Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 02:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA SCUOLA
Laas Lonati Anglo-American School

Sabato la Lonati Anglo-American School apre i battenti per l'Open House

Sabato 30 gennaio - dalle 9,30 alle 12,30 - la scuola di via Bormioli (Brescia) apre le porte a genitori e alunni per trasmettere i valori e il programma educativo che dal 2013 ha candidato l'istituto al programma d'insegnamento dell’International Baccalaureate: un percorso d'eccellenza che impone almeno tre anni per ottenere la certificazione.

La scuola, non paritaria, prevede come lingua ufficiale quella inglese con insegnanti madrelingua, ma è previsto anche lo studio dell'italiano con un esame annuale d'idoneità che gli studenti sostengono all'Istituto Canossiano di Brescia. A queste materie si aggiunge l'insegnamento del cinese mandarino a partire dai 4 anni d'età. “La mattinata Open House sarà l'occasione non solo di presentare, attraverso la visita guidata dei 4600 metri quadrati su cui si sviluppa la scuola, il lavoro che ogni giorno insegnanti e alunni fanno all'interno delle aule, ma anche di mostrare il clima e i valori famigliari che si respirano – spiega la preside della LAAS Beatrice Zanotti supportata dalla coordinatrice IB, Beth Merritt -. Qui proponiamo un modello di insegnamento diverso rispetto alla scuola tradizionale dove le attività svolte nelle classi non rimangono chiuse tra libri e quaderni ma diventano parte integrante del luogo, addobbano i muri delle aule ed esprimono le tante personalità di coloro che le vivono, quindi in continuo movimento”. Nonostante la lingua d'insegnamento sia l'inglese, la LAAS presta grande attenzione anche all'apprendimento dell'italiano che, per gli studenti madrelingua è sostenuto da programmi simili a quelli della scuola tradizionale, mentre per gli stranieri riguarda maggiormente la capacità di conversare, al quale si affianca la grammatica di base.


IL CICLO SCOLASTICO – Paragonabile all'asilo, la LAAS propone per i bimbi dai 3 ai 5 anni il programma Early Years con attività specificamente dedicate alla prima infanzia. Segue poi l'ingresso al Primary Years Programme che completa il percorso Elementary in sei anni, dai 5 agli 11 anni. Da settembre, inoltre, sarà attivato anche la Middle School con la possibilità per gli studenti che non hanno ancora sufficiente dimestichezza con l'inglese di frequentare corsi mirati e preparatori. “L'idea è quella che i nostri studenti imparino a fare collegamenti e parallelismi senza dover necessariamente separare mentalmente le materie d'insegnamento come avviene invece nella scuola tradizionale”, sottolinea l'ideatrice e fondatrice della LAAS Donatella Meneghini Lonati. Inoltre, un venerdì al mese la LAAS apre le porte ai genitori per permettere ai bambini di avvicinarsi al mondo degli adulti attraverso attività specifiche che li mettono in contatto con le varie realtà del mondo del lavoro, dello sport, dell'associazionismo e dell'arte, al fine di “capire che impegnarsi in un lavoro, in uno sport o in qualsiasi altra attività costa fatica, sacrificio e impegno, oltre a tante rinunce – commenta Donatella Meneghini Lonati -. Cerchiamo di sviluppare la curiosità dei bambini e lo facciano ampliando al massimo le loro conoscenze. Chi conosce non avrà paura e conoscere significa cultura”. Concetto ribadito anche dalla preside che aggiunge: “Il mondo corre velocemente insieme alla tecnologia e questa scuola dà la possibilità di aprire la propria mente e vivere a Brescia come in qualsiasi altra città del mondo”.

LA GIORNATA TIPO – La campanella d'entrata suona alle 8,30. Alle 10,00 la prima pausa di quindici minuti per poi proseguire con le lezioni fino alle 12,30 quando gli alunni vengono accompagnati nella sala mensa (una dedicata ai più piccoli dell'Early Years e l'altra per gli studenti dell’Elementary. Pausa e svago fino alle 13,45 e poi di nuovo in classe fino all'ultimo break delle 15,15. Ancora 45 minuti di lezione e uscita alle 16,15.

LA STRUTTURA - LAAS si sviluppa su 4600 metri quadrati, 1800 della struttura originale e 2800 della nuova area inaugurata lo scorso settembre dove è stata creata una biblioteca, un'aula studio, una palestra con spogliatoi, due sale mensa con annessa cucina, il winter garden al coperto, un'area relax e un auditorium da 187 sedute dedicato alla memoria di Tiberio Lonati.



Fonte: Redazione mer 27 gen 2016, ore 17.14
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Perplessa
(UTENTE NON REGISTRATO)
La scuola sembra accattivante, stimolante e divertente, ma una domanda sorge spontanea: perché mai proporre tutti gli insegnamenti in lingua inglese? La nostra lingua e' meravigliosa, ricca di storia e permeata di grande cultura, dovremmo al contrario approfondire il suo insegnamento nella nostra scuola. Certo, voi direte, se l 'inglese non lo impari da piccolo corri il rischio di non impararlo più. Verissimo, potenziamo l'insegnamento della lingua inglese con l'ausilio di insegnanti madrelingua, ma lasciamo che resti solo uno strumento per comunicare con il mondo intero, ma la nostra vera identità culturale, secondo me, DEVE essere data dalla lingua italiana, dalla conoscenza dei classici.....ecc., scusate mi sono dilungata troppo, ma molto altro ci sarebbe da dire.
lun 08 feb 2016, ore 14.56
Immagine profilo
MAI
(UTENTE NON REGISTRATO)
purtroppo in Italia le scuole private che meritano più delle pubbliche sono pochissime.... Questa temo segua la tradizione. Soldini per far vedere... ma la qualità ahimè non dipende dal prezzo che invece segue altre logiche
gio 28 gen 2016, ore 06.43
Immagine profilo
si
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nessun problema. Non sarebbe stato nemmeno un problema evidenziare che questa è un'inserzione pubblicitaria e non un redazionale.
mer 27 gen 2016, ore 21.16
Immagine profilo
b.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Beh la scuola è privata, la retta è alta, ma se una famiglia non vuole/può spendere tale cifra c'è sempre la scuola pubblica gratuita......non vedo problemi.
mer 27 gen 2016, ore 19.29
Immagine profilo
Ah, se se!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Oltre 9000 (novemila) euro l'anno di retta...
mer 27 gen 2016, ore 18.50
Immagine profilo
Nicola R.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non sapevo nemmeno esistesse una scuola così a Brescia. Se i miei figli avessero 3 anni li manderei lì ma ne hanno più di trenta. Troppo tardi
mer 27 gen 2016, ore 17.30
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
01:14 @quasimodo
04 dic - Vai alla news »
Vicesindaco perfetta. L'ordine degli ingegneri si fa vivo solo quando ci sono questioni particolari. Ma di che state parlando. Un conve
01:00 SI SI SI
04 dic - Vai alla news »
SI SI SI SI SI SI SI
00:14 @@Bianche
04 dic - Vai alla news »
Esatto, vince sempre...big bamboo !
00:12 Trio BBR
04 dic - Vai alla news »
Non si esprimono i tre tenores, anzi un tenore e due soprano: tutti stonati, molto stonati rispetto alla realtà. ed ai fatti.
00:10 Stellante
04 dic - Vai alla news »
Una forte realtà civica partendo dell'elenco fatto da Belli ? Anche le pietre della Loggia sanno che si tratta solo di "liste civetta" fatte
21:33 Sandro
03 dic - Vai alla news »
Nel panorama politico bresciano abbiamo gruppi e/o partiti che si richiamano, almeno nel nome, al civismo : Scelta civica - Rete civica - No
21:04 GENI SINISTRI
03 dic - Vai alla news »
Se l'iniziativa è controproducente per i sostenitori del NO.....
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...