Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 10 Dicembre 2016 - Ore 13:39


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DATI REGIONALI
incidenti stradali

Sicurezza stradale, tendenza negativa a Brescia: aumentati i morti nel 2014

Sono 33.176 gli incidenti stradali che si sono verificati sul territorio lombardo lo scorso anno; 448 le persone decedute e 45.755 quelle ferite. Questi i dati principali emersi dal rapporto Aci-Istat riferito al 2014 e illustrati dell'assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia Simona Bordonali durante la V giornata regionale della sicurezza stradale. Rispetto al 2013, il numero degli incidenti stradali è sceso del 2,4 per cento, quello dei feriti del 2,6, mentre i decessi sono aumentati del 2,3 per cento (più 10 vittime).

 

Mediamente ogni giorno si sono verificati 91 incidenti stradali con lesioni a persone; 1,2 sono i morti e 125 i feriti. "I numeri sono preoccupanti - ha detto Bordonali - e nonostante l'impegno congiunto delle istituzioni, gli investimenti in infrastrutture, le campagne informative e i presìdi sul territorio, i morti sulle strade lombarde sono aumentati. Se da una parte la Lombardia mostra  indicatori di mortalità tra i più bassi d'Italia, posizionandosi al quarto posto con 4,39 morti ogni 100.000 abitanti e 1,35 morti ogni 100 incidenti, dall'altro sono i numeri assoluti a indicare la necessità di lavorare in maniera ancora più decisa sulla prevenzione, sull'educazione e sulla repressione severa di comportamenti scorretti sulla strada".

"Nelle scorse edizioni - ha ricordato Simona Bordonali - avevo chiesto a gran voce l'introduzione del reato di omicidio stradale. Nelle scorse settimane qualcosa si è mosso con l'approvazione del disegno diLegge alla Camera. Ora attendiamo una calendarizzazione rapida al Senato e un'approvazione definitiva. È una risposta doverosa ai familiari delle vittime che, per troppo tempo, hanno dovuto tollerare l'indifferenza delle Istituzioni".

Nella città metropolitana di Milano sono concentrati il 42,3 per cento degli incidenti, il 40,7 dei feriti e il 22,5 dei morti rilevati nell'intera regione. Seguono a distanza le province di Brescia, Varese, Bergamo e Monza e Brianza. Nel periodo 2010-2014 la riduzione più consistente del numero dei morti si è registrata a Cremona (-23 morti pari a -53,5 per cento) seguita da Lodi (-6 morti pari al 50); la provincia di Brescia mostra invece una tendenza negativa (+9 morti pari a +10,9); la città metropolitana di Milano presenta variazioni percentuali superiori alla media regionale e numericamente significative con -4.248 incidenti, -40 morti e -6.180 feriti.

Guardando ai numeri Brescia ha registrato 3.314 incidenti con 91 morti (tasso mortalità del 2.75%) e un totale di 4616 feriti.

Fra i comportamenti errati di chi si mette al volante, emerge la guida distratta o andamento indeciso (18 per cento) il mancato rispetto delle regole di precedenza (16,3 per cento dei casi) e la velocità troppo elevata (12). Gli utenti vulnerabili (pedoni, ciclisti, motociclisti e ciclomotori) costituiscono ancora le categorie più a rischio con un numero totale di morti pari a 257.



Fonte: Comunicato Stampa mar 24 nov 2015, ore 12.05
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
angiolino
(UTENTE NON REGISTRATO)
FRENATA VISIVA LAMPEGGIANTE
mer 10 feb 2016, ore 22.52
Immagine profilo
@???
(UTENTE NON REGISTRATO)
Parlano di omicidio stradale che non è sanzionato in Italia, 'gnurant
mer 25 nov 2015, ore 17.22
Immagine profilo
???
(UTENTE NON REGISTRATO)
come se in Italia l'omicidio non fosse già un reato.
mar 24 nov 2015, ore 18.19
Immagine profilo
Solita demagogi
(UTENTE NON REGISTRATO)
La signora Bordonali non si smentisce: demagogia da quattro soldi buona a compiacere i borborigmi mentali di chi non è in grado di riflettere. Con l'introduzione dell'omicidio stradale e di pene draconiane per gli incidenti stradali si mira a placare la sete di "giustizia" a buon mercato, risparmiandosi il ben più impegnativo compito di garantire davvero la sicurezza degli utenti delle strade. Se è diffusa l'abitudine di commettere infrazioni pericolose alla guida, ci vorrebbe più polizia stradale che, invece di appostarsi a fare agguati con l'autovelox su tratti con limiti improbabili, andasse in giro, magari con auto senza contrassegni e sanzioni chi le commette; se ci sono strade pericolose, bisognerebbe investire per renderle sicure.
mar 24 nov 2015, ore 15.52
Immagine profilo
fhqkrbiaj
(UTENTE NON REGISTRATO)
Inoltre ringrazierei tutti quelli che quando vedono un pedone che attraversa sulle strisce pedonali... accelerano.
mar 24 nov 2015, ore 12.47
Immagine profilo
furbi
(UTENTE NON REGISTRATO)
CONCORDO CON LA BORDONALI: L'OMICIDIO STRADALE E' UNA PRIORITA'
mar 24 nov 2015, ore 12.21
Immagine profilo
bresciano
(UTENTE NON REGISTRATO)
basterebbe dare alla Polizia Stradale i mezzi per controllare la 45 bis e la superstrada della Val Camonica e già si dimezzerebbero. Se poi si togliesse la patente per 5 anni a chi telefona probabilmente si azzererebbero.
mar 24 nov 2015, ore 12.19
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:24 ??????????????
10 dic - Vai alla news »
Ultima considerazione da fare al renziano boys è che da un indagine rilanciata dai tg nazionali è che il 5% della corruzione in Italia come
13:11 Sandro
10 dic - Vai alla news »
Non vorrei annoiare i lettori con questa discussione sulla mia "civicita' " tuttavia l'anonimo prolisso e ripetitivo lettore fa una osservaz
10:16 IPOCRISIA
10 dic - Vai alla news »
Ovviamente nessun politico, che di solito qui imperversa con comunicati stampa su ogni argomento, osa fare un doveroso commento contro quest
09:20 Ateo
10 dic - Vai alla news »
Osservo sempre stupefatto queste diatribe nella comunità cattolica; è sorprendente che vi sia chi reclama "democrazia" all'interno di un'org
09:05 PAPA!?!
10 dic - Vai alla news »
Sarebbe bello che uno dei Sindaci oggi chiamati in udienza dal Papa a pretendere da loro quello che il Vaticano non fa per i clandestini, si
06:00 a 13.52
10 dic - Vai alla news »
Nessuno mette in dubbio che possano essere persone perbene anche mille volte migliori di noi. Ma i TG hanno anche trasmesso che stanno scapp
22:19 klero
09 dic - Vai alla news »
Da un segnalibro di avvenire, quotidiano dei cattolici, distribuito ai lettori: e' dunwue una straordimaria opportunita' per la Chiesa in It
22:02 @un Parrocchian
09 dic - Vai alla news »
Peccato pero' che alle parole roboanti di francesco non seguano i fatti, e quindi tutto rimane aria fritta. Poi, evidentemente, e' solo lui
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...