Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 10 Dicembre 2016 - Ore 13:39


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA SVOLTA
Mazzoncini

Mobilità, il nuovo ad di Fs Mazzoncini lancia il “raccordone” per Brescia

Non è il prolungamento della linea della metro, come qualcuno forse sognava. Ma comunque l'impegno a fare qualcosa per la sua Brescia c'è, ed è scritto nero su bianco nell'intervista che il nuovo ad di Fs ha rilasciato al quotidiano Bresciaoggi.

“A Brescia è stata realizzata una metropolitana automatica a un costo gigantesco - si legge - che rende assolutamente impossibile pensare di costruire altre linee: destinata a rimanere una monolinea, però, la metropolitana ha il vantaggio di snodarsi vicina alla stazione cittadina dove a breve arriverà il quadruplicamento ferroviario grazie all’Alta velocità.

Ecco, credo che questo possa costituire una occasione infrastrutturale importante, con la creazione di una vero e proprio snodo a stella che, passando per gli assi da Rovato a Desenzano e da Iseo a Parma e Cremona, dia vita a una una rete di trasporto su ferro davvero unica. Mi piacerebbe - spiega ancora - poter dare il mio contributo per disegnare un’architettura infrastrutturale che la renda Brescia più competitiva, più verde e più a misura d’uomo”.

Insomma: niente prolungamento, ma l'ipotesi di un raccordone con la stazione ferroviaria è già in campo.



Fonte: Redazione dom 06 dic 2015, ore 10.35
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se la discussione è in questi termini sono perfettamente d'accordo con te, quanto ai Verdi ti posso garantire che le vicende successive al referendum portarono un ulteriore divisione all'interno anche in virtù dell'allineamento sempre più consolidato alla maggioranza dell' assessore a cui tu facevi riferimento(sic)!
lun 07 dic 2015, ore 12.28
Immagine profilo
@@speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sì, ma verdi, ambientalisti e sinistra (assessore dei Verdi: Brunelli) facevano parte, direttamente o inidrettamente, della coalizione di centrosinistra che, con Corsini Sindaco, fu per alemno dieci anni "in ostaggio" di Ettore Fermi e dei suoi fedelissimi (Castelletti, Guindani, Cantoni, ecc.). Sì, Ettore Fermi, cioè l'ideatore ed esecutore dall'inizio alla fine del Progetto Metrobus, cioè dagli anni ottanta sino ad oggi. Il referendum ? Foglia di fico o alibi, se preferite, bene sapendo che tra quorum e funzione meramente consultiva, a nulla sarebbe servito. Vinse invece come sempre la politica, quella spartitoria e consociativa. Che stava bene pure al centrodestra. Non a caso, Paroli fece fuoco e fiamme per riuscire ad inaugurare il Metrobus durante la sua consigliatura dando una mazzata ulteriore alle casse comnunali con la transazione suicida del 2011 che regalò ad Ansaldo ATI parecchie milionate di euro e portò alla nascita di Brescia Metrobus srl, società mista con Presidente (guarda caso...) proprio l'immortale Ettore Fermi, indicato sia dal socio pubblico che da quello privato. Purtroppo, tutto assai chiaro e arcinoto.
lun 07 dic 2015, ore 11.17
Immagine profilo
Speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
Perchè, quella sinistra che tu citi (ambientalisti e radicale) è radicalchic?
lun 07 dic 2015, ore 11.16
Immagine profilo
@speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non so da quale pianeta tu arrivi, ma ti vorrei ricordare che il referendum contro la metropolitana a Brescia fu promosso dai verdi, dagli ambientalisti e dalla sinistra radicale!!! In alternativa a questo a questo progetto venne avanzata la proposta di una rete cittadina di tram Vedi Grenoble)collegati a parcheggi scambiatori agli ingressi della città! Costo meno di 1/5 di quello che ci è venuta a costare la metropolitana. Spiace che ci siano persone disinformate che però ci provano a lanciarsi in commenti a sproposito.
lun 07 dic 2015, ore 10.37
Immagine profilo
Speranza
(UTENTE NON REGISTRATO)
Oh, finalmente qualcuno della sinistra, e di quella radicalchic, che ammette il costo faraonico della metropolitana e come questa abbia impedito di fatto di realizzare altre forme più elastiche di trasporto alternativo. Adesso il debito l'abbiamo in groppa, paghiamo lo scotto che, come sempre, i sinistri ci hanno imposto, e aspettiamo, non facciamo altre opere costosissime.
lun 07 dic 2015, ore 09.45
Immagine profilo
Billi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Comunque sia .... l importante che a Brescia si inizi a parlare chiaro e a dire che CERTE OPEERE FARAONICHE SONO INUTILI E COSTOSE ...... e non avere solo personaggi che TENTENNANO !
lun 07 dic 2015, ore 08.50
Immagine profilo
Fabiox
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quante volte sono state date queste speranze? Io sinceramente non credo più fino a quando non le vedrò realizzate! Devono trovare il modo per creare una seconda linea altrimenti serve a poco. Esterna? Il recupero di una già esistente? Ok m a deve essere intesa e programmata come una seconda linea!
dom 06 dic 2015, ore 22.53
Immagine profilo
???????????????
(UTENTE NON REGISTRATO)
La politica dei trasporti sostenibili ed alternativi agli inquinanti e pur pericolosi spostamenti in autovetture non può prescindere dai costi spesso insostenibili che FS pratica sui suoi percorsi nazionali. Quanto ai costi dei treni regionali che spesso non sono neanche tanto convenienti economicamente diventano assai poco favorevoli sia per i tempi lunghi di percorrenza, sia per le carrozze indegne di un paese civile. Le Frecce mi ricordano un po' la metropolitana di Brescia, bella ma costosa se utilizzata da una famiglia e, pertanto poco incentivante all'uso alternativo all'auto inquinante. Da qui un intervento dello Stato per rendere accessibili i trasporti in funzione di contenimento dei danni ambientali, ma anche quello che è ai tanti evidente che viaggiare oggi in Italia sulle Frecce è sempre più una forma discriminante e classista per il popolo viaggiatore.
dom 06 dic 2015, ore 18.05
Immagine profilo
VIAGGIANDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per lavoro, anch'io viaggio in tutta Italia ed utilizzo quasi esclusivamente le Frecce. Posso permettermi di ammortizzare ampiamente il costo all'interno di un budget complessivo, ma capisco che per la maggioranza delle persone non siano economicamente accessibili specie come mezzo da utilizzare con frequenza. Cambiano così (qualche volta raddoppiano) i tempi di percorrenza con treni regionali ea anche le differenze, come servizio, sono assai significative. Ancorchè non solo pubbliche, le Ferrovie Italiane dovrebbero e potrebbero trovare delle vie di mezzo per fornire servizi più accessibili al maggior numero di utenti possibili.
dom 06 dic 2015, ore 15.23
Immagine profilo
A VIAGGIATORE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi sa che un pò travisi quelle che sono le differenze !!! se viaggi con le FRECCIE hai un BUON SERVIZIO e SONO QUASI SEMPRE IN ORARIO .... MA COSTANO DI PIU' !!! in alternativa ci sono i REGIONALI che vero sono più brutti e non hanno un gran servizio e sono molto in ritardo ... ma è come volare con una lowcost e volare con volo di linea !! E comunque devi considerare il pericolo dell' autostrada, i pedaggi, gli autogrill che costano come ristoranti !!! Insomma l' offerta è sempre stata diversificata in tutti i settori : vuoi mangiare normale ? vai in pizzeria ! Vuoi mangiare bene ? Vai al ristorante ! Io che uso solo le FRECCIE PER SPOSTARMI ... sono contento che pago di più, ma viaggio BENE e sono sempre PUNTUALI (al 95%) !
dom 06 dic 2015, ore 14.03
Immagine profilo
Viaggiatore
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono bresciano da anni trapiantato a Roma; dovrò nei prossimi giorni tornare a Brescia e ho valutato l'offerta di Trenitalia: spostandoci in tre, con il treno, spenderemmo praticamente più del triplo rispetto al viaggio in macchina (è vero che avendo un'utilitaria a metano i costi sono più bassi rispetto ad altri carburanti), senza considerare ulteriori costi per muoverci una volta a Brescia. Credo che un A.D. delle Ferrovie dovrebbe preoccuparsi di rendere la sua azienda competitiva, invece di lanciarsi in voli pindarici su progetti futuri. Il treno, ormai, è un lusso, non più un servizio pubblico.
dom 06 dic 2015, ore 12.53
Immagine profilo
Sara B.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Finalmente a Brescia incominciano ad esserci PERSONE CHE PARLANO CHIARO e che HANNO IL CORAGGIO di andare anche contro i POTERI FORTI di Banche, A2A, Assicurazioni Cattoliche, Giornali di parte, Industriali miopi che pensano ancora di creare, ad esempio, ALTRO SUPERINQUINAMENTO con un AEROPORTO FANTASMA !!! E vorrei lanciare una lancia anche contro CERTO SINDACATO che a furia di voler SALVARE O CREARE POSTI DI LAVORO ha contribuito ad inquinare BRESCIA e il suo HINTERLAND . Pensate ll' impatto di automobili che provocherà la NUOVA IKEA che attirerà automobili da tutto il NORD ITALIA !!! E' uno schifo veramente !!! Per creare qualche posto di lavoro MORIAMO TUTTI DI INQUINAMENTO !
dom 06 dic 2015, ore 12.09
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sante parole. "Metropilitana ad un costo gigantesco destinata a rimanere una monolinea". "E che ai bresciani costerà più di 20 milioni di euro all'anno per i prossimi vent'anni", questo deveva aggiungere Mazzoncini, sognando poi dei raccordi diretti con linee da tempo in disarmo come quelle di Cremona o Parma o lentissime ed obsolete come la tratta di Iseo della Brescia-Edolo. Solo ipotesi, appunto.
dom 06 dic 2015, ore 11.23
Immagine profilo
MILANO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sta dicendo che abbiamo fatto un'opera faraonica e quasi inutile...
dom 06 dic 2015, ore 11.07
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:24 ??????????????
10 dic - Vai alla news »
Ultima considerazione da fare al renziano boys è che da un indagine rilanciata dai tg nazionali è che il 5% della corruzione in Italia come
13:11 Sandro
10 dic - Vai alla news »
Non vorrei annoiare i lettori con questa discussione sulla mia "civicita' " tuttavia l'anonimo prolisso e ripetitivo lettore fa una osservaz
10:16 IPOCRISIA
10 dic - Vai alla news »
Ovviamente nessun politico, che di solito qui imperversa con comunicati stampa su ogni argomento, osa fare un doveroso commento contro quest
09:20 Ateo
10 dic - Vai alla news »
Osservo sempre stupefatto queste diatribe nella comunità cattolica; è sorprendente che vi sia chi reclama "democrazia" all'interno di un'org
09:05 PAPA!?!
10 dic - Vai alla news »
Sarebbe bello che uno dei Sindaci oggi chiamati in udienza dal Papa a pretendere da loro quello che il Vaticano non fa per i clandestini, si
06:00 a 13.52
10 dic - Vai alla news »
Nessuno mette in dubbio che possano essere persone perbene anche mille volte migliori di noi. Ma i TG hanno anche trasmesso che stanno scapp
22:19 klero
09 dic - Vai alla news »
Da un segnalibro di avvenire, quotidiano dei cattolici, distribuito ai lettori: e' dunwue una straordimaria opportunita' per la Chiesa in It
22:02 @un Parrocchian
09 dic - Vai alla news »
Peccato pero' che alle parole roboanti di francesco non seguano i fatti, e quindi tutto rimane aria fritta. Poi, evidentemente, e' solo lui
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...