Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 16:27


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
REGIONE
test italiano immigrati

Formazione professionale, il test di italiano obbligatorio per stranieri è legge

Via libera ad emendamento della Lega Nord alla legge su “Istruzione, formazione e lavoro” relativo agli stranieri nei corsi di formazione professionale.

 

"L’immigrato che non conosce l’italiano non può seguire i corsi correttamente, ma soprattutto arreca un grosso danno, rallentando o addirittura bloccando l’apprendimento degli studenti, italiani e non, che invece conoscono la lingua", ha commentato il firmatario e vice capogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi.

L' emendamento introduce una verifica di conoscenza linguistica, con apposito test. "Chi dimostrerà di non saper la lingua sarà obbligato a impararla, svolgendo un corso di italiano, parallelo alla formazione, durante l’anno scolastico. - ha aggiunto Rolfi - Abbiamo scelto quindi di tradurre questo principio inserendolo nella legge, proprio per non demandare ulteriormente alla lungimiranza dei singoli centri di formazione.”

 “Inutile nasconderlo, il lassismo di chi governa il Paese ha dimostrato che la vera e unica integrazione è quella muscolare, e passa dall’imporre a chi vuole rimanere sul nostro territorio regole precise a cui attenersi. - chiude Rolfi- La nostra è una norma di buon senso e chi non la vuole rispettare, scansando persino il dovere di imparare la lingua del paese ospitante, può tranquillamente tornarsene a casa propria.”



Fonte: Comunicato stampa lun 18 gen 2016, ore 11.22
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@RIDICOLI!!!!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ogni tanto torna il sinistro radicalchic che bolla come ignorante e zoticone il leghista (concetto ormai trito e ritrito che non trova fondamento): a me pare che l'ignoranza regni in ogni parte politica e ad ogni livello, soprattutto quando è accompagnata da supponenza ed arroganza!
lun 18 gen 2016, ore 22.22
Immagine profilo
Considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Anche questo provvedimento non servirà a niente. Inutile mettere un corso parallelo di italiano nelle scuole per loro, come inutile dare il sostegno a chi è indietro. Semplicemente bisogna che ripeta l'anno. Se la scuola vuole tornare ad essere un luogo dove si imparano materie e discipline deve tornare selettiva. Oggi è il prolungamento dell'asilo e i risultati da decenni li vediamo: ignoranti in massa...
lun 18 gen 2016, ore 22.20
Immagine profilo
Minimo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi sembra il minimo che chiunque voglia studiare o lavorare in Italia conosca almeno la lingua italiana! Nessuno dice che debbano essere laureati, ma il minimo del minimo.... Anche i bambini italiani vengono bocciati alle elementari perchè invece un bambino che arriva in Italia e non sa parlare in italiano deve entrare direttamente in terza o quarta elementare solo in base all'età? Rallentando l'apprendimento di tutti gli altri bambini che già comprendono la lingua! Senza parlare del mondo del lavoro, della sicurezza ecc... Non sono leghista ma questa l'approvo
lun 18 gen 2016, ore 21.49
Immagine profilo
RIDICOLI!!!!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se non avessero una forte venatura tragica, questi soggetti sarebbero solo ridicoli. Ci tocca sentire queste baggianate da uno che sta in un partito il cui massimo dirigente si è, fra l'altro, distinto per avere affermato che "migrante" è un gerundio (Trasmissione "Virus" in onda su RAI2) ed avere scritto: "Le marcie non fermano l'Isis, non voglio che qualcuno si lavi la coscienza facendo una marcia di pace!". Li ricordiamo, i senatori (senatori, l'élite leghista, non militanti di base qualche sezione sperduta) che sventolavano i aula cartelli recanti la scritta "Qual’è merce di scambio?"? Inutile dilungarsi sugli innumerevoli esempi di ignoranza linguistica regalatici dai leghisti; d'altra parte, cosa possiamo aspettarci da personaggi che su un loro volantino, diffuso in quel di Adro, hanno avuto la sincerità di scrivere, nero su bianco, "Noi stiamo dalla parte dei genitori e non dei cervelli!"? Come si potrebbe infierire, di fronte a tale tenerezza?
lun 18 gen 2016, ore 13.17
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:24 Pharmd749
09 dic - Vai alla news »
Hello!
15:21 @Bresciano
09 dic - Vai alla news »
Sono d'accordo: idea pessima, volgare, fuori contesto, rattristante, di cattivo gusto. E poi il trenino ce l'avevamo già e gira semivuoto da
15:14 @@@Sandro
09 dic - Vai alla news »
Belli, legga e ascolti bene questa: ieri Mattarella ha ricevuto il Gruppo parlamentare "Civici e Innovatori", che dal nome potrebbe essere..
15:02 Bresciano
09 dic - Vai alla news »
CHE STR*****TA! Veder e quel coso in giro per il centro, mi rattrista perchè da l'idea di una città provincialotta!
15:00 @5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Se avesse sentito la conferenza stampa dei rappresentanti pentastellati la notte del 4 dicembre da Montecitorio, avrebbe sentito con le sue
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto più pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalità è che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...