Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 20:45


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO

Piazzale Loreto

Leghista choc su Facebook: a Piazzale Loreto dovevano appendere i partigiani. L'Anpi: parole che fanno rabbrividire

(a.tortelli) “A testa in giù in Piazzale Loreto ci dovevano mettere i partigiani”. L'affermazione – messa nero su bianco in Facebook - non è proprio  da rappresentante delle istituzioni. Ma se lo scorso anno le elezioni fossero andate diversamente, l'autore - Igor Zacchi - oggi sarebbe il sindaco di Mairano con una maggioranza leghista e non un semplice consigliere comunale. E la polemica avrebbe proporzioni ancora maggiori.

Lo sfogo del giovane esponente del Carroccio, figlio d'arte, prende le mosse dal costo sostenuto per alcune visite mediche da un parente che “paga i contributi a questo Stato di m.... da ben 41 anni”. Una questione che, a leggere il post scovato in anteprima da BsNews.it, avrebbe una forte valenza politica: “Clandestino terrorista pezzo di m...”, scrive ancora Zacchi, “uguale accolto, mantenuto e sanità gratis”. La conclusione? “A testa in giù in Piazzale Loreto ci dovevano mettere i partigiani”.

Parole forti, fortissime. E forse dettate da un momento di sconforto. Ma su Facebook lo sfogo ha riscosso numerosi consensi, quasi un centinaio. E tra i “Mi piace” ci sono anche autorevoli esponenti della Lega bresciana, come quel Giuseppe Fornoni, al vertice del collegio leghista della Bassa, che nel 2013 finì su tutti i media nazionali per aver dato della mussulmana di m... all'allora ministro Kyenge (l'esponente del Carroccio aveva cancellato il post il giorno successivo chiedendo scusa e ammettendo di aver “scritto una cazzata").

Ma anche il fronte dei Non mi piace (Facebook per ora non concede questa opzione) è nutrito. E a guidarlo è l'Anpi provinciale di Brescia, chiamata in causa da Zacchi.

“Fanno rabbrividire le parole pubblicate in Facebook da Igor Zacchi”, spiega il vicepresidente provinciale di Anpi Francesca Parmigiani, “Esse denotano l’ignoranza – in particolare rispetto alla storia del nostro Paese – la volgarità e l’assenza totale di sentimenti di umanità e di solidarietà, purtroppo tipiche di alcuni esponenti leghisti, le cui dichiarazioni, come in questo caso, non possono essere considerate boutades né ascritte a intemperanze momentanee, ma devono essere stigmatizzate e condannate pubblicamente con forza.

Ignora purtroppo Zacchi”, continua Parmigiani, “che se oggi può esprimere liberamente il proprio pensiero (seppur inaccettabile per contenuto e toni) è grazie al fatto che 70 anni fa i partigiani – uomini e donne – lottando contro quel regime fascista che per vent’anni aveva oppresso e mortificato la persona umana, riconquistarono per tutti libertà e dignità, ponendo le basi per la rinascita politica ed etico-morale di un Paese ridotto in macerie. Un patrimonio di valori – quello affermato dalla Resistenza contro il nazifascismo – poi trasfuso nella Carta costituzionale del 1948 e nei principi di libertà, giustizia sociale, eguaglianza, pace, solidarietà, pluralismo e solidarietà politica, economica e sociale, in essa solennemente sanciti, ma da Zacchi evidentemente ignorati.

Ritengo gravissimo che vi sia ancora qualcuno – addirittura un rappresentante delle istituzioni, in questo caso locali – che rifiuti la Resistenza e la storia, collocandosi così fuori dall’Italia vivente, che si fonda sul testo costituzionale, e invocando – invece – un’Italia fatta di fantasmi e di spettri. Confido, tuttavia”, conclude la vicepresidente di Anpi, “che - soprattutto in una fase complessa e delicata, quale quella che stiamo attraversando, in cui sembrano riemergere tossine e veleni, a partire dal razzismo e dalla discriminazione del diverso, che non sono mai debellati per sempre – la cultura democratica che, anche grazie alla Resistenza, appartiene ormai al nostro patrimonio genetico sappia sempre prevalere”. 

Parole nette. A cui è seguita subito la presa di distanza - netta - anche del Carroccio provinciale. “Tengo a sottolineare che quella di Zacchi non è assolutamente la posizione movimento”, spiega il segretario provinciale Paolo Formentini, “le sue sono dichiarazioni a titolo personale: auspico che il post venga rimosso il prima possibile”. Formentini, quindi, precisa che per quelle affermazioni Zacchi “sarà sottoposto a procedimento disciplinare: la commissione interna esaminerà il caso e ne trarrà le considerazioni dovute”. 

Il post è stato rimosso prima delle 13. 

 



Fonte: Comunicato stampa mer 23 dic 2015, ore 11.10
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
20:21 a 19.53
03 dic - Vai alla news »
Figurati se le prostitute lavorano gratis. Comodo sviare sul tema che ha messo in evidenza il rapper bello fico. Chi paga queste prostitute
20:18 Triioooooo!!!!
03 dic - Vai alla news »
Ma il trio beccalossi/rolfi/bor donali non ha niente da dire? eppure se dopo più di 24 ore ancora non esce un responsabile vuol dire che sia
19:53 Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me ci sono molte "bianche" che adorano fare sesso divertente con i ragazzi "neri" e non c'è bisogno di pagare nessuno, perché la qua
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
13:29 SI
03 dic - Vai alla news »
Farà votare SI' a più persone.
13:27 @8.36
03 dic - Vai alla news »
Quante str....te!
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...