Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 17:13


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL 13 GENNAIO

Strage di Parigi, in mostra a Brescia le immagini scattate da Vincenzo Cottinelli

A due mesi dalla strage di Parigi del 13 novembre 2015, Comune di Brescia e Associazione Artisti Bresciani promuovono la mostra Parigi 13/11/2015 – Dolore Memoria Vita Cultura fotografie di Vincenzo Cottinelli.

L’esposizione, che si tiene nel salone Vanvitelliano di palazzo Loggia, sarà inaugurata mercoledì 13 gennaio 2016 alle 17.30. La mostra è visitabile da lunedì a venerdì dalle 9 alle 19, il sabato dalle 9 alle 12,30 fino al 30 gennaio 2016.

L’autore ha fotografato i segni, le tracce, gli oggetti, le testimonianze, gli scritti, gli omaggi che i Parigini e tutti i presenti in quei giorni hanno lasciato nei luoghi delle stragi e nel luogo emblematico per eccellenza, il monumento alla Repubblica, nell’omonima piazza.

A partire da un manifesto (poi rimosso) di un film premonitore ripreso la sera degli eccidi, alle 23,33 nella linea 4 del Metrò, fino alle stratificazioni di fiori e messaggi cartacei, fotografie dei caduti, oggetti emblematici della vita (libri, chitarre, biciclette, spartiti musicali), questi “bassorilievi”, fotografati fino al 21 novembre, raccontano un “lutto culturale” mai urlato, sempre serio e accorato, denso di citazioni alte (Brecht, Luther King, Einstein, Hannah Arendt, Voltaire, Gandhi, Hemingway, Jaurès, Camus, Jacques Brel, i Beatles, Charles Péguy, Platone, Kant, il Corano, per citarne solo alcuni) tutte visibili nei libri, nei frammenti, nelle pagine strappate, nei graffiti illuminati da migliaia di candeline. E non mancano tenere pagine di scolari, poesie d’amore, rivendicazioni giovanili della gioia di vivere insieme, che mai sarà umiliata, la solidarietà dell’esercito di liberazione del Kurdistan e di Kobane; le parole (in italiano) di Paolo Borsellino, il ricordo dei morti (del giorno prima!) della strage di Beirut.

Cultura, storia e politica mescolate senza stridore a coprire appena, senza cancellarla, la sinopia un po’ sbiadita dei graffiti di gennaio per i caduti di Charlie Hebdo. Onnipresenti le parole fondanti Liberté Egalité Fraternité, ma anche Laïcité. Ma è impossibile leggere questo lutto come un fatto tutto parigino o anche solo francese: si percepisce infatti un “naturale” internazionalismo di solidarietà, di lingue, di storia, di memoria, di valori.

Col passare dei giorni, con le intemperie, con i disordini legati al convegno COP 21, la situazione fotografata da Cottinelli a Parigi si è profondamente modificata: gran parte delle scritte e degli oggetti sono scomparsi o sono sepolti da nuovi e massicci omaggi. Da un’idea di bassorilievo si è passati a cumuli e sculture.

Nel frattempo, ai primi di dicembre, il Comune di Parigi ha deciso di creare un archivio dei materiali lasciati nei luoghi dei memoriali spontanei e ha già messo all’opera personale incaricato per la raccolta e classificazione degli oggetti: è chiara la percezione del loro valore storico e culturale. Ciò accresce l’utilità e l’interesse della memorizzazione visiva effettuata nei giorni immediatamente vicini agli eventi.

Le stampe di Cottinelli sono dense di materia e di neri profondi, sono realizzate con il rispetto e l’amore dovuto alla grafica e alla composizione, e cioè alla visione, ma sono anche un “mezzo che porta un altro mezzo” perché offrono parole e testi da leggere come momento importante incorporato nella narrazione fotografica.

La mostra si articola in 70 fotografie formato 60x40, di cui 60 analogiche, in bianco e nero, da fotocamera Leica M7 oltre a 10 digitali a colori da iPhone 6, tutte stampate a getto d’inchiostro dallo Studio Gusmeri su carta Hahnemuehle matte 100% cotone.

Il montaggio è concepito idealmente con una lunga linea di fotografie orizzontali che corrispondono a carrellate di documentazione scattate con piccoli spostamenti trasversali/laterali del fotografo; a rendere discorsiva e sintattica l’esposizione vi è una specie di punteggiatura (punti, punti e virgola, parentesi) realizzata interponendo ogni 5 o 6 immagini orizzontali una stampa verticale e/o a colori, leggermente ribassata.

L’esposizione nello storico salone Vanvitelliano prospiciente Piazza della Loggia ha anche un significato evocativo della strage del 1974 e della appassionata reazione dei cittadini bresciani e di tutta Italia che hanno fatto di questa piazza un simbolo della resistenza alla violenza e al fascismo.



Fonte: Redazione lun 11 gen 2016, ore 16.57
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
16:59 Porsél
04 dic - Vai alla news »
Me vote al porsél
16:52 @orio
04 dic - Vai alla news »
Ma la conosci la geografia?
16:03 @@quasimodo
04 dic - Vai alla news »
Laura cosa fai, parli di te in terza persona come Maradona? E comunque a una frase come "Se a essere avuto voglia di fare qualcosa per la ci
15:38 DEGRADO
04 dic - Vai alla news »
Gnuranc de bresa
15:28 ILVA
04 dic - Vai alla news »
affluenza spinge il no... SI senza accento ILVO !
15:26 Oscar
04 dic - Vai alla news »
ASSISTENZA FINANZIARIA IN 24 ORE FACILE (assistance.financia ire55@gmail.com) Em ail : assistance.financiai re55@gmail.com Ci ao ! Questo
15:26 Oscar
04 dic - Vai alla news »
ASSISTENZA FINANZIARIA IN 24 ORE FACILE (assistance.financia ire55@gmail.com) Em ail : assistance.financiai re55@gmail.com Ci ao ! Questo
15:25 Oscar
04 dic - Vai alla news »
ASSISTENZA FINANZIARIA IN 24 ORE FACILE (assistance.financia ire55@gmail.com) Email : assistance.financiai re55@gmail.com C
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...