Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:34


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
MEDICINA

Parkinson: dalla biologia molecolare ai biosensori e alla meccatronica

L’Università degli Studi di Brescia e la Clinica Neurologica degli Spedali Civili-Università degli Studi di Brescia, nell’ambito della Giornata Nazionale della Malattia di Parkinson, organizzano oggi pomeriggio, dalle 15 alle 17, nell’Aula G della Facoltà di Medicina, il Convegno dal titolo: “Dalla biologia molecolare ai biosensori e alla meccatronica”.

Dopo l’Alzheimer, la malattia di Parkinson rappresenta la principale malattia neurodegenerativa associata all’invecchiamento e il principale disturbo del movimento. Con una prevalenza dell’1% nella popolazione al di sopra i 65 anni e del 5% oltre gli 85 anni, si calcola che ne siano affette almeno 200mila persone in Italia e 1.200.000 in Europa. Numeri che sono destinati ad aumentare se si considera che, nei prossimi vent’anni, gli over 65 raggiungeranno il 33% della popolazione.

Aprirà il convegno, il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia, che interverrà in merito alle tecniche avanzate di neuroimmagine nella diagnosi della malattia.

A seguire, la professoressa Marina Pizzi, associato di Farmacologia, farà il punto sulla proteina c-Rel, recentemente scoperta dal Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale dell’Università degli Studi di Brescia. «Per la cura del Parkinson – spiega la prof.ssa Pizzi – bisogna mirare a proteggere i mitocondri cerebrali dai radicali ossidativi che si liberano durante la produzione di energia cellulare. Quando la proteina c-Rel non funziona, compaiono, con l’invecchiamento, tutti i principali segni della malattia: ridotta formazione di dopamina cerebrale, difficoltà nel mantenere la postura, rallentamento, rigidità e compromissione della coordinazione motoria. L’obiettivo è capire se un difetto nella funzione di questa proteina rappresenti un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia con l’avanzare dell’età e possa diventare, per questo, un target per nuove terapie già identificate, ma ancora in fase di ricerca».

Sui meccanismi biologici alla base dell’insorgenza della malattia, interverrà anche la dottoressa Arianna Bellucci del Dipartimento Medicina Molecolare e Traslazionale. «Evidenze sempre più concrete – sottolinea la dottoressa Bellucci – stanno portando allo sviluppo di terapie innovative, ancora in corso di sperimentazione, in grado non soltanto di curare efficacemente i sintomi motori, ma anche di bloccare i processi di degenerazione neuronale».

Previsti, dopo l’intervento della professoressa Barbara Borroni, associato di Neurologia, i contributi del professor Rodolfo Faglia (Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale) e del professor Emilio Sardini (Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione).

Il prof. Faglia descriverà alcuni dispositivi robotici e meccatronici, progettati e realizzati con la collaborazione di gruppi di ricerca dell'Università degli Studi di Brescia, in grado di operare una mobilizzazione passiva del paziente. Al centro dell’intervento del prof. Faglia, anche i risultati di alcuni test clinici condotti su pazienti che soffrono di malattie neurodegenerative.

Sul ruolo dei biosensori nella diagnosi precoce della malattia di Parkinson, interverrà, infine, il prof. Sardini: «La progettazione di nuovi biosensori, ed in particolar modo di sensori elettrochimici – spiega – è funzionale alla rilevazione dei biomarcatori da cui dipende una diagnosi precoce della malattia. L’utilizzo dei biomarcatori può essere efficacemente trasferito all’ambito clinico solo se associato a specifiche tecnologie che consentano la loro identificazione in maniera rapida, riproducibile, estremamente sensibile ed economica».




Fonte: Comunicato Stampa ven 27 nov 2015, ore 14.53
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...