Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 31 Maggio 2016 - Ore 18:04


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Per segnalare un evento al sito manda una mail a info@bsnews.it
EVENTO
Turi Simeti: Spazio empatico
Luogo: Galleria Incontro, via XXVI Aprile, 38 - CHIARI
Data: dal 07/12/2014 al 13/02/2015
Ora: vedi dettagli nello spazio sottostante
Costo: ingresso gratuito


Turi Simeti. Spazio empatico

di Ivan Quaroni

Negli anni Sessanta, Turi Simeti è tra coloro, che aderiscono all'idea di ristabilire un "grado zero" della pittura, attraverso la ridefinizione dei principi costitutivi dell'immagine e l'indagine dei meccanismi primari di percezione. Le premesse erano già contenute nel Manifesto Blanco di Lucio Fontana (1946), là dove si affermava che "oggi la conoscenza sperimentale sostituisce la conoscenza immaginativa". Un'intuizione, d'altronde, che poi si rafforzerà nelle ricerche del Gruppo Zero di Dusseldorf (e in seguito di tutte le altre formazioni europee e italiane), tese, attraverso un uso razionale del segno, a intensificare e stimolare l'esperienza percettiva dell'osservatore. Non è un caso, infatti, che Turi Simeti partecipi nel 1965 alla fondamentale mostra Zero Avantgarde, organizzata da Lucio Fontana nel suo studio milanese, allo scopo di confrontare e verificare le ricerche di artisti come Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Piero Manzoni, Nanda Vigo, Hans Haacke, Heinz Macke, Otto Piene e molti altri, che operavano in direzione di una ridefinizione del dominio operativo della pittura, ponendo attenzione alle implicazioni ottiche e spaziali che comportava l'azzeramento del concetto tradizionale di "superficie". Tuttavia, già allora, il background culturale di Simeti, conteneva un elemento di peculiarità, derivato dalle precedenti sperimentazioni di marca informale. La frequentazione di Alberto Burri negli anni romani, prima del definitivo trasferimento a Milano nel 1966, aveva garantito all'artista siciliano un diverso percorso evolutivo, marcando in maniera originalissima il passaggio dalle prime indagini formali al nuovo zeitgeist "percettivista". Proprio questa differenza d'origine, quest'ascendenza gestuale e segnica, spesso rilevata dalla letteratura critica, costituisce un fattore decisivo nelle future evoluzioni del linguaggio pittorico di Simeti, non tanto sul piano formale, quanto, piuttosto, su quello dell'attitudine e delle intenzioni. Infatti, è pur vero che Simeti ha assorbito e filtrato in modo personale l'eliminazione dei fattori emotivi tipici dell'Informale, pervenendo a un modello compositivo rigoroso, il cui scopo finale non è solo quello di interagire con la percezione ottica dell'osservatore, ma forse anche con quella cognitiva, e ben più misteriosa, del subcosciente. Il primo apologeta dell'opera di Simeti, Giuseppe Gatt - curatore della mostra personale dell'artista alla Galleria Vismara di Milano nel 1966 - scriveva che nel rigoroso modus operandi dell'artista "è, tuttavia, insito un elemento difficilmente controllabile, preterintenzionale, probabilmente per lo stesso artista, e che affiora soltanto alla fine, quando cioè, insieme alla poetica, si esaminano i risultati e le immagini".[1] Gatt definiva questo elemento "il quoziente magico", ossia un quid che si produce nel momento in cui le forme si protendono nello spazio fisico, polarizzando l'attenzione dell'osservatore non solo tramite i sensi, ma anche attraverso una comunicazione assai più sottile e inafferrabile. In altre parole, le opere di Simeti riescono a essere al contempo dispositivi per la sollecitazione di percezioni ottiche e oggetti apotropaici, rituali, da cui irradia un'energia che, pur con qualche cautela, potremmo definire "magica". In realtà, si avverte negli scritti critici su Simeti una sorta di circospezione nei confronti di quest'argomento, una prudenza che, sovente, si accompagna a un'aleatorietà e indeterminatezza di termini. Dopo Gatt, infatti, nessun altro approfondisce il concetto di "quoziente magico". La maggior parte dei critici preferisce, comprensibilmente, evidenziare gli aspetti di sintonia tra le opere dell'artista siciliano e le ricerche coeve dei "percettivisti" (in particolare di Castellani e Bonalumi per ciò che concerne la cosiddetta Shaped Canvas e l'utilizzo delle estroflessioni), tralasciando, invece, di indagare la natura suggestiva, e dunque immaginativa, delle sue opere. Ma procediamo con ordine.Nel 1961, Turi Simeti realizzava ancora collage di carta con buste commerciali bruciate agli angoli. Proprio durante quelle sperimentazioni, per ammissione dell'artista "debitrici" delle combustioni di Alberto Burri, appare per la prima volta la forma ovale, che diventerà poi il marchio distintivo della sua opera. La circostanza in cui quella forma, pur carica d'implicazioni simboliche, affiora nei collage, però, dice molto sull'attitudine di Simeti. Infatti, nonostante l'uso reiterato di quella e di altre figure geometriche (come il cerchio e il quadrato), durante tutto il suo percorso artistico, Simeti non sarà mai veramente interessato alla geometria. Piuttosto, gli interesserà il rapporto che queste figure primarie intrattengono con lo spazio e la possibilità d'interazione dei volumi nel perimetro tradizionale del quadro o della scatola e, quindi, il loro, inevitabile, sconfinamento fuori dai margini della tela. Dopo le esperienze informali del periodo romano, Simeti reagisce, come ricorda Vittorio Fagone, "con una serie di correttivi"[2],che lo inducono a isolare una forma (l'ellisse), al fine di interrompere la continuità delle superfici bidimensionali con una successione di tensioni volumetriche. Dal 1962, l'ovale diventa una sorta di ossessione linguistica, un sintagma ricorrente che evolverà dalle prime forme artigianali (nei collage eseguiti allineando sagome di cartone ritagliato) a quelle più nitide e scandite dei lavori successivi (in cui le sagome di legno sono inserite tra la tela e la tavola per creare una nuova pulsione ritmica e plastica). Parallelamente all'adozione dell'ellisse come segno distintivo della sua pittura, l'artista introduce cromie sempre più uniformi, ormai prive di connotazioni espressionistiche, facendo, così, risaltare gli effetti scaturiti dalla diversa incidenza della luce sull'epidermide dell'opera. Di fatto, dal 1967 in avanti, le estroflessioni entrano stabilmente a far parte del suo linguaggio formale, anche in conseguenza di un serrato confronto con Castellani e Bonalumi, suoi vicini di studio a Sesto San Giovanni. Inizialmente, Simeti gestisce il rapporto tra spazio e superficie lasciando emergere isolate figure ellittiche, spesso decentrate, a formare impercettibili increspature della tela. Poi, nel tempo, queste sagome ovoidali si moltiplicano, come per un effetto di una mitosi cellulare o di proliferazione organica che le fa sembrare entità vive e pulsanti, invece che archetipi statici. D'altro canto, l'ellisse può essere considerata una figura di mediazione tra la dimensione iperurania e astratta del cerchio e i suoi molteplici e difformi adattamenti nel mondo fenomenico. Infatti, con le sue innumerevoli varianti, essa appare più affine e adatta alla sensibilità umana. Come osserva Alberto Fiz in una recente intervista, l'ovale "non è contemplato dall'arte di formazione analitica."[3] Forse perché non rappresenta un simbolo assoluto, di rigorosa e aurea perfezione, ma piuttosto l'espressione di un dinamismo connaturato alla vita naturale. Un dinamismo che, per inciso, si fa sempre più evidente nella produzione di Turi Simeti, a cominciare dall'uso della tela sagomata, che spezza la linearità perimetrale della tela, suggerendo una più marcata vocazione scultorea. Ne sono prova, soprattutto, i lavori eseguiti tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio dei Novanta, in cui l'artista recupera la forma circolare, estendendola oltre i bordi fino a conquistare l'agognata dimensione oggettuale. È il caso di Un tondo grigio, tela sagomata del 1991, dove una forma circolare monocroma segnata da lievi increspature gestuali, sembra violare la quadrangolare recinzione sottostante in una sorta d'impeto superbamente spazialista. Eppure, il movimento diventa ben più che una mera suggestione già dopo la seconda metà degli anni Sessanta, quando, abbandonato il meccanismo di reiterazione tipico di lavori come 108 ovali neri (1963), Simeti sgombra definitivamente il campo della tela, fino a disporre, sotto la superficie, un solo elemento o un piccolo gruppo compatto di ellissi. In queste opere, ormai rastremate fino all'osso, il dinamismo appare potenziato grazie al contrasto netto tra l'uniformità cromatica della tela e le protrusioni ellittiche, mentre la percezione del campo spaziale acquista una qualità quasi musicale, che trasforma gli elementi aggettanti in pulsazioni ritmiche e armoniche. Nondimeno, negli anni Ottanta, Novanta e Duemila, Simeti affina con incredibile acribia questa grammatica musicale, approfondendone il carattere monodico in tutte le molteplici sfumature. Gli elementi ovali si moltiplicano, infatti, per numero e dimensione, così come l'inventario, pressoché infinito, degli effetti luministici e, infine, la palette cromatica, via via più ricca. È sufficiente osservare opere di diversa datazione, come Cinque ovali gialli (1988), Otto ovali marroni (1990) e Sei ovali color sabbia (2006), per comprendere come questo processo di estensione della gamma espressiva proceda costante fino agli anni più recenti. Sebbene il metodo di Simeti rimanga sempre saldamente ancorato ai dettami dell'arte programmata e dunque, contraddistinto da un severo controllo del procedimento creativo, gli esiti della sua ricerca dimostrano il raggiungimento di una sempre maggiore libertà espressiva, che finisce per essere equidistante, come notava Marco Meneguzzo[4], tanto dalle "iterazioni superficiali di Castellani", quanto dai "gonfiori turgidi di Bonalumi". La peculiarità del lavoro di Simeti, consiste nell'aver identificato nell'ellisse (e occasionalmente in altre figure) la forma definitiva di un dialogo ininterrotto con l'osservatore. Un dialogo che non si è mai limitato alla sola stimolazione sensoriale dei meccanismi ottici e cognitivi, ma che, piuttosto, ha saputo penetrare le strutture più profonde dell'individuo, in virtù di un linguaggio formale gravido di segrete assonanze e sottili corrispondenze con il mondo naturale. Ed è, anzitutto, questa capacità di risonanza, questa innata allusività la caratteristica specifica che ha permesso a Simeti di creare uno spazio empatico, un luogo dove l'inferenza tra opera e osservatore acquisisce finalmente una nuova, e più lirica, dimensione antropica.

[1] Giuseppe Gatt, Simeti tra magia e ragione, in Turi Simeti, catalogo della mostra, Galleria Vismara, Milano, 1966.

[2] Vittorio Fagone, in Turi Simeti, catalogo della mostra, Galleria Il Milione, Milano, 1976.

[3] Alberto Fiz, Elogio dell'ovale, in Turi Simeti Unlimited, catalogo della mostra, Luca Tommasi Arte Contemporanea, Milano, 2014.

[4] Marco Meneguzzo, Elogio dell'ombra, in Turi Simeti, catalogo della mostra, La Salernitana, Erice, 1996.

---

ORARI DI APERTURA
martedì: 16:00 - 19:00
mercoledì: 16:00 - 19:00
giovedì: 16:00 - 19:00
venerdì: 16:00 - 19:00
sabato: 10:00 - 12:00 e 15:30 - 19:00
domenica: 10:00 - 12:00 e 15:30 - 19:00
lunedì: chiuso 



Annunci
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo
4

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Quale di questi Comuni bresciani a vocazione turistica non hai mai visitato?
Sirmione
Desenzano
Salò
Limone
Tremosine
Ponte di legno
Montecampione
Darfo
Monte Isola
Iseo

Chi vorresti come nuovo rettore dell'ateneo bresciano?
Gian Paolo Beretta (Ingegneria)
Rodolfo Faglia (Ingegneria)
Riccardo Leonardi (Ingegneria)
Maurizio Memo (Medicina)
Alessandro Padovani (Medicina)
Saverio Regasto (Giurisprudenza)
Emilio Sardini (Ingegneria)
Claudio Teodori (Economia)
Maurizio Tira (Ingegneria Civile)

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:57 Fregature
31 mag - Vai alla news »
Anche a Castegnato la connessione è lentissima e non siamo in mezzo alle montagne....
17:18 Nubi
31 mag - Vai alla news »
Non sembra essere una cosa semplice da un punto di vista societario, oltrechè contabile ed economico. Ma soprattutto bisogna trovare una cif
17:10 Uniti
31 mag - Vai alla news »
La gestione unitaria significa che ci poteva essere anche qualcosa di diverso ? Difficile pensarlo, perchè passata la tornata delle amminist
16:52 UBS64
31 mag - Vai alla news »
OK SAGRAMOLA DOVEVA SAPERE CHE ACCETTAVA TUTTO IL PASSATO....PERO' RESTA IL FATTO CHE LA FAMIGLIA CORIONI ALLORA COSA HA PAGATO ?? BAH SIAMO
16:38 @@13.45
31 mag - Vai alla news »
Visti i burqa? Sì, più di uno, ma non me ne frega granché. Mi preoccupa l'integralismo religioso, quanto quello cooperativistico: quello del
16:16 bresciano
31 mag - Vai alla news »
Laurea in economia.... Braccia rubate all'agricoltura
16:12 bresciano
31 mag - Vai alla news »
Caro sindaco i soldi per i cartelli per l'avvocato e per le spese processuali li avresti potuti utilizzare per comprare qualche pacco d
16:06 esame
31 mag - Vai alla news »
un esame anche del nuovo mega iper centro ikea che molto probabilmente lascera' il centro "le rondinelle" prossimamente purtroppo per chi ci
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Regione Lombardia - Banche dati
- Regione Lombardia - Istituzione
- Calcio Bresciano
- Lo shop dell'Albero della vita
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...