Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 14:31


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IN TRIBUNALE

Omicidio Raccagni, condannati gli assassini. La moglie: pene troppo lievi

Tredici per Ergren Cullhaj e Pjeter Lleshi, dodici per Vitor Lleshi, 10 anni e 10 mesi per Luli Erion: questi gli anni di condanna per gli albanesi che uccisero Pietro Raccagni, macellaio di Pontoglio. L'uomo aveva sorpreso  la banda in casa e nella colluttazione era stato colpito alla testa con una bottiglia da Lleshi, ferita che lo ha ucciso 11 giorni dopo in ospedale. Il pubblico Ministero Claudia Moregola aveva chiesto pene più alte e per questo la vedova Pagani ha gridato all'ingiustizia: “Forse era meglio avere un’arma in casa quella sera perché ci saremmo difesi. Meglio un cattivo processo che un bel funerale” ha detto la donna, come riporta il Giornale di Brescia.  



Fonte: Redazione gio 26 nov 2015, ore 12.30
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Ale
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dove siete diritti per tutti ricordatevi a Natale di portare qualche dono a questi delinquenti che si sentiranno soli in galera a vita
gio 26 nov 2015, ore 21.00
Immagine profilo
Jhonny62
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per di più quando un cittadino onesto viene condannato perché ha reagito deve anche risarcire i danni agli aggressori. Invece i criminali non pagano una mazza perché risultano nullatenenti. Una pena ai lavori forzati li costringerebbe almeno a ripagare il debito che hanno verso gli italiani.
gio 26 nov 2015, ore 16.52
Immagine profilo
Rob59
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questa la chiamano giustizia ???No comment.
gio 26 nov 2015, ore 13.37
Immagine profilo
Fratocchia
(UTENTE NON REGISTRATO)
tanto credete che ne sconteranno quanta di pena? Siamo ridicoli, la certezza della pena non esiste. Qui ormai vale la pena di delinquere, sai che non rischi nulla. Si fa fatica a spiegare ormai ai figli che rispettare le leggi è cosa giusta e che chi sbaglia verrà preso e condannato….
gio 26 nov 2015, ore 13.29
Immagine profilo
saretta
(UTENTE NON REGISTRATO)
è una vergogna!
gio 26 nov 2015, ore 12.54
Immagine profilo
che schifo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Pazzesco, chi si difende prende pene più' lunghe!!!
gio 26 nov 2015, ore 12.51
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto più pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalità è che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
12:27 5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Cosi' come alla Corte Costituzionale hanno portato la legge Madia non si capisce attraverso quale strada. ebbene si dovrebbe seguire la stes
12:09 Sandro
09 dic - Vai alla news »
Anche nel movimento 5 stelle c'è bisogno, se non proprio di rifondarlo, almeno di chiarezza e coerenza. In senso generale penso che la Web-d
11:07 beppe
09 dic - Vai alla news »
Finalmente arriveranno i grillini salvatori della patria. Speriamo ci sia solo da ridere.
10:30 CIE?
09 dic - Vai alla news »
Se è stato indicato come centro di identificazione ed espulsione, allora da quel centro non devono proprio uscire per strada e tra la gente
10:24 VITALIZI?
09 dic - Vai alla news »
aDESSO STANNO DICENDO IN tv CHE STANNO TERGIVERSANDO SULLE ELEZIONI PERCHè QUALCHE DEPUTATO SE NON SI ARRIVERà A SETTEMBRE NON MATURERà IL
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...