Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 14:29


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
POLITICA

Vendere ortomercato e azioni di Centro Padane per fare cassa. Opposizione contraria

Alienare beni del Comune per non dover tagliare servizi ai cittadini o aumentare la tassazione. E' questa la strada tracciata ieri dall'amministrazione Del Bono durante la seduta della commissione Bilancio dove si è iniziato a discutere di una prima variazione al bilancio di previsione.

La Loggia ha fatto sapere di voler vendere l'ortomercato ad un prezzo non inferiore ai 6,9 milioni di euro ma anche di volersi disfare delle azioni di Centro Padane, per le quali si stima un incasso di 5 milioni di euro.

Critico il primo giudizio dell'ex sindaco di Brescia, Adriano Paroli che ha messo in guardia la Loggia: “Quando si cedono beni non ci sono più”. In particolari Paroli è fortemente contrario alla vendita dell'Ortomercato che ritiene abbia “una posizione strategica” e una volta acquistato dai privati potrebbe essere rivenduto “a molto di più”.

Piuttosto, suggeriscono all'unisono il capogruppo della Lega Nord Nicola Gallizioli e il leader di Piattaforma Civica Francesco Onofri, “meglio vendere altre azioni di A2A”. Il ragionamento però non piace all'assessore al Bilancio Panteghini che interviene per spiegare che quelle azioni lo scorso anno hanno assicurato 29 milioni di dividenti e ridurre il tesoretto sarebbe un errore. La discussione resta aperta.







Fonte: Redazione gio 19 nov 2015, ore 10.53
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@Contrari?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ricordo che il referendum del 1998 (2001 non mi risulta) è stato boicottato dalla giunta Corsini: seggi ridotti e limitato orario, code infinite di gente, proteste a destra e a sinistra, anch'io telefonai all'Erp e mandai una lettera indignata al Sindaco. Faceva comodo così per i paperoni di centro sinistra che volevano quest'opera faraonica che, come si diceva allora, ci avrebbe indebitato a vita. E infatti è proprio così. Una delle tante opere inutili fatte dai sinistri che poi la gente paga. Certo, se tutti i cittadini fossero stati più solerti, anche gli amministratori non avrebbero fatto queste cappellate. Ma, sapete, la gente era solerte e intelligente solo nelle leggende, come il Risorgimento, il quattro novembre, la resistenza. Nelle occasioni in cui ho potuto partecipare, chissà perchè, no!
ven 20 nov 2015, ore 10.37
Immagine profilo
Contrari?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guardate che i Bresciani, "laggente", non era affatto contraria alla metro, tant'è che in ben due referendum (1998 e 2001) il gregge belante non si prese nemmeno la briga di andare a votare, dando il via libera alla sciagurata opera. Allo stesso modo i pecoroni se ne infischiano della svendita del patrimonio pubblico e gli affaristi si rimpinzano indisturbati.
ven 20 nov 2015, ore 07.27
Immagine profilo
@Minculpop
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dove sono i fautori e i sostenitori della metropolitana? Ma non avete ancora capito che l'utenza è quella che prima prendeva i bus? Adesso, oltre al servizio autobus in perdita abbiamo anche la metro in perdita, come già ampiamente annunciato. Ma il potere, in quella che si chiama demokrazia, fa quello che vuole incurante del parere della gente che alla fine è sempre e solo costretta a pagare...
gio 19 nov 2015, ore 14.23
Immagine profilo
Minculpop
(UTENTE NON REGISTRATO)
Rettifico: oggi quotano 1,31: il 55% in più! Complimenti agli "amministratori" della città.
gio 19 nov 2015, ore 13.54
Immagine profilo
Minculpop
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'assessore non ha nulla da dire sulla svendita (0,85 euro per azione) effettuata pochi mesi or sono? Ora si sarebbe portato a casa oltre il 30% in più. Certo è che la metropolitana ci ha messo col c.lo per terra. Ringraziamo le menti sopraffine che l'hanno voluta, a dispetto dei bresciani.
gio 19 nov 2015, ore 13.50
Immagine profilo
svendite
(UTENTE NON REGISTRATO)
Pienamente d'accordo con Paroli. Se non riusciamo a starci dentro con 3milioni in più di divendi di A2A come faremo quando le cose andranno peggio? non vendete l'ortomercato, anzi non svendete l'ortomercato.
gio 19 nov 2015, ore 11.13
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto più pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalità è che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
12:27 5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Cosi' come alla Corte Costituzionale hanno portato la legge Madia non si capisce attraverso quale strada. ebbene si dovrebbe seguire la stes
12:09 Sandro
09 dic - Vai alla news »
Anche nel movimento 5 stelle c'è bisogno, se non proprio di rifondarlo, almeno di chiarezza e coerenza. In senso generale penso che la Web-d
11:07 beppe
09 dic - Vai alla news »
Finalmente arriveranno i grillini salvatori della patria. Speriamo ci sia solo da ridere.
10:30 CIE?
09 dic - Vai alla news »
Se è stato indicato come centro di identificazione ed espulsione, allora da quel centro non devono proprio uscire per strada e tra la gente
10:24 VITALIZI?
09 dic - Vai alla news »
aDESSO STANNO DICENDO IN tv CHE STANNO TERGIVERSANDO SULLE ELEZIONI PERCHè QUALCHE DEPUTATO SE NON SI ARRIVERà A SETTEMBRE NON MATURERà IL
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...