Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 08 Dicembre 2016 - Ore 01:08


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
POLITICA
profughi

Caritas-Prefettura: un accordo apre 100 posti ai profughi nelle parrocchie

Il 16 ottobre 2015 è stata sottoscritta una convenzione tra la Fondazione Opera Caritas San Martino, braccio operativo della Caritas Diocesana di Brescia, e la Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Brescia.

La convenzione ha per oggetto la disponibilità massima di 100 posti di prima accoglienza e assistenza, nell’ambito della Provincia di Brescia, a favore di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e la gestione dei servizi connessi (servizi di ingresso e gestione amministrativa, servizi di assistenza generica alla persona, servizi di pulizia e igiene ambientale, erogazione pasti, fornitura di beni, servizi per integrazione).

La convenzione prevede che la disponibilità di posti sia assicurata dalla Fondazione Opera Caritas San Martino in immobili di sua proprietà, in locazione o messi a disposizione da parrocchie e Congregazioni religiose nella Provincia di Brescia.

A meno di due mesi dall’appello del Vescovo Luciano (1 settembre 2015), Caritas Diocesana registra infatti la mobilitazione di 73 parroci che si sono attivati per raccogliere informazioni sulle modalità di attivazione e gestione dell’esperienza di micro-accoglienza e assistenza a favore di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale.

Sulla possibilità che questa prima mobilitazione si traduca in un’effettiva ospitalità, l’esperienza maturata sul campo dagli operatori dell’ambito “Emergenze e Mondialità” di Caritas Diocesana di Brescia conferma il fatto che occorre considerare, da un lato, la necessità di adempiere ad oneri per la messa a norma degli appartamenti messi a disposizione da privati e parrocchie (aspetto formale amministrativo); dall’altro, l’opportunità di coinvolgere nel discernimento innanzitutto il Consiglio Pastorale Parrocchiale così da valutare le modalità con cui coltivare e alimentare una cultura dell’accoglienza (aspetto pastorale).

A oggi, delle 73 parrocchie che hanno avviato un rapporto con Caritas Diocesana di Brescia, la situazione si presenta così articolata:

  • 4 parrocchie sono attive per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, in quanto hanno formalmente ottemperato agli obblighi formali e amministrativi richiesti e registrato il positivo parere del Consiglio Pastorale Parrocchiale: parrocchie della Badia e del Violino (6 persone accolte), parrocchia di Calcinato (4 persone accolte), parrocchia S. Alessandro (8 persone accolte).

A queste accoglienze, si aggiungono: 1 unità abitativa di Caritas Diocesana Brescia, in genere utilizzata per interventi di housing sociale, a Motella-Borgo San Giacomo (5 persone accolte) e 8 posti assicurati dalla Casa Marcolini Bevilacqua (8 persone accolte).

Complessivamente, 31 risultano le accoglienze in essere di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e 5 le situazioni di micro-accoglienza.


  • 4 parrocchie sono pronte per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, in quanto hanno formalmente ottemperato agli obblighi formali e amministrativi richiesti e registrato il positivo parere del Consiglio Pastorale Parrocchiale.

A queste si aggiungono due disponibilità presso la Piccola Casa della Carità di Caritas Diocesana di Brescia.

Complessivamente, 17 risultano le disponibilità immediate per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e 5 le situazioni di micro-accoglienza operative a breve.


  • 10 parrocchie stanno adempiendo agli oneri per la messa a norma degli appartamenti messi a disposizione da privati e parrocchie (aspetto formale amministrativo), avendo già ricevuto parere favorevole del Consiglio Pastorale Parrocchiale.

Complessivamente, 39 risultano le disponibilità a breve per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale.


  • 25 parrocchie hanno la disponibilità (diretta o indiretta) di alloggi e stanno attivando il Consiglio Pastorale Parrocchiale per condividere il percorso di coinvolgimento della comunità.


  • 16 parrocchie hanno già condiviso con il Consiglio Pastorale Parrocchiale la disponibilità a dar vita a forme di micro-accoglienza nella propria comunità e stanno cercando soluzioni alloggiative idonee.


  • 7 parrocchie hanno valutato l’opportunità di collaborare per ora con cooperative già presenti sul territorio nella gestione di esperienze di micro-accoglienza di Richiedenti protezione internazionale.


  • 7 parrocchie si trovano nell’impossibilità a dar corso alla disponibilità all’accoglienza mancando di strutture alloggiative adatte.


Oltre alle parrocchie, anche 6 Ordini religiosi hanno manifestato la propria disponibilità all’accoglienza a Caritas Diocesana Brescia: 17 i posti per l’accoglienza di donne, 4 di uomini.





Fonte: Redazione ven 30 ott 2015, ore 14.29
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@benvenuti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Benvenuti a loro e sfrattate le due famiglie pakistane di via Trento. Come al solito con i preti, due pesi due misure! Toffari, taci?
sab 31 ott 2015, ore 17.41
Immagine profilo
@benvenuti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Loro avranno un po' di pace, noi no, ma tanto di noi non interessa niente, vero?
sab 31 ott 2015, ore 17.35
Immagine profilo
@0113
(UTENTE NON REGISTRATO)
Tu sei uno di quelli che avresti preferito morissero tutti affogati, vero? Di la verità? Guarda che le nonne hanno tutte la pensione e non rovistano nei cassonetti, e chi lo fa ha altri problemi.
sab 31 ott 2015, ore 08.16
Immagine profilo
benvenuti
(UTENTE NON REGISTRATO)
benvenuti e finalmente avrete un po' di pace. Non curatevi di chi vi attacca, ne avete visti tanti così durante il vostro viaggio, e andate avanti.
sab 31 ott 2015, ore 08.13
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
sab 31 ott 2015, ore 01.13
Immagine profilo
100
(UTENTE NON REGISTRATO)
Io dico che 100 profughi/clandestini ci stavano tutti nella curia, senza bisogno di scomodare le parrocchie. Avanti Monari, dà il buon esempio e ospitali tutti tu e a tue spese. Vedrai che anche gli altri tuoi sottoposti faranno altrettanto. Ipotesi fantasiosa? Non così come quello che predicate, comunque...
ven 30 ott 2015, ore 23.18
Immagine profilo
cigole
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma il parroco-genio di Cigole non ne ospita? Ah, già è troppo impegnato a trovare i soldi per sistemare il tetto della chiesa, dopo la sparata dei gratta e vinci. Interessa niente di questa gente che ha bisogno. La messa la puoi dire anche nella tua canonica, raccogli i soldi per questa gente, non per i muri di un tempio sempre più vuoto perchè i rappresentanti vivono al contrario di quello che predicano!
ven 30 ott 2015, ore 22.54
Immagine profilo
gorgo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Cento posti su 490 parrocchie di Brescia e provincia? Ne ospitano di più gli albergatori messi insieme...
ven 30 ott 2015, ore 22.42
Immagine profilo
soluzione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dai che così riuscite a riempire i numerosi immobili vuoti della diocesi con una rendita pagata dallo stato certa. Però spendete di vostro per metterli a norma come voi pretendete siano quelli dello stato che tanto criticate. Vedremo poi se l'investimento che state facendo sarà proficuo.
ven 30 ott 2015, ore 18.54
Immagine profilo
@bene
(UTENTE NON REGISTRATO)
E di mantenere! A scapito dei tanti e grossi problemi che abbiamo....
ven 30 ott 2015, ore 18.51
Immagine profilo
@NO AL RAZZISMO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Cominciamo a non dare più l'8 per mille a tutte le chiese e diamolo, in mancanza d'altre scelte (disoccupati, anziani, sanità, scuole, calamità naturali, debito pubblico, ecc.) allo stato. E' già una forma di protesta per questi preti sempre mantenuti da noi e incapaci di fare una vita reale.
ven 30 ott 2015, ore 18.49
Immagine profilo
risultati
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un po' pochino visto l'appello di Monari. Con tutto quello che predicano roba di vedere ogni parrocchia ospitare camionate di profughi e clandestini. Invece hanno problemi, devono mettere a norma le strutture (lo stato no, deve accogliere subito e tutti!), sentire i consigli pastorali, vedere quali locali adibire, non certo le canoniche dorate dei parroci. E poi, una volta qui, chi li manterrà? Loro? No, ancora noi e loro, come sempre se ne laveranno le mani e ci criticheranno... La storia ormai la conosciamo, è vecchia....
ven 30 ott 2015, ore 18.46
Immagine profilo
akkoglienza
(UTENTE NON REGISTRATO)
E le due famiglie di pachistani di via Trento che avete sfrattato dai vostri appartamenti non rientrano in questo discorso di accoglienza? O quelli devono pagare e basta? Come anche le numerose altre persone che sono in affitto nei locali vostri e delle vostre parrocchie che hanno difficoltà vista la crisi non rientrano in un discorso di alloggio gratis come questi?
ven 30 ott 2015, ore 18.42
Immagine profilo
NO AL RAZZISMO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Domani in citta manifestazione " Brescia per l'accoglienza " ( vedi L'Huffington Post )
ven 30 ott 2015, ore 18.38
Immagine profilo
NO AL RAZZISMO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dobbiamo aspettarci cortei, minacce e insulti razzisti ai " traditori ", sassaiole e vetri rotti da parte di nazifascistileghisti ultrasbiesse come a Collio ?
ven 30 ott 2015, ore 18.08
Immagine profilo
Mark74
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma che bravi i due tizi qui sotto.. Perché non ne accogliete qualcuno anche a casina vostra ?
ven 30 ott 2015, ore 17.19
Immagine profilo
rodri
(UTENTE NON REGISTRATO)
condivido con bene.ciao
ven 30 ott 2015, ore 16.41
Immagine profilo
accio
(UTENTE NON REGISTRATO)
e noi accogliamo
ven 30 ott 2015, ore 15.26
Immagine profilo
bene
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi sembra una buona notizia. Fa bene la redazione a darne ampio spazio. Siamo una provincia sana, capace di accogliere.
ven 30 ott 2015, ore 15.13
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
23:56 @@Sandroschi
07 dic - Vai alla news »
Ascolti Sandro, si iscriva al Partito Democratico, si faccia un selfie con la Boschi e la faccia finita. Era quello che aspettava da quando
23:40 basta cagate
07 dic - Vai alla news »
bresciani che costringono donne cinesi a prostituirsi,esiston o appena nella tua mente malata !
23:34 BRESCIANI FATTI
07 dic - Vai alla news »
C'è molta fame di droga nel bresciano. Meno male che qualcuno gliela procura.
23:31 NOI POCHI
07 dic - Vai alla news »
Eccezioni, ovviamente. Come quei pochi bresciani che stuprano bambini, anche pagandoli, evadono il fisco, inquinano, godono con le extracomu
23:05 prodigi
07 dic - Vai alla news »
Sono prodigi dei puttanieri bresciani, razzisti commentatori di giorno e frequentatori di ragazze stranieri costrette a prostituirsi di nott
23:02 falso
07 dic - Vai alla news »
I furti sono diminuiti. Chi dice il contrario o é in malafede o male informato o entrambi.
22:59 truffa
07 dic - Vai alla news »
C'é anche la notizia di bresciani arrestati per truffa gigantesca ai danni di cittadini di Dubai, oppure l'arresto di bresciani che costring
21:04 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
giovani profughi in cerca di lavoro e di una vita migliore vittime di una cospirazione a sfondo razziale
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...