Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 05:26


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
POLEMICA
Metro Brescia

Metro, Legambiente contro la Loggia: c'è ancora molta strada da fare

“Metro, c’è ancora molta strada da fare”. A dirlo, con una nota, è il responsabile regionale Trasporti di Legambiente Dario Balotta, che critica l'entusiasmo della Loggia sulla crescita dei passeggeri trasportati nel 2015 e l'eccessivo costo del metrobus.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO

Per raggiungere i benefici attesi dal Metrobus c’è ancora molta strada da fare. Sono infatti modesti i risultati resi noti dal Comune e da Brescia Mobilità relativi al traffico di autobus e metro del 2015 che sarebbe aumentato di 2,3 milioni di passeggeri passando da 48,7 milioni del 2014 a 51milioni del 2015 (+4,7%) in presenza di un rilevante incremento delle corse e delle frequenze di bus e metro. Se si considera che il traffico extraurbano che fa capo a Brescia nel 2015 ha perso quasi un milione di passeggeri (7%) e che i questi passeggeri sono stati costretti ad usare i mezzi urbani da una integrazione tariffaria forzosa, non c’è da essere soddisfatti di questi dati.

A tre anni dall’apertura del Metrobus la spesa pro capite per abitante è triplicata toccando la considerevole somma di 336 euro/abitante contro i 34 euro per abitante della provincia oppure contro i 129 euro ad abitante di Bergamo. Il traffico dei trasporti pubblici va almeno raddoppiato visto che le risorse per esso spese sono quadruplicate dall’apertura del Metrobus. Ciò è ancor più necessario se si considera che con gli introiti da tariffa la metro leggera copre solo il 7% dei costi, il restante 93% è coperto con risorse pubbliche (la media italiana è invece del 35%). L’obiettivo deve essere quello di raggiungere i volumi di traffico del Metrobus di Lille (paragonabile a quello di Brescia per lunghezza e caratteristiche omogenee) che sviluppa 58 milioni di passeggeri anno contro i 15 milioni di Brescia. Da notare che la struttura di Lille è costata tre volte meno di quella della città della leonessa.

C’è da rimboccarsi tutti le maniche per rilanciare il ruolo del Metrobus e ridurne gli alti costi di esercizio. Appaiono come non più differibili interventi come il completamento dei parcheggi di corrispondenza e delle piste ciclabili o come l’ampliamento delle aree pedonali. In particolare va colta l’occasione della revisione del PGT con lo scopo di rilocalizzare nuove unità abitative ed uffici senza modificare le volumetrie cittadine sull’asta del Metrobus potenziandone le funzioni attrattive con attività di social housing. Un modo questo per prendere atto che la costosa infrastruttura è sicuramente sovradimensionata rispetto al numero di abitanti di Brescia e del suo hinterland. Ambienti urbani di qualità, capaci di competere con la periferia, sviluppo del trasporto sostenibile che migliori la qualità dell’aria e la riduzione della congestione del traffico cittadino fanno parte delle azioni indispensabili per rilanciare la vivibilità e lo sviluppo della città.


Dario Balotta responsabile Trasporti Legambiente della Lombardia

 



Fonte: Comunicato stampa dom 17 gen 2016, ore 11.25
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Opera assolutamente inutile...
lun 18 gen 2016, ore 22.34
Immagine profilo
@rudig
(UTENTE NON REGISTRATO)
W la metro ? rudig, stèt bè ?
lun 18 gen 2016, ore 11.11
Immagine profilo
rudig
(UTENTE NON REGISTRATO)
w la metro, balotta ciciaru
lun 18 gen 2016, ore 10.49
Immagine profilo
CAPPIO
(UTENTE NON REGISTRATO)
questa operazione (che ha nomi e cognomi noti a tutti .... ) soffoca la città. La verità è sempre stata negata, ma la indicò il prof. Bernardo Secchi, invece che la metropolitana un serie di tranvie in sede protetta sarebbe costata meno del 50% del costo metropolitana, avrebbe raggiunto un più ampio bacino di utenti ed aiutato a riqualificare ampie zone della città. Ma qualcuno...., con il sostegno dell'allora sindaco Martinazzoli (grande politico con una visione che ora ci stritola di debiti) cassò l'idea, ridicolizzandola. Ora a cose fatte, ed ad affarucci fatti..., viene fuori la verità. La metropolitana è stato il sogno degno del miglior provincialismo miope (c'è anche un provincialismo positivo ma non è il nostro caso) e l'occasione di GRANDI AFFARI per qualcuno.....
lun 18 gen 2016, ore 08.50
Immagine profilo
Fermamente
(UTENTE NON REGISTRATO)
"La costosa infrastruttura (tre volte meno è costata la omologa di Lille) è sicuramente sovradimensionata rispetto al numero di abitanti di Brescia e del suo hinterland" dice oggi Legambiente. Bella questa, lo si sapeva da sempre. Eppure si è speso un miliardo di euro senza che nessuno, in pratica, battesse ciglio. E oggi si pretende che ogni scelta e decisione pubblica e pure privata ruoti attorno a tale inutile infrastruttura per receuperarne i costi mostruosi diretti ed indiretti: dalla gestione alla manutenzione sino ad arrivare ai debiti finanziari che vincoleranno per altri per vent'anni i bilanci comunali. Tutti tacciono e nessuno ha pagato per questa scelleratezza pubblica. E Fermi, l'ideatore e artefice del tutto, è lì tranquillo al suo posto di Presidente di Brescia Metro (persino dopo le sue intercettazioni rese pubbliche del caso Incalza-Perotti) e ogni tanto si sente solo per qualche tettoia o qualche infiltrazione d'acqua nella metropolitana. E il miliardo di euro ? E i costi di gestione ? E i mutui "capestro" accesi con la Cassa Depositi e Prestiti ?
dom 17 gen 2016, ore 18.45
Immagine profilo
ciclista
(UTENTE NON REGISTRATO)
Alla superficialità della loggia un replica puntuale e motivata
dom 17 gen 2016, ore 18.03
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
05:04 VINTO NO!
05 dic - Vai alla news »
Ha vinto il NO!!!! E Renzi si è dimesso!!! Ed ora tutti i clandestini e "Belli Fichi " a casa!!! Mattarella prenda atto che secondo quanto
22:31 Alalà !
04 dic - Vai alla news »
Squadristi con fiocchi e controfiocchi. Ci sanno fare loro, altro che i magazzinari.
22:27 @@Sandro
04 dic - Vai alla news »
Guardi che entrerebbe nel PD, che non è nè di destra nè di sinistra e nemmno di centrosinistra o centrodestra. E' una specie di polo dei cit
21:52 Si
04 dic - Vai alla news »
Anche me votè el si (el porsel)
21:11 bah?!
04 dic - Vai alla news »
Avran avuto come maestri i Compagni estremisti
20:21 mvb
04 dic - Vai alla news »
Berlusconi cadde perchè non aveva la maggioranza....e come la perse se non con l'azione di Napolitano? Non sono fantasie, ma quel che si leg
19:22 Sandro
04 dic - Vai alla news »
Se entrassi in un partito, di destra o di sinistra, sarei un elemento disgtegante del partito stesso, proprio perché il pensiero libero e an
18:51 ILVA
04 dic - Vai alla news »
ILVO DEGRADO Porsél e Adolfo votano SI
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...