Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:34


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
VALSABBIA

fucile

Mette in fuga i ladri sparando colpi in aria, gli sequestrano porto d'armi e fucili

Ha visto i ladri nel suo terreno, ha sparato quindi dei colpi in aria per metterli in fuga, ma essendo in un centro abitato all'arrivo delle forze dell'ordine gli hanno sequestrato fucili e porto d'armi. E' successo a Vobarno, in Valsabbia, lunedì sera. A finire nei guai Giorgio Buffoli, 49enne, imprenditore.

«Sono arrivato a Collio, prima che dal 112 riuscissero a passarmi i carabinieri e quando sono stato lì, nel cortile del mio capannone, e ho visto delle ombre, ho sparato dei colpi in aria per farle fuggire» ha raccontato l'uomo a Valsabbianews, aggiungendo che quello che è successo dopo lo ha lasciato allibito. «I carabinieri sono arrivati una ventina di minuti dopo, quando ormai i ladri erano spariti, e se la sono presa con me perché avevo sparato.  Non mi sembra giusto: cosa dovevo fare? Lasciare che mi derubassero?».

Le forze dell'ordine hanno però applicato la legge che vieta di sparare in un centro abitato e gli hanno sequestrato le 20 armi che l'imprenditore possiede, tutte regolarmente denunciate. Si tratterebbe di un sequestro cautelativo. "Entro 30 giorni posso richiedere al Prefetto di rientrarne in possesso. Mi daranno anche una multa. A me pare però che sia tutta una grande ingiustizia", chiude Buffoli.



Fonte: Redazione mer 25 nov 2015, ore 09.38
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@ipeppe
(UTENTE NON REGISTRATO)
Intendeva dire che qui a Botticino si spara di maledetto a rischio anche di noi poveri cittadini. Giusto peppe?
mer 25 nov 2015, ore 12.15
Immagine profilo
Ipeppe
(UTENTE NON REGISTRATO)
peppe contro i cacciatori , ma cosa centra con la discussione? Ti sei bevuto il fiasco di vinello?? E magari ti mangi anche la bistecchina e il polletto alla griglia , poi ti azzanni contro i cacciatori. Gnorant...
mer 25 nov 2015, ore 11.45
Immagine profilo
males
(UTENTE NON REGISTRATO)
...Ecco perche' l'Italia va' male.... Siamo tutti con Buffoli.
mer 25 nov 2015, ore 11.43
Immagine profilo
robadamatti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per fortuna che le forze dell'ordine sono al servizio dei cittadini, siamo proprio messi male.
mer 25 nov 2015, ore 11.35
Immagine profilo
indignato
(UTENTE NON REGISTRATO)
Cosa doveva fare? Invitare i ladri a cena e assicurarsi che fossero soddisfatti prima di lasciarli andare? Non è solo ingiustizia. E' un vero schifo.
mer 25 nov 2015, ore 11.15
Immagine profilo
BrescianaDoc
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mmmmmmmmmh ....... ??? Che commento fare?
mer 25 nov 2015, ore 11.07
Immagine profilo
.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Era un pericoloso ricercato il bandito rimasto ucciso la sera di ieri, martedì, a Rodano, in provincia di Milano, durante un conflitto a fuoco con un commerciante che aveva sequestrato in casa insieme a due complici. L’uomo, identificato per Valentin Frrokaj, albanese di 37 anni, era già noto alle forze dell’ordine per alcuni fatti di criminalità. Uno dei quali ha avuto luogo a Brescia. Si tratta di un omicidio commesso il 23 luglio 2007 a Brescia ai danni di un connazionale, colpito con un coltello. Per questo delitto era stato condannato all’ergastolo. Al l’identità del rapinatore ucciso i Carabinieri di Milano e Monza sono giunti grazie ai rilievi dattiloscopici dopo aver prelevato le impronte sul cadavere e averle comparate con la banca dati Afis. Il bandito ucciso era molto noto negli ambienti investigativi anche perché era stato arrestato proprio nella zona dai Carabinieri di Cassano d’Adda, dopo una sua evasione - risalente al 2 febbraio 2013 - dal carcere di Parma. Era stato rintracciato dai Carabinieri il 14 agosto successivo con addosso una Beretta carica. L’albanes e era anche noto per far parte di batterie di rapinatori e nel suo curriculum criminale presentava anche una seconda evasione, del 7 maggio 2014, dalla casa circondariale di Palermo.
mer 25 nov 2015, ore 11.03
Immagine profilo
b.2
(UTENTE NON REGISTRATO)
Lo vogliamo invece premiare il cittadino, che aggredito ci ha liberato del seguente peso?
mer 25 nov 2015, ore 11.01
Immagine profilo
b.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Vorrebbero combattere il terrorismo internazionale musulmano......e non ti permettono neppure di difenderti in sicurezza......poer caramba....e poer noi. La maledizione scenderà sui buonisti....e la loro reazione sarà più feroce degli attuali "cattivisti"!
mer 25 nov 2015, ore 10.59
Immagine profilo
MATTEO. S.POLO
(UTENTE NON REGISTRATO)
GRANDE PAESE L' ITAGLIA....TUTELIAMO I LADRI, I RAPINATORI, GLI STUPRATORI, I TRUFFATORI, I CLANDESTINI E SENZA PIETA' AGIAMO CONTRO CHI DIFENDE LA PROPRIA ATTIVITA', FAMIGLIA, VITA A PROPRIO RISCHIO PER COLMARE LE LACUNE DI UNOP STATO ASSENTE E RINTANATO DIETRO I CASONETTI A FARE MULTE PER ECCESSO DI VELOCITA'
mer 25 nov 2015, ore 10.38
Immagine profilo
peppe
(UTENTE NON REGISTRATO)
i cacciatori il sabato e la domenica trasformano le campagne di botticino mattina in un campo di battaglia. A volte i pallini arrivano anche sul balcone di casa.... perchè li i carabinieri non vanno?
mer 25 nov 2015, ore 09.55
Immagine profilo
verde
(UTENTE NON REGISTRATO)
apperò che giustizia italiana
mer 25 nov 2015, ore 09.49
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...