote che “ oltre alle precarie condizioni di salute della Filippini, la stessa si trovava anche in precarie condizioni igieniche e sanitarie”. Parole che hanno fatto credere ai familiari che l

Commenti
mer 22 ott 2014, ore 12.09
L'INCIDENTE
Si ribalta il trattorino con la legna, muore il giardiniere del comune a Toscolano
Da una vita intera raccoglieva legna, la caricava sul rimorchio attaccato al trattorino e la portava a casa per accatastarla in vista del freddo. Ieri sera, nel compiere le solite operazioni, qualcosa è andato storto: il mezzo che conduceva si è ribaltato, uccidendolo. E' morto sul colpo Giovanni Cipani, 56 anni, residente al civico n. 17 di via Bezzuglio, nell'omonima frazione di Toscolano Maderno, al confine con Gardone Riviera. Era già pomeriggio inoltrato quando Giovanni, che da 20 anni è il giardiniere comunale proprio a Toscolano, è uscito a fare la legna. Poco prima delle 19, quando stava per fare ritorno a casa, il trattorino è scivolato in un fosso, ribaltandosi e intrappolando il conducente sotto il suo peso. L'incidente non ha lasciato scampo all'uomo. I Vigili del Fuoco di Sal&ogr

Commenti
mer 22 ott 2014, ore 07.13
CARABINIERI
Sniffa cocaina e distrugge casa: arrestato 30enne kosovaro
La sua compagna è stata costretta a chiamare i carabinieri dopo che il 30enne fidanzato kosovaro – che probabilmente aveva sniffato un gran quantitativo di cocaina – ha iniziato a distruggere e mettere a soqquadro la loro abitazione di Chiari: tavoli, mobili e dispensi gettati all'aria. La ragazza è stata raggiunta dai Carabinieri che hanno tentato di fermare l'uomo, ma sono stati aggrediti a loro volta. Alla fine però sono riusciti a fermare la furia cieca e a portarlo in ospedale dove gli è stato somministrato un sedativo per calmarlo. Intanto è stata perquisita l'abitazione e, nascoste in bagno i carabinieri hanno trovato 14 dosi di cocaina. La droga presente in casa ha messo nei guai anche la donna finita agli arresti domiciliari per detenzione di sostanza stupefacente. Stessa conda

Commenti 3
mar 21 ott 2014, ore 17.09
A MONIGA
Lite tra baristi a colpi di mattarello: uno in ospedale
Baristi ai ferri corti ieri in piazza San Martino a Moniga: la lite tra due gestori è degenerata e, davanti a testimoni, sono partiti spintoni, pugni. Ma uno è andato ben oltre: ha afferrato un matterello e lo ha picchiato violentemente in testa all'altro. Come riporta il Giornale di Brescia tutto è successo intorno alle 8, mentre in Piazza si stava svolgendo il mercato. Alla base del litigio ci sarebbero vecchi dissapori che sono culminati proprio ieri. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Manerba e un’ambulanza del 118, che ha portato all’ospedale di Desenzano l’uomo colpito dal mattarello.

Commenti
mar 21 ott 2014, ore 14.32
POLIZIA
Si improvvisa detective e fa arrestare coppia di scippatori
(e.b) Un cittadino si è improvvisato ispettore permettendo l'arresto di una coppia di malviventi. E' successo domenica 19 intorno alle 14,30 in città. Il testimone, un 35enne di Castenedolo, stava percorrendo in auto via XX Settembre quando, all'angolo con via Foppa, ha notato un uomo strappare la collanina dal collo di una donna e allontanarsi in tutta fretta. A quel punto la decisione di seguirlo, avvertendo nel frattempo anche il 113. Dopo aver raccontato ciò che aveva appena visto e aver fornito la descrizione fisica del malvivente, che vestiva un paio di jeans e una canottiera di colore grigio, ha continuato a pedinare l'uomo che, dopo essere entrato in un bar all'angolo tra via XX Settembre e via Saffi, in pochi secondi si è cambiato la maglia, ha indossato una felpa ed è uscito dal retro in

Commenti 9
mar 21 ott 2014, ore 13.07
NUOVO EPISODIO
Via Oberdan, aggredito altro controllore sul bus: ricercato giovane italiano
Bresciano, di età apparente intorno ai 25 anni, sfacciato e violento. Questo l'identikit (i tratti somatici sono stati trasmessi a tutti gli agenti delle forze dell'ordine) del giovane che si è reso protagonista del nuovo, ennesimo, episodio violento a bordo di un mezzo di trasporto cittadino. L'autobus sul quale viaggiava, lungo il percorso della linea 17, si è fermato in via Oberdan per far salire due controllori. Il giovane, privo di tagliando di viaggio, prima ha cercato di giustificarsi dicendo di non essere riuscito ad acquistare il biglietto online, poi, quando i controllori gli hanno chiesto di lasciare il mezzo, in preda alla rabbia ha rifilato uno schiaffo e un pugno al volto di uno dei due, un ex autista di 56 anni, prima di tirare la maniglia per fare aprire le porte e scendere dal bus. I due dipen

Commenti 9
mar 21 ott 2014, ore 07.40
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo
26

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Parlamentari bresciani, chi è il migliore?
Paolo Corsini (Pd)
Miriam Cominelli (Pd)
Guido Galperti (Pd)
Massimo Muchetti (Pd)
Alfredo Bazoli (Pd)
Marina Berlinghieri (Pd)
Claudio Cominardi (M5s)
Ferdinando Alberti (M5s)
Vito Crimi (M5s)
Girgis Sorial (M5s)
Tatiana Basilio (M5s)
Stefano Borghesi (Lega)
Raffaele Volpi (Lega)
Davide Caparini (Lega)
Mariastella Gelmini (Pdl)
Giuseppe Romele (Pdl)
Riccardo Conti (Pdl)
Gregorio Gitti (Monti)
Mario Sberna (Civica Monti)
Luigi Laquaniti (Sel)

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:05 boh
25 ott - Vai alla news »
votate pro lombardia indipendenza
14:38 io
25 ott - Vai alla news »
Mamma li turchi
14:23 Perdoniamolo
25 ott - Vai alla news »
anche per questo povero immigrato , in cerca di lavoro assiduamente e diligentemente, magari profugo o rifugiato che sia , magari con il sus
13:08 fox
25 ott - Vai alla news »
Che volpi....
13:06 terù
25 ott - Vai alla news »
é un patito di terroni.....
12:25 scandalizzato;
25 ott - Vai alla news »
Una seconda linea???? Ma se siamo super indebitati e non riusciamo a fare pagare a tutti il biglietto!!! Ci sono di mezzo guadagni sugli app
12:18 nes
25 ott - Vai alla news »
solita bufala all'italiana,,,,,,,, se uno non paga il biglietto di principio,,,,,,,ti paga la multa poi,,,,,haaaa
12:12 nes
25 ott - Vai alla news »
vi vengono buoni i meridionali adesso???con tutto quello che gli avete urato contro fino a due secondi fa!!!!!!!!!!!roba da macc,,,,,,,,,,,
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Bexb, il baratto combatte la crisi. Partendo da Brescia
Nell’Italia della crisi economica e dell'assenza di liquidità c'è chi ha risolto il problema dei conti “semplicemente” tornando indietro di qualche migliaio di anni. Cioè sostituendo la moneta e i bonifici con il baratto. A fare questa scommessa è stata un’innovativa società bresciana, BexB, che nel solo 2013 è riuscita ad alimentare un mercato di scambi del valore complessivo di ben 86 milioni di euro. Affermandosi sempre di pi&u
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook


       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008