Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Ore 09:37


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
L'immagine

Rolfi contro il velo integrale su Facebook. Quasi 10mila le condivisioni

“Questa foto è stata scattata qualche giorno fa presso un ospedale bresciano. Far rispettare il divieto di circolare in luogo pubblico a volto coperto, anche all'interno dello strutture sanitarie regionali. Porterò il tema in regione. Se a qualcuno non va bene, può sempre tornare a partorire al proprio paese”.

A dirlo è stato ieri, sul suo profilo Facebook, il consigliere regionale della Lega Nord Fabio Rolfi. L'esponente del Carroccio ha pubblicato l'immagine di una donna con il velo integrale che teneva in braccio una neonata e si è detto pronto a portare il caso al Pirellone. Il post ha raccolto centinaia di commenti e quasi 10mila condivisioni (9.600 per l'esattezza).



Fonte: Redazione dom 15 nov 2015, ore 13.43
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
velo
(UTENTE NON REGISTRATO)
metterei il velo alle parole di Rolfi
mar 17 nov 2015, ore 13.43
Immagine profilo
@ciro88
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se la fede è un giustificato motivo in questo caso le regole sono state rispettate.
lun 16 nov 2015, ore 19.54
Immagine profilo
ciro88
(UTENTE NON REGISTRATO)
La cosa è molto semplice- Se vai in un paese estero , DEVI rispettare le sue regole - Non puoi imporre le tue regole a chi ti ospita - ti dà assistenza ospedaliera GRATUITA - si priva anche della sua libertà . I nostri migranti , quando andavano in Germania - Svizzera - Belgio ecc - dovevano dimostrare in primis di avere un lavoro - seguito dal RISPETTO delle regole... diversamente tornavano a casa ! Questi signori fanno il loro sporco comodo e non ti puoi permettere di riprenderli . A casa chi non si adegua !!!!!!!!!!!!
lun 16 nov 2015, ore 18.12
Immagine profilo
@ale e altri
(UTENTE NON REGISTRATO)
Giusto quesito. E allora dichiariamoci tutti fedeli musulmani e giriamo mascherati.
lun 16 nov 2015, ore 12.16
Immagine profilo
Ale
(UTENTE NON REGISTRATO)
"E' vietato l'uso di caschi protettivi, o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo. E' in ogni caso vietato l'uso predetto in occasione di manifestazioni che si svolgano in luogo pubblico o aperto al pubblico, tranne quelle di carattere sportivo che tale uso comportino. Il contravventore e' punito con l'arresto da sei a dodici mesi e con l'ammenda da lire centocinquantamila a lire quattrocentomila. Per la contravvenzione di cui al presente articolo e' facoltativo l'arres to in flagranza" Questo è il testo della legge e, da un'analisi superficiale, mi sembra di capire che il divieto valga solo in caso di assenza di un giustificato motivo; la domanda sorge spontanea: la fede è un giustificato motivo?
lun 16 nov 2015, ore 12.09
Immagine profilo
Lettore
(UTENTE NON REGISTRATO)
Noto un sacco di gente strabica per non dire quello che si meriterebbero. Fanno confusione tra velo portato in testa (e non c'è niente di male) con la copertura totale del volto tipo burqua. Evitate almeno di dire cavolate. Comunque La legge esiste come un nostro lettore ha già scritto, non si capisce perchè non venga fatta rispettare.
lun 16 nov 2015, ore 11.37
Immagine profilo
Ale
(UTENTE NON REGISTRATO)
Avrei una domanda da porre a Rolfi, alla Redazione e a tutti i commentatori. Nella foto vediamo una donna col velo che tiene in braccio un neonato, ma nel letto si nota la probabile presenza di una persona, quindi la donna in primo piano potrebbe essere semplicemente una parente o amica della puerpera. In tal caso la neo-mamma potrebbe essere del tutto riconoscibile, mentre l'ospite potrebbe essere stata identificata all'ingresso e successivamente fatta liberamente entrare nella struttura ospedaliera. Infine la signora è immortalata mentre sta seduta in un ambiente circoscritto che, se non può essere considerato "abitazione privata" può essere comunque paragonato ad un luogo privato visto che le stanze destinate alle degenti non sono aperte indistintamente a tutti ma solo a chi vuol fare loro visita (oltre che al personale dell'ospedale naturalmente). Insomma risulta difficile, da una semplice fotografia capire il reale stato dei fatti perciò mi chiedo e Vi chiedo che senso ha scatenare un dibattito su una situazione come questa che è del tutto opinabile da chiunque in qualsiasi momento? Non sarebbe meglio concentrarsi su questioni che comprovano un reale stato di rischio o di pericolo e non su situazioni che lasciano aperti molti, anzi troppi dubbi? Se poi vogliamo parlare dell'uso del velo integrale, forse è meglio aprire un serio dibattito per verificare se ci sono situazioni in cui il suo uso è inopportuno e, al contrario quando questo può essere consentito. In questo modo si dimostrerebbe di voler affrontare la questione con senso di responsabilità e senza volere utilizzare a tutti i costi la pancia delle persone maggiormente suscettibili. In ogni caso, consentitemi a questo punto una stupida battuta: questo bambino crescendo non avrà paura dell'uomo nero.
lun 16 nov 2015, ore 10.33
Immagine profilo
???????????????
(UTENTE NON REGISTRATO)
Fai bravo Rolfi che se non fosse per queste qui che portano il velo non faresti il mantenuto del Consiglio regionale
lun 16 nov 2015, ore 10.12
Immagine profilo
@velo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma dove vivi? E' da una vita che le suore non portano più il velo e vivono come noi, in borghese, non vedi?
lun 16 nov 2015, ore 09.08
Immagine profilo
@Wfrance
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come vestivano le nostre nonne? Così ma moltissimi anni fa. Poi ci siamo evoluti. Perchè loro non si evolvono? Se dobbiamo vivere in un mondo globalizzato, per la sicurezza di tutti, dobbiamo essere riconoscibili, non ce ne sono di storie!
lun 16 nov 2015, ore 09.07
Immagine profilo
velo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bisogna far togliere il velo anche alle suore!
lun 16 nov 2015, ore 02.06
Immagine profilo
@asino
(UTENTE NON REGISTRATO)
..tradizioni INNOCUE....si scrive così. Poi anche tagliare le teste è tradizione in quei luoghi. Per il fatto in specie la beduina deve girare con il viso riconoscibile (in casa sua può fare quello che vuole)....ci provi a girare così a Parigi e a Bruxelles in questi giorni!
dom 15 nov 2015, ore 21.21
Immagine profilo
@ W LA FRANCE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bene , prova ad andare a casa loro con tua moglie , e prova a non farle mettere il velo e vediamo se ti danno la tua stessa risposta democratica .... L'integrazione non può essere a senso unico , questi signori devono fare la piega non venir qui ad imporre le loro leggi ...
dom 15 nov 2015, ore 21.17
Immagine profilo
Wfrance
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'odio feroce e gratuito di questo sig.Rolfi e della lega alimenta il terrorismo. Che male fa una mamma se porta il velo? Come si vestivano le nostre nonne? Tutte di nero e pure con il velo non appena prendevano marito. Questo rifiuto violento delle tradizioni innoque di chi ha culture diverse dalle nostre da parte di questi deliranti politici rappresenta un grosso favore alla propaganda del terrore L'IS ringrazia.
dom 15 nov 2015, ore 20.22
Immagine profilo
Legge
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le leggi sono molte, per esempio ve ne sono di piuttosto precise circa il finanziamento ai partiti e ai bilanci degli stessi; stupisce che il Sig. Rolfi non dimostri altrettanto zelo nel pretenderne il rispetto da parte dei suoi sodali di partito.
dom 15 nov 2015, ore 19.40
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
dom 15 nov 2015, ore 18.58
Immagine profilo
@stardivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
ma se la legge c'è e l'imam Al Fan O non l afa applicare, se i magistrati perseguono le oggettive invece che i terroristi forse è bene che almeno la regione cerchi di tutelarci. Non vuoi curarti da noi perché devi rimuovere il velo integrale (NON PREVISTO DA NESSUNA SCRITTURA CORANICA)…. beh ragazza mia… vola a casa tua per farti curare!
dom 15 nov 2015, ore 16.58
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Legge 8 agosto 1977 n.533: in Italia, di fatto, il divieto esiste già e riguarda sia il burqua che il niqab, cioè quell'abbigliamento che consente (come nella foto) solo di vedere gli occhi della persona. Ed infatti, Rolfi parla solo di "far rispettare" quanto già previsto anche all'interno di un ospedale che è appunto luogo pubblico. Il tutto, con benedizione della Regione Lombradia (!?). In conclusione: ovvioma rolfiano, cioè ennesima sparata leghista in salsa demagogica con ciliegina propagandistica.
dom 15 nov 2015, ore 14.50
Immagine profilo
picio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma nonè già vietato il velo integrale????
dom 15 nov 2015, ore 14.02
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
09:08 considerazione
07 dic - Vai alla news »
Adesso subito l'approvazione della legge di stabilita', poi subito al voto. Tanto una legge elettorale o il taglio degli stipendi e delle in
09:06 @nonn
07 dic - Vai alla news »
questo é il dramma della democrazia italiana. un referendum chiede il si o il no su un argomento e gli elettori votano si o no a seconda de
09:02 considerazione
07 dic - Vai alla news »
Cosa dovrebbe bruciare, visto che il rifiuto urbano dovrebbe drasticamente ridursi con il riciclo e la vendita del differenziato?
09:00 a 8.41
07 dic - Vai alla news »
L'esito del NO al referendum è stato determinato anche questa gestione assurda nei confronti dell'immigrazione, anche se nessuna trasmission
08:41 @NONNA
07 dic - Vai alla news »
Vorrei far presente alla signora che l'articolo in questione parla dei risultati del referendum e non degli immigrati. Evidentemente la sign
07:50 dfiscriminazion
07 dic - Vai alla news »
Anche stamattina c'è la polemica su una famiglia straniera a Roma cacciata via dagli inquilini che non vogliono che venga assegnata loro la
06:39 DISUGUAGLIANZA
07 dic - Vai alla news »
A proposito di lavoro, alla Corte Costituzionale dovrebbe andare anche la lette 97/2013 che all'art. 7 apre i concorsi pubblici a profughi e
05:51 DISUGUAGLIANZE
07 dic - Vai alla news »
Sarebbe davvero ora che si ripartisse dalla corretta interpretazione della Costituzione e dal lavoro, e anzichè citare sempre l'art.1 che st
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...