Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 19:26


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL CONVEGNO CISL

Poste italiane, in 15 anni 234 dipendenti in meno nel bresciano

Sono 234 i posti di lavoro cancellati da Poste Italiane nel bresciano negli ultimi cinque anni. Siamo passati da 2523 dipendenti del 2001 ai 2289 di quest’anno. Quasi 1000 in meno rispetto al 1990 quando i lavoratori postali nel nostro territorio erano 3255. I dati sono stati diffusi nel corso del convegno promosso dal sindacato dei Postali Cisl di Brescia per riflettere e discutere sulla metamorfosi dell’azienda degli ultimi anni.

IL CAMBIAMENTO DI CUI POSTE ITALIANE HA BISOGNO - “L’ultimo spot televisivo di Poste Italiane – ha osservato in apertura dei lavori il segretario provinciale di Slp Cisl Giovanni Punzi – ha come slogan ‘Il cambiamento siamo noi’, mentre a noi sembra che bisognerebbe cominciare a ragionare da dove comincia il cambiamento vero di una specificità così rilevante come quella di Poste Italiane. Nessuno può negare la profonda trasformazione messa in atto dalla più grande azienda italiana, ma bisogna ricordare con forza che questo processo ha lasciato spinose questioni aperte nei confronti del territorio, dei cittadini e dei suoi stessi lavoratori”. Il sindacalista ha parlato dei vincoli della recente quotazione in Borsa, che impone all’azienda precise logiche di mercato, e la riaffermazione della natura sociale del servizio postale, che richiede invece risposte svincolate dal business; ma ha anche ricordato il sistematico ridimensionamento di Poste Italiane nella nostra provincia e il lancio di progetti come quello del “postino telematico” che sempre di più spersonalizzano il servizio.

I NUMERI DEL RIDIMENSIONAMENTO - Ad integrare la relazione d’apertura una serie di dati hanno ulteriormente chiarito la situazione. Brescia e provincia contano oggi mediamente su uno sportello postale ogni 1247 abitanti e su un portalettere ogni 1282; ci sono 93 uffici postali mandati avanti da un solo dipendente, 47 con 2 dipendenti, 33 con 3, 32 con 4, 19 con 5, 8 con 6, 32 con 7.

IL CONFRONTO - Un giudizio positivo, dal punto di vista tecnico, dell’ingresso in Borsa è stato espresso da Paolo Prandi, docente di Risk Management all’Università Cattolica di Brescia, che ha analizzato i dati di bilancio e di investimento dell’azienda, dicendosi ottimista della tenuta di mercato per la solidità e la tradizionale affidabilità di Poste Italiane. Gian Antonio Girelli, consigliere regionale della Lombardia, firmatario tra l’altro di un’interrogazione sulla soppressione-riduzione del servizio postale in Lombardia e sul territorio bresciano, si è mostrato preoccupato (ma tutt’altro che vinto) riguardo le strategie di Poste, che da una parte si rinnovano e dall’altra sfuggono ai propri doveri tagliando in modo pesante il servizio pubblico. Sulla stessa linea si è espresso Gabriele Zanni, presidente dell’Associazione comuni bresciani, che insieme ai sindaci coinvolti da chiusure e soppressioni del servizio ha intrapreso numerose battaglia nel tentativo, spesso vano, di far cambiare decisione all’azienda. Pino Marinaccio, segretario regionale dei Postali Cisl, ha duramente criticato l’operato dell’amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio, il quale dopo la quotazione in Borsa dell’azienda ha assegnato a se stesso e ai suoi fedelissimi un ricco premio economico. Non è stato così per i lavoratori. “Perché – ha chiesto polemicamente il sindacalista – i dipendenti non hanno potuto usufruire fin da subito, come aveva preventivamente suggerito la Cisl al management aziendale, di una parte gratuita di quote azionarie? E quale prezzo pagheranno i lavoratori se oltre al 40% verranno messe in vendita altre quote? Per rendere conto agli azionisti, si chiuderanno altri uffici e si dovrà affrontare lo spettro di centinaia di esuberi? Lo Stato ha incassato una parte irrisoria rispetto al suo deficit pubblico, quindi questa operazione di quotazione in Borsa non era così necessaria. Non tira una aria buona, ma se il sindacato si è preso le sue responsabilità per non andare contro l’Azienda in un momento così delicato, i futuro non farà più sconti”.

A moderare i lavori del convegno – al quale ha portato un saluto e l’apprezzamento della Cisl il segretario generale Enzo Torri e che ha richiamato partecipanti non solo da Brescia ma anche dalle province limitrofe – è stato Andrea Croxatto che ha anche fatto parte del gruppo di lavoro che ha sviluppato l’idea del confronto a più voci sul presente e sul futuro del servizio postale nel nostro territorio lanciata dal segretario provinciale dei Postali Cisl di Brescia.





Fonte: Redazione lun 30 nov 2015, ore 16.52
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
18:51 ILVA
04 dic - Vai alla news »
ILVO DEGRADO Porsél e Adolfo votano SI
18:43 CASE
04 dic - Vai alla news »
E' pr caso il Sindaco di Parma 5 Stelle che non pubblica e non fa trapelare i nomi di chi riceve le case popolari, cosi' si scoprirebbe subi
18:33 ORIO
04 dic - Vai alla news »
A 17.31 - Fai finta di non sapere che non ai tempi di Gheddafi, ma oggi, nei tre anni non ancora compiuti di governo Renzi, è in corso la ve
18:16 Adolfo
04 dic - Vai alla news »
“Tutto ciò che è grande in questo mondo è frutto di un solo vincitore. I successi riportati da coalizioni portano già in sé il germe di futu
18:05 A noi !
04 dic - Vai alla news »
Venivano dalla vicina...Repubblica di Salò.
17:31 @ORIO
04 dic - Vai alla news »
Smettiamola di raccontare balle: Berlusconi cadde perche` il suo governo non aveva piu` la maggioranza. Quindi nessun colpo di Stato. E meno
16:59 Porsél
04 dic - Vai alla news »
Me vote al porsél
16:52 @orio
04 dic - Vai alla news »
Ma la conosci la geografia?
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...