Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 02:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'INTERVISTA

Ilaria Bignotti (curatrice d'arte): all'assessore alla cultura chiedo sensibilità ai problemi sociali

(a.m.) Brescia ha degli artisti eccellenti, Brescia ha grandi potenzialità come città d'arte, ma Brescia manca di una programmazione culturale e di continuità. Ed essendo una città multietnica necessita di un assessore alla cultura sensibile alle problematiche sociali. Questo, in sintesi, il commento che Ilaria Bignotti, curatrice d'arte bresciana, esprime riguardo alle realtà culturale della nostra città. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali all'Università di Parma, insegnante all’Accademia di Belle Arti SantaGiulia e al Centro Linguistico e Culturale San Clemente, Bignotti lavora in Gallerie, Fondazioni, Musei in Italia e all’estero, attività che le hanno permesso di poter confrontare diverse realtà culturali.

 

 

Brescia è una città che valorizza i suoi artisti?

Credo che Brescia abbia vissuto fino a pochi anni fa una situazione peculiare e sintomatica delle geografie culturali ed economiche in cui si trova: tra Milano e Venezia, da sempre indicate quali mete privilegiate del contemporaneo, nonostante alcuni momenti anche importanti di riconoscimento dei “propri” artisti non ha potuto godere di una affermazione adeguata a livello nazionale e internazionale: penso, per quella che è la mia memoria breve ed esperienza, alla mostra 030, curata da Francesco Tedeschi e da Fabio Paris, una esposizione interessante e completa che aveva saputo mappare e collocare gli artisti bresciani giovani e non, senza tuttavia avere una invece necessaria continuità; penso alla attività della AAB, seria e coerente e continuativa, purtroppo mai sufficientemente supportata a livello economico dalle amministrazioni; penso alle attività didattiche dell’Accademia Santa Giulia, nella quale lavoro, e alla qualità dei docenti in essa presenti e davvero iper-attivi sul territorio e non solo; penso alle più note e stimate sedi museali e istituzionali che hanno a ritmi alterni provato a dare testimonianza delle ricerche artistiche locali, senza però mantenere una continuità necessaria alla sedimentazione storica delle stesse. Ed è un peccato...

Brescia ha dei buoni artisti?

Brescia ha avuto e ha degli ottimi artisti, capaci di esprimersi in tutti i campi delle ricerche artistiche, visuali, plastiche, installative, performative. Artisti e gruppi di ricerca che ogni giorno indagano il contemporaneo con onestà e rispetto. Si muovono spesso nel silenzio, non trovano spazio e non trovano, economicamente, supporti. Perché per fare progetti validi servono soldi e anche garanzie di continuità. Non vedo neppure una grossa frattura tra le vecchie e le giovani generazioni. Vedo semmai la necessità di dare loro voce e fiducia. Anche perché chi ha voce e parole per contestualizzare queste ricerche artistiche, i critici, gli storici, la stampa che si occupa d’arte, a Brescia c’è, e in abbondanza. Ci sono critici, storici, giornalisti, anche giovani (giovani per l’Italia, fuori dalla Penisola sarebbero già “maturi”) di alto livello e di valida formazione, che analogamente hanno trovato più successo oltre i confini bresciani. E non si tratta della solita affermazione “nemo profeta in patria”, ma di una amara constatazione che tuttavia può essere velocemente smentita, se l’amministrazione comprenderà – credo già lo abbia compreso e si stia muovendo per farlo – il valore della cultura e dell’arte a livello sociale e educativo nel senso più alto del termine.

Come è cambiata Brescia, se è cambiata, in questi anni da un punto di vista culturale?

Ci sono state diverse, interessanti aperture: meno paura, o forse umiltà, degli artisti bresciani a mostrarsi, esporsi, dire e gridare la loro voce. Ci sono state e ci sono giovani realtà, gallerie, critici, gruppi che vogliono fare. Il pubblico si è allargato: forse abbiamo tutti voglia di sognare un po’ di più, e l’arte è un ottimo luogo dove trovare immagini nuove per un futuro diverso. Il mio credo negli artisti è enorme, come la passione che riverso in questo lavoro. Sono ottimista ed è necessario esserlo.

Facendo un confronto con altre città cosa manca a Brescia?

Rispetto ad altre città a Brescia manca una programmazione e una continuità, una rete culturale che unisca le diverse realtà e le renda collaborative a diversi livelli.

Se potessi fare delle richieste all'assessore della cultura, quali priorità le daresti?

L’assessore alla cultura di una città multietnica e sensibile ai problemi sociali quale Brescia deve, anche, saper dare voce ai problemi della mondializzazione, dell’ibridazione linguistica, dei conflitti e dei dialoghi trans-culturali: questo forse è da rafforzare e prima ancora da pensare in termini di programmazione culturale. E poi, da donna, chiedo sia data voce al problema della donna e alla nuova ondata di violenza che sulle donne si abbatte giorno dopo giorno. Vedo che c’è la voglia di farlo. Spero non sia una toccata e fuga. E ancora, quale terzo tema sul quale vorrei si riflettesse, quello delle barriere architettoniche e dei diversamente abili: troppo silenzio aleggia ancora su questa dimensione sociale.

Brescia ha bisogno di un grande museo dell'arte contemporanea?

Non credo. Come ho già detto prima e lo ribadisco Brescia ha bisogno di ripensarsi in termini di programmazione culturale: abbiamo una strepitosa raccolta di arte antica, moderna e contemporanea. Abbiamo artisti e gruppi di ricerca artistica che palpitano in ogni angolo; abbiamo giovani galleristi e galleristi già affermati; abbiamo un pubblico che vuole vivere la città anche attraverso la cultura. Abbiamo cineasti, attori, registi; abbiamo accademie e università: i luoghi forse sono già bastevoli. Facciamoli dialogare e creiamo una rete che sappia, anche, penetrare laddove le strade sono più strette, le porte apparentemente sbarrate, il disagio maggiore.



Fonte: Redazione lun 24 giu 2013, ore 12.11
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Appunto
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un preclaro esempio di fumisterie mescolate a luoghi comuni '' politicamente corretti'' , ma logicamente sconnessi.
mar 18 feb 2014, ore 09.40
Immagine profilo
speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
speriamo che la neo assessora oltre ad essere sensibile sia attenta senza sperperare
lun 24 giu 2013, ore 13.09
Immagine profilo
concordo
(UTENTE NON REGISTRATO)
la sensibilità è cultura. concordo appieno
lun 24 giu 2013, ore 13.08
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
lun 24 giu 2013, ore 12.45
Immagine profilo
Brava
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il tutto senza oneri per il Comune. O no?
lun 24 giu 2013, ore 12.28
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
20:10 a 19.52
17 gen - Vai alla news »
Se questo dovesse succedere come ci ha già peraltro detto Gabrielli, significa che o siamo già pieni di terroristi, oppure anche quelli che
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...