Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 24 Gennaio 2017 - Ore 22:27


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL PIRELLONE
simona bordonali

Moschee, Bordonali (Lega): basta finché l'Islam non avrà un'intesa con lo Stato

"La Legge regionale sui luoghi di culto è un ottimo testo e ci auguriamo che alla luce dei recenti fatti di cronaca il Governo italiano ritiri l'assurda impugnativa che ha presentato. Personalmente credo che si debba andare oltre, impedendo sul territorio lombardo la costruzione di nuove moschee. Ricordo infatti che l'Islam è l'unica religione che non ha siglato un'intesa con lo Stato italiano". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione,Simona Bordonali.

CHI È L'INTERLOCUTORE? - "Ritengo che prima di edificare nuove moschee – ha continuato l'assessore - sia necessario che la comunità islamica indichi un interlocutore credibile con cui chiarire alcuni aspetti della cultura islamica che non si conciliano con la nostra. Chi vuole costruire luoghi di culto deve assicurare di riconoscere la parità di diritti tra uomo e donna, deve garantire che le donne non indossino burqa e niqab e non vengano sottoposte a mutilazioni genitali, deve rinnegare i matrimoni poligamici e deve accettare la presenza di simboli cattolici negli edifici pubblici".

RISPETTO NOSTRE REGOLE È VERA INTEGRAZIONE - "Riteniamo inoltre - ha concluso Bordonali - che sia sinonimo di sicurezza garantire che i sermoni vengano pronunciati in lingua italiana. La vera integrazione passa dal rispetto delle nostre regole e fino a quando non verrà sottoscritto questo accordo non possiamo permettere che vengano diffusi valori incompatibili con la nostra civiltà".



Fonte: Lombardia Notizie ven 20 nov 2015, ore 10.43
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Simpatia
(UTENTE NON REGISTRATO)
Concordo in pieno! Basta fare quello che vogliono nel nostro paese e basta lasciarglielo fare!!! Ci vuole rispetto per coltivare la civiltà...
ven 11 dic 2015, ore 23.55
Immagine profilo
lequaspa
(UTENTE NON REGISTRATO)
la legge mi piace e concordo col giudizio di Bordonali
ven 20 nov 2015, ore 16.04
Immagine profilo
libertà
(UTENTE NON REGISTRATO)
Che lo stato sia laico, in tutti i sensi: niente simboli religiosi, niente finanziamenti (8 per mille), luoghi di culto con regole precise (e quelle della Bordonali mi sembrano di buon senso civile), niente feste (o meglio ognuno ha a disposizione n. tot. giorni di festività che usa a proprio piacimento in base alla propria appartenenza o meno religiosa). I ministri di culto campano con le offerte, che devono essere tracciabili, e sul mantenimento pagano le tasse come tutti i residenti in Italia. Cominciamo a fare queste cose, poi vedremo...
ven 20 nov 2015, ore 15.35
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Da "La Stampa" del 7 settembre 2011: L’arcivescovo emerito di Smirne, Giuseppe Germano Bernardini, racconta la conversazione avuta con un leader islamico: “Grazie alle vostre leggi democratiche, vi invaderemo. Grazie alle nostre leggi religiose, vi domineremo”. Bella sintesi di quello che vedremo nei prossimi anni. Mentre proprio in Francia solo il 4,5% di chi si dichiara cattolico è pure praticante, più del 70% dei musulmani è praticante con un numero di moschee impressionante: non a caso, le associazioni islamiche ne hanno richieste il doppio di quelle esistenti. Sono però covinto che anche i (presunti) cattolici che tanto si agitano, come la Bordonali, dovrebbero cominciare a guardarsi allo specchio e chiedersi come mai chi può vantarsi delle proprie leggi democratiche lontane dalla tèocrazia, chi predica la parità tra uomo e donna, chi rinnega i matrimoni poligamici, chi pretende di vedere ovunque i cocefissi, si ritrova con i luoghi di culto, cioè le chiese, da tempo quasi deserte e con ministri di Dio in difficoltà a leggere le sacre scritture in italiano (preti cattolici stranieri sono ormai presneti in mezza Itlia per la crisi cronica di vocazioni).
ven 20 nov 2015, ore 15.04
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:17 Sandro
24 gen - Vai alla news »
Vista la simpatia espressa dal neo rettore per la Lombardia orientale, perché non provate ad impostare un piano ( almeno sul tema scuola/ cu
21:09 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Non lo rimpiango affatto. Gia' allora i cattocomunisti non avevano un candidato locale da contrapporre alla forte avanzata della lega e, sic
21:08 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Non lo rimpiango affatto. Gia' allora i cattocomunisti non avevano un candidato locale da contrapporre alla forte avanzata della lega e, sic
20:50 Stefano p.
24 gen - Vai alla news »
Io sono di Iseo e mi chiedo ...... ma con tutti i problemi che abbiamo nel nostro paesane, ma perché se quello è MAROCCHINO dovevamo proprio
20:24 CARA MINEO
24 gen - Vai alla news »
Come mai il processo per la morte dei coniugi siciliani da un residente nel CARA DI MINEO, non è ancora iniziato? Aspettano per caso che vad
20:17 REATO
24 gen - Vai alla news »
Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet "reato di clandestinità" e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quand
20:17 REATO
24 gen - Vai alla news »
Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet "reato di clandestinità" e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quand
20:03 ALBERTO MA..
24 gen - Vai alla news »
IL povero marocchino regolare, regolarizzatto dai buoni e buonisti vari per puro caso non ha fatto la stessa cosa con altre donne che faceva
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...