Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 06 Dicembre 2016 - Ore 03:56


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
I DATI DI AIB

Industria bresciana, attività in leggero rallentamento in novembre

Dopo un’evoluzione complessivamente piatta in ottobre, l’attività produttiva delle imprese manifatturiere bresciane subisce a novembre un rallentamento, a conferma della fase di incertezza che sta caratterizzando l’industria locale. Nel dettaglio, la produzione è risultata in contrazione per 43 operatori su 100, con un saldo negativo del 28% tra imprese che hanno dichiarato variazioni in aumento e in diminuzione. La dinamica provinciale si inserisce in un contesto nazionale a “luci e ombre”: da un lato l’indice PMI manifatturiero rilevato a novembre si è attestato in area “espansione”, ai massimi negli ultimi quattro mesi; dall’altro, la stima fornita dal Centro Studi Confindustria indicherebbe una marginale correzione dell’attività.

La produzione è aumentata nei comparti abbigliamento, calzaturiero e maglie e calze; è rimasta pressoché invariata nei materiali da costruzione ed estrattive; è invece diminuita nell’agroalimentare e caseario, nel carta e stampa, nel chimico, gomma e plastica, nel legno e mobili in legno, nel metallurgico e siderurgico, nella meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature, nella meccanica tradizionale e mezzi di trasporto e nel tessile.

L’attività produttiva è risultata in flessione per tutte le classi dimensionali, con l’eccezione delle imprese piccole (10-49 addetti), che hanno dichiarato nessuna variazione significativa.

L’utilizzo degli impianti riflette tutto sommato la dinamica dell’attività produttiva, con il 41% di operatori che dichiara di averlo diminuito. Il livello di utilizzo, rispetto al potenziale, è giudicato basso ancora dal 31% del campione.

Le vendite sul mercato nazionale e comunitario sono in diminuzione, con saldi negativi rispettivamente del 25% e del 22% tra imprese che hanno dichiarato variazioni in aumento e in diminuzione; quelle verso i mercati extra UE si caratterizzano per una contrazione meno intensa (-2%).

Le previsioni a breve termine propendono un ulteriore rallentamento dell’attività e sarebbero coerenti con un quarto trimestre nel complesso meno brillante rispetto ai primi nove mesi dell’anno. Per quanto riguarda la produzione, il saldo tra imprese che prevedono variazioni in aumento e in diminuzione è negativo (-16%). Le attese sull’utilizzo degli impianti risultano in diminuzione per il 24% degli operatori e invariate per il 69%. Gli ordini dal mercato interno sono in ribasso per il 28% delle aziende, con un saldo negativo del 19% tra coloro che dichiarano variazioni in aumento e in diminuzione; quelli dai mercati UE ed extra UE si caratterizzano per saldi negativi, rispettivamente, del 16% e del 7%.

L’Indagine viene effettuata mensilmente su un panel di 250 imprese associate appartenenti al settore manifatturiero.


L’andamento per settore


Abbigliamento - L’attività produttiva è aumentata, dopo la flessione del precedente mese di ottobre. Le vendite tuttavia sono calate sia sul mercato interno che sui mercati esteri comunitari ed extra comunitari. Sia le giacenze di prodotti finiti che le scorte di materie prime sono ritenute relativamente alte rispetto alle esigenze aziendali. La forza lavoro non ha subito variazioni rispetto al mese precedente. Le prospettive a breve termine sono positive per tutte le variabili oggetto dell’indagine, ad eccezione della manodopera attesa in calo.

Agroalimentare e caseario - Le imprese del settore hanno registrato una variazione negativa della produzione, dopo sette rilevazioni consecutive positive. Le vendite sono diminuite molto sul mercato interno, moderatamente sui mercati comunitari e sono invece aumentate sui mercati extra comunitari. Le giacenze di prodotti finiti sono considerate adeguate alle esigenze aziendali, mentre le scorte di materie prime sono ritenute relativamente alte. Le aspettative a breve termine sono favorevoli per tutte le variabili oggetto dell’indagine, ad eccezione degli ordini dai Paesi UE attesi stabili.

Calzaturiero - Gli operatori del comparto hanno segnalato un aumento dei livelli produttivi, dopo il calo rilevato nell’indagine del mese precedente. Le vendite sono diminuite in Italia e aumentate sui mercati esteri UE ed extra UE. Le giacenze di prodotti finiti sono considerate molto basse rispetto alle esigenze aziendali, mentre le scorte di materie prime sono ritenute in eccesso. Le previsioni a breve sono positive per la produzione e per gli ordini dall’interno; sono stazionarie per gli ordini dall’estero e per la manodopera.

Carta e stampa - L’attività del settore è risultata in diminuzione, per il secondo mese consecutivo. Le vendite sono calate sul mercato interno; sono cresciute sui mercati UE; sono rimaste stabili sui mercati extra UE. Sia le giacenze di prodotti finiti che le scorte di materie prime sono considerate inadeguate rispetto alle esigenze aziendali. La forza lavoro è diminuita rispetto al mese precedente. Nel breve periodo, gli operatori segnalano prospettive negative per la produzione, gli ordini dall’interno e la manodopera; stazionarie per gli ordini dall’estero.

Chimico, gomma e plastica - La produzione del comparto si è manifestata in flessione, come nell’indagine del mese precedente. Le vendite sono diminuite su tutti i mercati, soprattutto su quello interno. Sia le giacenze di prodotti finiti che le scorte di materie prime sono considerate basse in rapporto alle esigenze aziendali. La manodopera non ha subito variazioni rispetto al mese precedente. Le prospettive a breve termine sono sfavorevoli per la produzione, gli ordini dall’interno e dai Paesi UE; stazionarie per gli ordini dai Paesi extra UE e per la manodopera.

Legno e mobili in legno - Le imprese del settore hanno evidenziato un decremento dell’attività produttiva, dopo cinque rilevazioni consecutive in crescita. Le vendite sono rimaste stabili in Italia; sono decisamente calate sui mercati UE; sono aumentate sui mercati extra UE. Le giacenze di prodotti finiti e le scorte di materie prime sono ritenute alte rispetto alle esigenze aziendali. La manodopera è rimasta invariata. Le proiezioni nel breve periodo sono favorevoli per la produzione e gli ordini dall’interno; stazionarie per gli ordini dall’estero; negative per la forza lavoro.

Maglie e calze - La produzione del settore è calata, dopo che era rimasta stabile nel precedente mese di ottobre. Le vendite sono diminuite sia in Italia che sui mercati esteri comunitari ed extra comunitari. Sia le giacenze di prodotti finiti che le scorte di materie prime sono considerate adeguate rispetto alle esigenze aziendali. La forza lavoro non è variata rispetto alla rilevazione precedente. Le previsioni a breve termine sono negative per tutte le variabili oggetto dell’indagine, ad eccezione della manodopera attesa stabile.

Materiali da costruzione ed estrattive - L’attività produttiva delle imprese del settore è rimasta invariata, dopo nove rilevazioni consecutive in aumento. Le vendite sono risultate stabili in Italia e sui mercati UE; sono aumentate sui mercati extra UE. Le giacenze di prodotti finiti e le scorte di materie prime sono considerate adeguate alle esigenze aziendali. La forza lavoro è diminuita rispetto alla rilevazione precedente. Le previsioni a breve termine sono sfavorevoli per tutte le variabili prese in considerazione, in particolare per gli ordini dal mercato interno e la forza lavoro. Metallurgico e siderurgico - Le imprese del settore hanno evidenziato un calo dei livelli produttivi, dopo cinque rilevazioni consecutive positive. Le vendite sono molto diminuite sul mercato interno; sono aumentate sui mercati UE; sono leggermente calate sui mercati extra UE. Sia le giacenze di prodotti finiti che le scorte di materie prime sono considerate relativamente basse rispetto alle esigenze aziendali. La manodopera è cresciuta rispetto al mese precedente. Le prospettive a breve termine sono sfavorevoli per tutte le variabili oggetto dell’indagine.

Meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche - Gli operatori del comparto segnalano un calo della produzione, dopo nove aumenti consecutivi. Le vendite sono cresciute in Italia e sui mercati UE; sono calate sui mercati extra UE. Le giacenze di prodotti finiti sono ritenute elevate rispetto alle esigenze aziendali, mentre le scorte di materie prime sono considerate adeguate. La forza lavoro è aumentata rispetto al mese precedente. Le aspettative per i prossimi mesi sono favorevoli per la produzione e gli ordini dai Paesi extra UE; negative per gli ordini dall’interno, per quelli dai Paesi UE e per la manodopera.

Meccanica tradizionale e mezzi di trasporto - L’attività produttiva del settore ha registrato un calo, come nel mese precedente. Le vendite sono diminuite sul mercato interno e sui mercati UE; sono aumentate sui mercati extra UE. Le giacenze di prodotti finiti e le scorte di materie prime sono considerate adeguate alle esigenze aziendali. La manodopera non è variata rispetto alla rilevazione precedente. Le aspettative a breve termine sono sfavorevoli per tutte le variabili oggetto dell’indagine, soprattutto per gli ordini dall’interno.

Tessile - Il settore ha evidenziato un calo dei livelli produttivi, dopo che la produzione era rimasta invariata nel mese precedente. Le vendite sono diminuite sia in Italia che nei Paesi comunitari ed extra comunitari. Le giacenze di prodotti finiti sono ritenute relativamente basse rispetto alle esigenze aziendali, mentre le scorte di materie prime sono considerate elevate. La manodopera è diminuita rispetto alla rilevazione precedente. Le prospettive a breve termine sono sfavorevoli per tutte le variabili considerate, in particolare per la produzione e gli ordini dai Paesi extra UE.



Fonte: Redazione mar 22 dic 2015, ore 15.03
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
03:47 marian
06 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito tra privati per far fronte a difficoltà finanziarie e finalmente fuori dell'impasse causata dalle banche per il
00:00 RenatoBS
06 dic - Vai alla news »
18-35 enni generazione dell'usa e getta. Non mi piace il governo? lo butto via e avanti il prossimo. E così all'infinito ogni 12 mesi…"perch
23:43 Eureka !
05 dic - Vai alla news »
Sconfiggere il populismo di destra con uno nuovo di sinistra ? Finalmente capisco come hanno fatto i pentastellati ad essere primi nei cons
23:38 Acli & Belli
05 dic - Vai alla news »
Tosti questi delle ACLI e tosto pure Belli: consigliano ai governi che verranno di riproporre pari pari il percorso pseudo-riformista che ha
23:38 @@@@@@
05 dic - Vai alla news »
bravi continuate a sperare che adesso viene il bello
22:51 @RenatoBS
05 dic - Vai alla news »
Ehi, Renatino, guardi che il 75% dei giovani dai 18 ai 34 anni ha votato NO al referendum (sono stati voti decisivi) perchè tutte le mattine
22:35 Stellante
05 dic - Vai alla news »
Bravo, Piovanell: si aggrega nmentalmente al pensiero pentastellato, dice le stesse cose soprattutto su autorefernzialità, privilegi, lontan
22:10 RenatoBS
05 dic - Vai alla news »
E intanto nonno berlusca torna in campo vigoroso e pimpante come ai bei tempi. UN APPLAUSO A CHI HA VOTATO NO, grazie di cuore per questo tr
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...