Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 02:55


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ECONOMIA
Bonometti

Assemblea Federmeccanica, Bonometti: il salario sia adeguato alla redditività dell'impresa

“Brescia è al primo posto nella classifica delle province con il maggior numero di imprese metalmeccaniche ed è per questo che deve essere in prima linea nel cambiamento”. Così il leader di Aib, Marco Bonometti ha introdotto il tema del “rinnovo contrattuale” discusso durante la seduta del consiglio di Federmeccanica, in programma martedì mattina nella sede dell'Associazione Industriale Bresciana di via Cefalonia, alla presenza del numero uno di Federmeccanica, Fabio Storchi.

Brescia, città che conta 8.668 imprese metalmeccaniche, il 58,4% del manifatturiero, con un totale di 100.411 addetti e un fatturato pari a 23,1 miliardi, sembra quanto mai accreditata a potersi inserire nella discussione sul prossimo rinnovo contrattuale. Rinnovo che Bonometti vorrebbe nella direzione dell'adeguamento salariale rispetto alla redditività e alla produttività aziendale: “Non è che gli imprenditori non vogliono dare i soldi ai loro dipendenti, ma li vogliono dare sulla base delle loro produttività”, ha chiarito senza mezza parole il presidente di Aib. Posizione condivisa anche al collega Storchi che ha ribadito: “Bisogna smettere di considerare il salario come una variabile indipendente”.

Bonometti dà anche qualche numero per sostenere la propria tesi. “Dal 2007 al 2014 abbiamo assistito alla progressiva crescita degli incrementi salariali fino al 23,6% mentre le imprese hanno visto diminuire i propri profitti del 18,6% – e ha concluso - . Per non perdere competitività è necessario che invertiamo il trend in atto, altrimenti non usciremo mai da questa spirale perversa”.



Fonte: Redazione mar 03 nov 2015, ore 16.46
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le strategie delle imprese di oggi, ma anche i business plan ed i piani industriali in generale, considerano sempre più la forza lavoro solo come il principale centro di costo su cui agire. Da lì si parte se si deve "tagliare", da lì si fanno calcoli a ritroso spesso senza nemmeno ulteriori analisi organizzative. Ad esempio, voglio tagliare i costi di 2 milioni di euro ? Semplice: un operaio mi costa 40 mila euro l'anno (tra stipendi, contributi, ecc.) e io dichiaro di avere 50 operai in esubero come mano d'opera, altrimenti devo chiudere l'azienda. Dunque, salari e stipendi sono solo un costo che oggi deve essere sempre meno fisso (e regolamentato...) e sempre più variabile: questo bastava, in sintesi, che ci dicesse Bonometti come imprenditore.
mer 04 nov 2015, ore 10.13
Immagine profilo
@Si, ma...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi sembra che Bonometti voglia dire sostanzialmente che se l'azienda diminuisce di redditività anche i salari devono seguire la stessa tendenza, al ribasso. Sui concetti di produttività e redditività poi, come dici, bisogna intendersi bene perchè la parte datoriale dà una definizione, quella lavorativa ne dà un'altra che spesso sono in antitesi per ovvi motivi di conflitto d'interesse. Per me è tutta una manovra per cercare calare le paghe ai lavoratori nell'ottica, ormai dominante della diminuzione delle tutele e dell'aumento della precarietà di renziana memoria e nuova politica economica della sinistra (o destra? Ormai non distinguo più la differenza).
mar 03 nov 2015, ore 23.39
Immagine profilo
@Bravo Bonomett
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dal momento che chiedi il controllo reale sull'azienda da parte dei dipendenti, significa che vuoi anche intervenire nella gestione della stessa e quindi rimane azienda ma di tipo cooperativo però.
mar 03 nov 2015, ore 23.32
Immagine profilo
Sì, ma...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Salario adeguato rispetto alla produttività e alla redditività ? Già sulla produttività bisogna intendersi bene, ma soprattutto sulla redditività va precisato che ci si deve rifrire al margine operativo lordo, cioè alla gestione caratteristica, essendo la redditività netta "gestibile" (in funzione soprattutto dell'imposizione fiscale) con operazioni straordinarie, accantonamenti, diverse aliquote di ammortamento ed operazioni finanziarie varie. Molta prudenza, quindi...
mar 03 nov 2015, ore 23.22
Immagine profilo
ALBERODELLAVITA
(UTENTE NON REGISTRATO)
Si ma vogliamo l'albero della vita a Brescia. Orgoglio Brescia !
mar 03 nov 2015, ore 20.51
Immagine profilo
Bravo Bonometti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi pare equo ipotizzare che il salario dei dipendenti sia variabile in funzione dei risultati dell'azienda. Ovvio che contestualmente i dipendenti debbano avere un controllo reale e potere decisionale sulla conduzione generale dell'impresa, almeno proporzionale a detta variabilità.
mar 03 nov 2015, ore 20.34
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
01:14 @quasimodo
04 dic - Vai alla news »
Vicesindaco perfetta. L'ordine degli ingegneri si fa vivo solo quando ci sono questioni particolari. Ma di che state parlando. Un conve
01:00 SI SI SI
04 dic - Vai alla news »
SI SI SI SI SI SI SI
00:14 @@Bianche
04 dic - Vai alla news »
Esatto, vince sempre...big bamboo !
00:12 Trio BBR
04 dic - Vai alla news »
Non si esprimono i tre tenores, anzi un tenore e due soprano: tutti stonati, molto stonati rispetto alla realtà. ed ai fatti.
00:10 Stellante
04 dic - Vai alla news »
Una forte realtà civica partendo dell'elenco fatto da Belli ? Anche le pietre della Loggia sanno che si tratta solo di "liste civetta" fatte
21:33 Sandro
03 dic - Vai alla news »
Nel panorama politico bresciano abbiamo gruppi e/o partiti che si richiamano, almeno nel nome, al civismo : Scelta civica - Rete civica - No
21:04 GENI SINISTRI
03 dic - Vai alla news »
Se l'iniziativa è controproducente per i sostenitori del NO.....
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...