Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 29 Luglio 2016 - Ore 04:00


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE

Rolfi

La Lombardia Orientale? Pensiamo al federalismo fiscale

dI Fabio Rolfi* - Ho seguito il dibattito sul concetto di "Lombardia orientale" e sul possibile ruolo trainante della nostra Provincia in questa aggregazione territoriale. Devo confessare però, forse per limiti miei, di non riuscire a comprendere le ricadute concrete, nonché i benefici che ne deriverebbero per Brescia.

La disastrosa legge Delrio, con la scusa di una riduzione dei costi (cosa ovviamente non avvenuta) ha smantellato un intero livello istituzionale, la Provincia per l'appunto, le cui basi identitarie e storiche sono ancor oggi centrali per la gestione e l’organizzazione di importanti servizi pubblici. Da qui la necessita, secondo i fautori del “lombardorientalismo”, di una nuova aggregazione, la cui natura non è ancora meglio precisata, improntata alla logica della massima razionalizzazione di enti e servizi, nonché finalizzata a creare un'aggregazione capace di contrapporsi ad un “milanocentrismo”, vero o presunto, che viene identificato come l'attuale male della Lombardia.

Voglio dirlo chiaramente: questa tesi non mi convince affatto. Mi pare arrendevole e riduttiva rispetto alla difesa e al rilancio dell’autonomia locale, a fronte di un centralismo statale di ritorno, ben rappresentato dal renzismo e del sua concezione autarchica del potere. Non solo: è anche autolesionista per Brescia, marginalizzata in partenza, relegata a un ruolo da leadership di serie B, di un spazio territoriale storicamente periferico in Lombardia.

Ragionare sul futuro delle autonomie in questo modo, dimenticandosi il tema, irrisolto ma centrale, della fiscalità locale e della quotidiana discriminazione che subisce la Lombardia (e di conseguenza anche Brescia), ben rappresentata da quei 54 miliardi di residuo fiscale che ogni anno la Regione regala allo Stato in termini di differenza fra tasse pagate e contropartita in servizi, è assolutamente fuorviante. Cosa c'entra Milano con tutto ciò? Nulla, perché si tratta solo di fumo negli occhi, di un escamotage per deviare l'attenzione dal vero cuore del problema. Milano condivide con Brescia, e con tutte le altre città lombarde, questa profonda ingiustizia, che rende sempre più precario il livello di sostenibilità delle autonomie locali. Da un lato infatti vediamo una progressiva riduzione dei trasferimenti, dall’altro il tema dell’autonomia fiscale è congelato, in un quadro di accesa destrutturazione degli spazi di manovra territoriali, che si concluderà con la riforma della Costituzione, dove saranno definitivamente cancellate le Province, ridotto al lumicino il ruolo delle Regioni e non verrà concesso nulla ai Comuni.

Ci sono poi questioni strutturali su cui vale la pena riflettere. I nuovi collegamenti che avvicineranno Brescia a Milano (dalla BreBeMI alla Tav, che in 30 minuti consentirà spostamenti da e verso il Capoluogo regionale) aprono prospettive e opportunità interessanti per la nostra Città. Brescia sarà collegata a Milano probabilmente meglio di quanto non lo sia oggi la stessa periferia milanese. Certamente in misura maggiore di Bergamo e di altre città della Regione. Anche per questo motivo possiamo e dobbiamo diventare più appetibili rispetto al passato per scelte di investimento produttivo, per scelte di residenza e più in generale sfruttando le basi, che già esistono e che saranno potenziate nel prossimo futuro, capaci di creare sinergie potenti e portatrici di vantaggi per entrambe le città. Alla luce di ciò perché dovremmo costruire una contrapposizione istituzionale (e del tutto artificiale) con Milano? Perché invece non potenziare e rinsaldare quel ruolo di polo attrattivo che Brescia ha sempre avuto con il Capoluogo di regione?

Se la Città saprà prepararsi in modo consono, imprese e manager potrebbero trovare a Brescia la sede ideale per scelte di vita e di lavoro, dato che grazie all'alta velocità il tempo di collegamento sarà pari a quello di un viaggio in metropolitana. E' questa la sfida cui dobbiamo guardare, oggi a portata di mano e frutto di scelte politiche e istituzionali fatte nel corso dei decenni; sarebbe distruttivo andare nella direzione opposta. La nostra Città è un centro universitario d'eccellenza, sede di imprese dal respiro internazionale, di servizi bancari e finanziari, centro di cultura a vocazione europea e deve volgere lo sguardo al centro della Lombardia, senza nessuna timidezza o sensazione di subalternità.

Per rilanciare la vocazione autonomista, oggi calpestata e violentata da un neocentralismo che strumentalizza i temi della spending rewiew in funzione autoritaria e statalista, bisogna far fronte comune con chi condivide questa situazione mortificante; generare e alimentare divisioni inutili servirebbe unicamente a rafforzare chi l'autonomia la vuole cancellare. Questo deve essere il ruolo strategico della nostra Città. Ricordiamoci infatti che Brescia è la Leonessa d’Italia, non certo un gattino impaurito che, per primeggiare, preferisce gareggiare in B anziché competere in serie A.

* Vicecapogruppo Lega Regione Lombardia



Fonte: Opinione sab 12 mar 2016, ore 12.10
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
no autonomia
(UTENTE NON REGISTRATO)
Salvini è apprezzabile quando ammette che di errori ne sono stati fatti. Ebbene il piu' grande errore che è stato fatto in Italia è stata la modifica del titolo V della Costituzione che ha introdotto in pratica il federalismo. Questa autonomia delle regioni purtroppo ha determinato non un miglioramento, bensi' un peggioramento della nostra vita. Ha trasformato in pratica la nostra Repubblica in una Repubblica ad anarchia regionale dove le Regioni hanno mano libera nella gestione anartchica della cosa pubblica determinando cosi' disuguaglianza e disparità di trattamento delle persone da Regione a Regione. E in uno Stato dove il diritto Costituzionale all'uguaglianza dovrebbe essere sacro cosi' non è piu' dal 2001. Non solo le tasse nazionali non sono diminuite, ma in piu' dobbiamo sopportare il peso di tasse locali sempre in crescita. Nota dolente la sanità che quale diritto universale dovrebbe essere garantito in modo uguale per tutti in tutto il Paese, invece viene erogata in modo diverso da Regione a Regione e in alcune Regioni tuipo Toscana ed Emilia Romagna si pagano anche i ticket in base all'ISEE o al reddito. Piu' disuguale di cosi' non puo' essere, anzi parrebbe palesemente incostituzionale. Davvero auspichiamo in un ritorno del titolo V dei Padri Costituenti del 1946, ma temo non sarà cosi'. Autonomia regionale e federalismo hanno davvero portato tanta ingiustizia e disuguaglianza e disparità di trattamento!!!
dom 20 mar 2016, ore 08.19
Immagine profilo
@BScittagrand
(UTENTE NON REGISTRATO)
"drastica capacità di leggere nel futuro"...la qualificazione usata per la parola capacità ci suona malissimo. Rimandato a settembre: ripara italiano.
sab 19 mar 2016, ore 15.55
Immagine profilo
A noi !
(UTENTE NON REGISTRATO)
Disfattisti: ecco, così il il Duce definiva coloro i quali semplicemente non la pensavano come lui. E li mandava tutti al confine: erano tanti e moltissimi liberali, quelli a cui lei dice di appartenere. "Credere, obbedire, combattere" non lo trovo nel pensiero liberale...
sab 19 mar 2016, ore 11.07
Immagine profilo
BScittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
" il progetto non decollera' mai" ....accidenti che certezze! Vorrei avere la sua drastica capacità di leggere nel futuro. Vorrei invece non avere scarso coraggio e disfattistico sentimento nel predire un avvenire sempre più rinunciatario e avvilente per la nostra città che ha bisogno di fiducia,di spinte e non di freni.
ven 18 mar 2016, ore 22.30
Immagine profilo
@Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il progetto non decollerà mai, come ta tempo immemore non decollano più gli aerei da Montichiari. E anche lei sa benissimo che lo scalo di Orio al Serio sommato a quelli di Linate e Verona Villafranca se ne strafregano delle utopie spannometriche lombardorientali: domanda totalmente saturata dall'offerta, sia in ambito merci sia in ambito passeggeri.
ven 18 mar 2016, ore 16.26
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Leggo oggi di un progetto europeo per l'aeroporto di Montichiari,uno scalo per milioni di passeggeri. Non vorrei che, nell'eventualità che il progetto decollasse,Rolfi per paura di far dispiacere a Milano o meglio a Bergamo ( Orio al Serio areoporti di Milano...!) non intravedesse in questo possibile rilancio,una eccessiva e disturbante affermazione della Lombardia Orientale in funzione anti milanese. Questo eV. Progetto creerebbe una duplicità di aeroporti in concorrenza: Orio,nell'ambito Milanese ( a riprova di quanto sia difficile attrarre Bergamo più a oriente,in un patto quadriprovinciale) e Montichiari,eventual e aeroporto perfetto per la Lombardia Orientale. ( spero che il correttore automatico di testi non mi scombini parole e lettere)
dom 13 mar 2016, ore 16.34
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se scrivo sbrodolano e, in fase di stampa melo trovo separato, mi scoccio. Se poi lo correggo e mi resta separato,penso a lei che attentamente osservera' e puntualizzerà. Non so se lei,simpaticamente,u sa un iPad più ok. Grazie. Spero legga con la stessa attenzione anche il mio ultimo " Convivio Bresciano" con punteggiatura e spaziature corrette e con idee/ proposte meglio descritte.
dom 13 mar 2016, ore 15.11
Immagine profilo
@@sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Reiscriversi. .....lo insegnavano ai miei tempi alla scuola elementare: subito dietro alla lavagna con le orecchie lunghe di cartone! !
dom 13 mar 2016, ore 14.11
Immagine profilo
@Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Virgola e spazio, no eh ? C'entrano il tema o centrano il tema ? Sbrodolano critiche agli avversari? Ci suona un gran male. Ecco, gli uomini liberi dovrebbero anche concentrarsi sul tema della punteggiatura e della grammatica o, se del caso, riscriversi alla Scuola Primaria dell'Infanzia.
dom 13 mar 2016, ore 13.25
Immagine profilo
Sandro bs
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il tifo partitocratico,peggi orato dalla vigliaccheria dell'anonimato,scat ena insulti e cretinerie di basso livello. Troppe voci anonime insultanti non c'entrano il tema e sparano a caso. Il difetto a volte è anche dei politici che,pur di polemizzare con l'opposizione,sbrod olano critiche agli avversari uscendo dal contesto.Concentrars i seriamente sul tema lo fanno solo gli uomini liberi,non le mezze calzette,e tanto meno gli insultatori anonimi.
dom 13 mar 2016, ore 11.36
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il tifo partitocratico,peggi orato dalla vigliaccheria dell'anonimato,scate na insulti e cretinerie di basso livello. Troppe voci anonime insultanti non c'entrano il tema e sparano a caso. Il difetto a volte è anche dei politici che,pur di polemizzare con l'opposizione,sbrodo lano critiche agli avversari uscendo dal contesto.Concentrars i seriamente sul tema lo fanno solo gli uomini liberi,non le mezze calzette,e tanto meno gli insultatori anonimi.
dom 13 mar 2016, ore 11.31
Immagine profilo
@Mastaizitto
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se i cittadini non lo voteranno potrà pensare a questa alternativa. Peccato che in Italia, da qualsiasi parte, i politici poi non tornano a fare la vita di semplici cittadini...
sab 12 mar 2016, ore 23.40
Immagine profilo
Mastaizitto!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Vai a lavorare.
sab 12 mar 2016, ore 20.32
Immagine profilo
kes
(UTENTE NON REGISTRATO)
Federalismo fiscale si' , cosi resta una maggiore fetta a disposizione dei nostri politici regionali per essere maggnata....
sab 12 mar 2016, ore 17.03
Immagine profilo
riforma abolizi
(UTENTE NON REGISTRATO)
dice bene il signore intervistato per quanto riguarda la "riforma delle Province" del signore Delrio ma si dimentica che i suoi amici seduti in maggioranza in regione allora erano molto amici del signore Presidente del Consiglio e cosi' passo' la cd riforma delle province e altre cose. I soggetti del teatrino italiano e lombardo sono sempre i medesimi. come possibile credere alle parole di costoro? con massimo rispetto
sab 12 mar 2016, ore 16.58
Immagine profilo
Rodolfo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il campo da gioco lo scelgono a Roma, dove scrivono pure le regole, decidono chi arbitrerà e ti devi arrangiare con le risorse per acquistare i giocatori e far fronte a tutti gli altri costi. Questa è in sostanza la realtà delle autonomie locali, alle prese con l'incubo quotidiano del bilancio da far quadrare pensando a rendere almeno i servizi essenziali ai propri cittadini. Lombardia Orientale o Area Vasta non esistono in teoria nè potranno mai esistere in pratica. Diciamo che sono sogni, chimere, castelli in aria come canta Rodolfo nella Boheme di Puccini.
sab 12 mar 2016, ore 16.17
Immagine profilo
fantozzi
(UTENTE NON REGISTRATO)
La Lombardia Orientale è come la Corazzata Potionkin e Bragaglio è il suo professor Guidobaldo Maria Riccardelli, organizzatore del cineforum di Fantozzi.
sab 12 mar 2016, ore 14.22
Immagine profilo
BScittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Pieno accordo sull'errore della eliminazione o meglio decapitazione delle province. Ci fa terrore l'idea che serpeggia a destra e sinistra,di Brescia come dormitorio di Milano !!?
sab 12 mar 2016, ore 13.10
Immagine profilo
BScittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Pieno accordo sull'errore della eliminazione o meglio decapitazione delle province. Ci fa terrore l'idea che serpeggia a destra e sinistra,di Brescia come dormitorio di Milano !!?
sab 12 mar 2016, ore 13.10
Immagine profilo
BScittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per salire in serie A,in Italia e in Europa mi pare meglio aspirare da esser leader di una realtà più di peso,proprio perché Brescia può continuare ( o forse ricominciare) ad essere Leonessa.
sab 12 mar 2016, ore 13.00
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Quale di questi Comuni bresciani a vocazione turistica non hai mai visitato?
Sirmione
Desenzano
Salò
Limone
Tremosine
Ponte di legno
Montecampione
Darfo
Monte Isola
Iseo

Chi vorresti come nuovo rettore dell'ateneo bresciano?
Gian Paolo Beretta (Ingegneria)
Rodolfo Faglia (Ingegneria)
Riccardo Leonardi (Ingegneria)
Maurizio Memo (Medicina)
Alessandro Padovani (Medicina)
Saverio Regasto (Giurisprudenza)
Emilio Sardini (Ingegneria)
Claudio Teodori (Economia)
Maurizio Tira (Ingegneria Civile)

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
00:23 bresciano
29 lug - Vai alla news »
Spero che il sindaco Belotti abbia una professionalità da architetto inversamente proporzionale a quella dimostrata da sindaco. In ca
00:21 bresciano
29 lug - Vai alla news »
C'è una verità alla base. Chi di voi ha avuto modo di parlare con il sindaco Belotti di Rovato? Bene se vi manca questa e
23:43 Bscittagrande
28 lug - Vai alla news »
Ok la luce al Vittoriale,ma.... Il colle Cidneo è tristemente illuminato e il Castello mezzo buio !!!!! Non dimenticate Brescia
23:19 considerazione
28 lug - Vai alla news »
Dal 1975 come cooperativa. Ma ricordo che nacque due anni prima e poi falli'. Sorse questa cooperativa che resse fino alla prima meta' degli
23:07 klero
28 lug - Vai alla news »
X IL CONTO. questo alla fine vuole fare come i preti, vuol tirarli qui a spese dei poveri e poi farti sentire in colpa per cose che hanno fa
22:55 klero
28 lug - Vai alla news »
Pregare? Mi sembra di tornare ai tempi della peste manzoniana dove la gente pregava tutta insieme in chiesa per scongiurare il male, infetta
21:09 rocanal
28 lug - Vai alla news »
A ghedi venivano accolti con fiumi di piombo !! Peccato non ci siano andati
20:22 leghisti
28 lug - Vai alla news »
A Rovato hanno trovato terreno vergine. Tutti scienziati a partire dal sindaco
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Regione Lombardia - Banche dati
- Regione Lombardia - Istituzione
- Calcio Bresciano
- Lo shop dell'Albero della vita
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...