Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 02:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'INTERVISTA

Vita "sotto saldo": la testimonianza di una commessa "sopravvissuta"

(a.m.) "Se lavori in un negozio, due volte l’anno ti mandano in guerra. E’ una guerra subdola e sporca, a tempo, dove devi combattere l’ignoranza e la maleducazione della gente. Il tuo ambiente lavorativo diventa campo di battaglia, diventa devasto e distruzione, non ci cresce più l’erba. Il tuo nemico, Attila, ha le sembianze di una donna con il rossetto sui denti e il profumo sbagliato di chi ha fatto mille tentativi con i campioncini che aveva nel mobiletto del bagno. Attila arraffa e disordina, ha le pretese di un’imperatrice che ordina e umilia, non ti saluta (sia mai!), ribalta e si fa strada senza curarsi di niente e di nessuno. Attila strappa, lascia cadere quello che non le serve e, se non serve a lei, non e’ necessario che qualcun'altra lo abbia in buone condizioni. Attila non ha strategia o tattica intelligente, ha solo la consapevolezza di guidare l’esercito più forte, composto da migliaia di barbare come lei. E non le importa se sulla tua busta paga non sei stipendiato come soldato, ma come commesso, perché questa è la sua guerra e lei deve vincerla in nome della moda e dell’occasione da esibire alla cena delle Milady. Costi quel che costi. E, in verità, costa tutto relativamente poco, perchè la guerra che stai combattendo contro Attila si chiama: saldo". Con queste parole Valentina, bresciana doc e commessa in una grande catena d'abbigliamento descriveva in un blog, lo scorso anno, l'inizio dei saldi. Nuovo anno, nuovi sconti e dopo una settimana le abbiamo chiesto se qualcosa è cambiato...

Sopravvissuta alla prima settimana di saldi?

Siamo ancora in "guerra". In questo periodo non capisci bene che succede, sei completamente spaesata pur essendo una veterana e l’unico pensiero che ti fa affrontare la giornata è: "Devo tornare a casa sana e salva e sopravvivere a quest’orda barbarica di donne in tacco 12, che no, non avranno il mio scalpo scontato del 30%".

Rispetto alla normalità quali sono le cose più sconvolgenti che fa la gente?

Tutto è sconvolgente sotto i saldi. E’ come se si entrasse in un limbo in cui tutto è giustificato, come in guerra e in amore… In questo caso amore per shorts o vestitini. Non devo spiegarvi certo io cosa sono in grado di fare le donne per ottenere qualcosa. Alcune mi hanno perfino supplicata di dire alla ragazza che si stava provando l’unico vestito taglia M, rosso, rimasto in negozio, che le stava da cani, per poterselo accaparrare. Ma la cosa più sconvolgente, e divertente, è comunque il calo di femminilità che si concedono. Ravanano sui tavoli con una tale foga che, a differenza loro, la distribuzione degli aiuti umanitari nel Paesi del terzo mondo ha la classe di un banchetto a Buckingham Palace.

Rispetto agli anni passati hai notato un calo nelle vendite?

Si. Decisamente. Ovvio, non ci si lamenta, ma sicuramente la crisi ha ridimensionato l’esigenze e le priorità di tutti. Adesso ci pensi due volte anche prima di comprarti la maglietta a 9.99 euro. Di risposta a questo, i negozi, su certi capi, partono subito con sconti per i quali, invece anni fa, dovevi almeno aspettare il ribasso della quarta settimana.

È cambiato il modo di acquistare delle persone?

E' cambiata di più la tipologia delle persone. Nel negozio dove lavoro, che fa parte di una grande catena basata sulla moda low cost, da un po’ di tempo bazzicano le vere signore della Brescia-bene. E poi, tante cinesi. Donne e ragazze ormai cresciute in Italia e che vogliono emanciparsi, anche esteticamente, seguendo in pieno le linee di moda dettate dal loro paese adottivo.

Se potessi fare una lista di consigli di comportamento da appendere in negozio quali daresti?

Uno su tutte: abbiate rispetto del lavoro degli altri. Sempre. Fare la commessa non vuol dire raccogliere i pantaloni  che lasciate appallottolati in camerino, come se fossimo le filippine che non vi potete permettere. Tanto meno distruggere una pila appena piegata solo perché avete deciso che l’ultima maglietta in basso è quella che fa per voi. Certi atteggiamenti cozzano con l’idea di donne belle e sicure che volete dare gironzolando per i negozi del centro. E’ come se noi commesse entrassimo quotidianamente nei vostri uffici e cosi, ole’!, vi ribaltassimo la scrivania. L’educazione credo che sia uno dei pilastri fondamentali per una comunità civile. Eppure, sotto saldi, queste mie convinzioni, vacillano stile Torre di Pisa...



Fonte: Redazione mar 16 lug 2013, ore 10.11
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
MAH
(UTENTE NON REGISTRATO)
A me tutta questa manfrina che la gente non si debba lamentare perché c'è chi non ha lavoro avrebbe anche un po' stufato. Siamo arrivati in ogni campo al "zitti perché tanto c'è chi fa/sta peggio". E così Corona non meriterebbe il carcere perché tanto ci sono i pluriomicidi e chi ha un lavoro dovrebbe accettare i secchi di guano in testa pensando a chi non ce l'ha. Eh no. Chi ha un lavoro se ha motivo, come in questo caso (e peraltro con molta ironia) di sottolineare cosa non vada ha ben donde di farlo. E sarò idealista ma penso che questo contribuisca, per quel poco che vale, a salvare l'ultimo paio di diritti che restano anche agli oggi disoccupati che forse domani disoccupati non saranno più. E che come per magia dal giorno 2 del loro impiego troveranno un sacco di motivi per lamentarsi. Scommettiamo?
mer 17 lug 2013, ore 00.43
Immagine profilo
cartello ironia
(UTENTE NON REGISTRATO)
e l'ironia? ma fatte una risataaaaaaaaa
mar 16 lug 2013, ore 18.35
Immagine profilo
basta lamentele
(UTENTE NON REGISTRATO)
se queste non sono lamentele spiegatemi cosa sono - di seguito testo integrale riportato nell'articolo: "Fare la commessa non vuol dire raccogliere i pantaloni che lasciate appallottolati in camerino, come se fossimo le filippine che non vi potete permettere. Tanto meno distruggere una pila appena piegata solo perché avete deciso che l’ultima maglietta in basso è quella che fa per voi. Certi atteggiamenti cozzano con l’idea di donne belle e sicure che volete dare gironzolando per i negozi del centro"
mar 16 lug 2013, ore 15.55
Immagine profilo
Nk
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono il solo ma tra "filippine", "cinesi" e "terzo mondo" ho sentito un'alitata di velato complesso di superiorità per non dire peggio? Magari sono solo io che leggo troppo tra le righe eh...
mar 16 lug 2013, ore 13.53
Immagine profilo
uomo di mondo
(UTENTE NON REGISTRATO)
in effetti le commesse sono molto provate in questo periodo
mar 16 lug 2013, ore 13.16
Immagine profilo
al
(UTENTE NON REGISTRATO)
IO PRENDO LE MAGLIETTE IN FONDO PERCHE' E' UN MIO DIRITTO! POI PERO' LE RIPIEGO :)
mar 16 lug 2013, ore 13.15
Immagine profilo
@basta lamentel
(UTENTE NON REGISTRATO)
cara/o basta lamentele, qui si scherza su come diventi la gente ai saldi. non mi sembra che si dica che il lavoro fa schifo o altro... cerchiamo di mettere un po' più di ironia nella vita e smettiamola di fare sempre i pesanti su tutto!
mar 16 lug 2013, ore 12.14
Immagine profilo
basta lamentele
(UTENTE NON REGISTRATO)
E' vero che la gente è maleducata! Ma vorrei dire alla commessa che tanto si lamenta che a volere il suo posto di lavoro ed a subire quello che lei chiama stato di guerra ci sarebbero centinaia di altre persone che sono disoccupate e farebbero salti mortali e si accontenterebbero anche di uno stipendio inferiore pur di avere un lavoro da commessa. Non lamentiamoci del "brodo grasso". Questo è il consiglio che voglio dare alla commessa in questione ed a tutte le sue colleghe. Io sarei disposta ad uno stato di guerra nel senso da lei evidenziato anche tutto l'anno pur di lavorare come commessa!!! Accetto lamentele solo da coloro che veramente non riescono a trovare lavoro ed hanno famiglia da mantenere!!!
mar 16 lug 2013, ore 11.58
Immagine profilo
Polly36
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bella intervista, w Sex & the City :-)
mar 16 lug 2013, ore 11.17
Immagine profilo
ORMAI
(UTENTE NON REGISTRATO)
LA GENTE NON HA PIU' SOLDI NEMMENO PER I SLADI
mar 16 lug 2013, ore 10.20
Immagine profilo
ANIMALI
(UTENTE NON REGISTRATO)
ho smesso di andare a fare spese ai saldi per paura di incontrare certe tipologie di persone: aprono le gabbie in quei giorni
mar 16 lug 2013, ore 10.19
Immagine profilo
mai
(UTENTE NON REGISTRATO)
le signore bene vanno nei negozi low cost perchè fa moda... a loro i soldi non mancano mai
mar 16 lug 2013, ore 10.19
Immagine profilo
vera
(UTENTE NON REGISTRATO)
ahahahahahahahaha! come la capisco!
mar 16 lug 2013, ore 10.16
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
20:10 a 19.52
17 gen - Vai alla news »
Se questo dovesse succedere come ci ha già peraltro detto Gabrielli, significa che o siamo già pieni di terroristi, oppure anche quelli che
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...