Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 00:27


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL COMMENTO
nutria

Contenimento delle nutrie: l'impegno della Provincia di Brescia continua

La Nutria Myocastor coypus (Molina, 1782) è un roditore di grande taglia originario della sub-regione patagonica del Sud America e delle aree temperate del Cile e dell’Argentina.

La specie è stata introdotta in molti paesi sia nel Nord America che in Europa ove è riuscita a costituire popolazioni naturalizzate.

Ciascun individuo della specie consuma l’equivalente di 27 kg di materia secca ogni anno, cibandosi essenzialmente di vegetali tra cui soprattutto piante acquatiche, radici, foglie, tuberi, rizomi. In media la nutria partorisce 5 piccoli 2/3 volte l’anno.

La popolazione stimata in Regione Lombardia è di circa 700 mila individui, di cui circa 140 mila in provincia di Brescia (seconda per quantità solo alla provincia di Mantova).

La specie costituisce fonte di danni all’agricoltura sia perché si alimenta di colture agricole, ma anche perché ricava la propria tana scavando negli argini e nelle strade di campagna.

Fino al 2013 la provincia di Brescia ha fronteggiato l’espandersi del roditore secondo quanto disposto dalla normativa nazionale e regionale in materia, il regolamento provinciale per il controllo della fauna selvatica e il piano provinciale di abbattimento della nutria.

Gli operatori volontari appositamente formati secondo le indicazioni del Settore Caccia e sotto il coordinamento operativo della Polizia Provinciale hanno attuato interventi di controllo della specie principalmente con gabbie trappola e, in casi particolari, mediante abbattimento diretto. Tali attività hanno portato al prelievo medio annuale di circa 5000 capi.

Secondo recenti studi, per contenere in maniera importante la popolazione di nutria in provincia di Brescia sarebbe necessario prelevare almeno l’incremento utile annuo pari a circa 80 mila esemplari. Per eradicare la specie il prelievo dovrebbe essere di circa 280 mila animali all’anno solo in provincia di Brescia e un milione e 400 mila in tutta la regione.

Tra il 2014 e il 2015 però, a causa delle continue modificazioni dell’assetto normativo nazionale, l’ultima risale al dicembre 2015, le operazioni di controllo e la pianificazione per affrontare il “problema nutria” si sono fermate.

Oggi la nutria è considerata dalla legge 157/92 alla pari di ratti e arvicole ed è attualmente inserita nell’elenco delle 100 specie alloctone più dannose del mondo. Sempre secondo la medesima legge, però, la gestione del contenimento va fatta secondo quanto disposto dalla normativa in materia di controllo della fauna selvatica. Questo significa ottenimento del parere ISPRA in ordine alla non applicabilità dei metodi ecologici e attuazione dei piani di abbattimento con mezzi e metodi codificati dalla vigente normativa e dal parere ISPRA.

La pianificazione regionale e provinciale è stata recentemente adeguata e le operazioni di contenimento in provincia di Brescia sono riprese: 350 gli operatori volontari a cui è stata rinnovata l’autorizzazione per l’attività di controllo numerico, 1000 il numero delle gabbie che la Provincia ha messo a disposizione per gli interventi. Entro marzo saranno erogati i rimborsi spese per l’attività dello scorso anno.

“Anche i Comuni – ha dichiarato il Presidente della provincia di Brescia Pier Luigi Mottinelli - possono collaborare al contenimento della specie, d’intesa con la Provincia, secondo quanto disposto dal piano provinciale, acquistando gabbie o altro materiale di consumo, coordinando gli operatori presenti sul proprio territorio, mettendo a disposizione punti temporanei di stoccaggio”.

“Si ricorda che gli operatori volontari sono spesso cacciatori ma non agricoltori – hanno precisato i Consiglieri Provinciali Andrea Ratti e Diego Peli - è quindi importante che le associazioni agricole promuovano l’informazione affinché gli agricoltori facciano un attento monitoraggio e segnalino tempestivamente la presenza della specie alla Polizia Provinciale o direttamente agli operatori presenti sul territorio, anche per tramite dei Comuni”.



Fonte: comunicato stampa mar 26 gen 2016, ore 14.49
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
20:10 a 19.52
17 gen - Vai alla news »
Se questo dovesse succedere come ci ha già peraltro detto Gabrielli, significa che o siamo già pieni di terroristi, oppure anche quelli che
19:52 @NONNA
17 gen - Vai alla news »
Ci faranno soccombere quelli come te. State facendo il gioco dell'ISIS. State creando nuovi terroristi. Il primo attentato in Italia forse e
19:23 @se tanto
17 gen - Vai alla news »
Meglio di no: in mezzo a quella brutta gente che sono i preti non c'è nulla da imparare. E poi meglio che servano la società che gente come
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...