Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 22:46


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
MONEY TRANSFER

Isis, finanziamenti ai terroristi anche da Brescia. Una ventina i casi sospetti

L'Isis viene finanziato anche da Brescia. E' quanto emerge da un articolo del Corsera di Brescia dove si legge che sarebbero almeno una ventina le operazioni finanziarie a favore di altrettanti persone o associazioni che figurano nella “black list” del terrore compilata e aggiornata da Nazioni Unite e Unione Europea.

In sostanza ogni volta che qualcuno effettua un giro di denaro a favore di uno dei nominativi contenuti nella lista nera si accende un campanello d'allarme e chiunque eserciti attività finanziaria è obbligato a spedire la segnalazione al Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza e alla Dia.

Se la transazione risulta sospetta si procede ad ulteriori accertamenti, come sta succedendo per i venti casi bresciani, e il denaro viene bloccato. Diversamente i casi vengono archiviati. A Brescia nel 2015 l'allarme è scattato 1166 volte, a fronte delle 2045 dello scorso anno, ma “solo” 21 sono risultate transazioni sospette meritevoli di accertamento, di cui per altro non si conoscono gli importi. Sulle indagini il massimo riserbo.





Fonte: Redazione mer 25 nov 2015, ore 14.39
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
diodenaro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Con quello che ho detto stamattina (e censurato, non so perchè) aggiungo che non è nemmeno giusto colpevolizzarsi continuamente: abbiamo la forza e i mezzi per sottrarci a questo meccanismo perverso? Come singoli credo di no (poco possiamo fare), come movimento di opinione penso che molto si possa fare, non credete? Per cominciare si può subito considerare come negativa, quindi non da ricordare, ogni guerra, non solo quelle perse e lasciarsi alle spalle gli schieramenti politici che tutti hanno creato guerre e divisioni...
gio 26 nov 2015, ore 21.31
Immagine profilo
KEBAB
(UTENTE NON REGISTRATO)
Grazie
gio 26 nov 2015, ore 21.27
Immagine profilo
Intanto @ 11.06
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono d'accordo con te, sono convinto che un sindacato non debba limitare la sua azione (e penso che i sindacati maggioritari ormai da decenni abbiano abdicato vergognosamente persino a questo ruolo minimo) alla salvaguardia degli interessi materiali immediati e diretti dei lavoratori; oltre al problema delle produzioni dannose in quanto legate alla guerra, basta pensare alla questione ambientale: quante volte abbiamo visto alcuni sindacati sostenere la continuazione di produzioni inquinanti pur di salvaguardare posti di lavoro? Viviamo secondo un sistema economico che si chiama capitalismo e la maggior parte dei sindacati e delle persone accetta questo stato di cose considerandolo il migliore possibile. Fintanto che sarà così, dovremo fare i conti con le conseguenze inevitabili di questo sistema. Ciascuno è libero di proporre l'alternativa che ritiene migliore e battersi per essa oppure di continuare a sostenere lo stato di cose presenti; nella seconda ipotesi, però, non ha il diritto di lamentarsi né del terrorismo, né dell'inquinamento, né di qualsiasi altro effetto collaterale del sistema. NOTO CHE IL CENSORE OGGI SEMBRA POCO LUCIDO E CANCELLA AD MINCHIAM DISCUSSIONI ASSOLUTAMENTE CIVILI E RISPETTOSE DELLA POLICY...
gio 26 nov 2015, ore 12.58
Immagine profilo
Latino
(UTENTE NON REGISTRATO)
Concordo, le ragioni sono sempre economiche, anche quando vengono mascherate come religiose, d'altronde non è poi così lontano dalla realtà nemmeno chi le chiama guerre sante dato che da sempre è proprio il dio denaro il vero e unico dio onnipotente capace di giustificare massacri e violenze in suo nome. Anche il Francesco, che devo ammettere dice sempre cose giuste e intelligenti per quanto risapute, ha ribadito giusto in questi giorni durante il suo viaggio in Africa, la matrice economica della guerra causata da povertà, disparità sociale e interessi monetari. Il denaro giustifica e autorizza ogni cosa, lo dicevano già i latini: pecunia non olet.
gio 26 nov 2015, ore 11.38
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
gio 26 nov 2015, ore 11.06
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
gio 26 nov 2015, ore 10.53
Immagine profilo
@bresciana
(UTENTE NON REGISTRATO)
Secondo la Bordonali no. Ha segnalato altri luoghi sospetti (già oggetto di indagine da parte delle forze dell'ordine) ma la moschea di Via Corsica no. Occhio che ti puoi beccare una bella denuncia. Giustamente.
gio 26 nov 2015, ore 09.34
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
gio 26 nov 2015, ore 08.44
Immagine profilo
@res publica
(UTENTE NON REGISTRATO)
E se non ci affrettiamo ad abolire l'8 per mille finiremo col finanziare involontariamente anche loro, perchè sicuramente si iscriveranno anche le loro religioni (anzi alcune ci sono già nelle scelte!) Meditate gente, meditate...
mer 25 nov 2015, ore 21.43
Immagine profilo
res publica
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non avevo dubbi. è come l'elemosina in chiesa che finanzia (tra gli altri) anche la ristrutturazione di qualche casa vescovile, papale...
mer 25 nov 2015, ore 15.37
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:33 Sandro
03 dic - Vai alla news »
Nel panorama politico bresciano abbiamo gruppi e/o partiti che si richiamano, almeno nel nome, al civismo : Scelta civica - Rete civica - No
21:04 GENI SINISTRI
03 dic - Vai alla news »
Se l'iniziativa è controproducente per i sostenitori del NO.....
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
20:21 a 19.53
03 dic - Vai alla news »
Figurati se le prostitute lavorano gratis. Comodo sviare sul tema che ha messo in evidenza il rapper bello fico. Chi paga queste prostitute
20:18 Triioooooo!!!!
03 dic - Vai alla news »
Ma il trio beccalossi/rolfi/bor donali non ha niente da dire? eppure se dopo più di 24 ore ancora non esce un responsabile vuol dire che sia
19:53 Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me ci sono molte "bianche" che adorano fare sesso divertente con i ragazzi "neri" e non c'è bisogno di pagare nessuno, perché la qua
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...