Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



11 Dicembre 2016 - Ore 10:58


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA PROTESTA
farmaci salvavita. uomo operato ai testicoli non riceve le cure in lombardia

Senza testicoli per un tumore: il Veneto gli pagava i farmaci salvavita, Brescia no

Un giovane uomo (iniziali D.C.) nel 2011 viene sottoposto ad un intervento di rimozione dei testicoli a causa di un tumore. Da quel momento deve assumere, per tutta la vita, una terapia sostitutiva con testosterone. Qualche mese fa, per motivi personali e di lavoro, D.C. si trasferisce dal Veneto in Lombardia, a Brescia, e qui iniziano i problemi legati al proseguimento delle terapie salvavita che, con una patologia cronica, deve assumere e che erano dispensati gratuitamente nella Regione Veneto e sono invece a pagamento nella Regione Lombardia. Sono farmaci prescritti dallo specialista endocrinologo e rientrano nelle linee guida per il trattamento della patologia di cui è affetto. Quello che succede a D.C., in Lombardia riguarda tutte le persone che si devono sottoporre allo stesso trattamento ed è per questo che D.C. si rivolge al Governatore della Regione, Roberto Maroni, chiedendo la soluzione del problema.

“Il paziente deve assumere una terapia sostitutiva con testosterone dal 2011 a causa della rimozione dei testicoli dovuta a seminoma, il tumore, chiarisce Stefania Bonadonna, Referente Regionale AME Associazione Medici Endocrinologi Lombardia, che colpì il ciclista Ivan Basso. In Veneto, la sua terapia a base di un gel e una fiala ogni 3 mesi, era completamente rimborsabile dal Servizio Sanitario Regionale con Nota 36 dell’AIFA. Il problema sorge quando il paziente si trasferisce e sposta la residenza in provincia di Brescia dove questi farmaci non sono rimborsati perché la Regione Lombardia, a differenza del Veneto e di altre Regioni, non li ha inseriti nel Prontuario Regionale. Il paziente è quindi costretto a pagarsi le cure e, se volesse risparmiare, dovrebbe ricorrere ad 1 fiala ogni 21 giorni di un altro farmaco che però è molto meno indicata dal punto di vista fisiologico e necessita di 13 iniezioni l’anno rispetto alle 4 con il farmaco abituale”. D.C. denuncia le diversità che esistono a soli 80 km di distanza pur esistendo un Sistema Sanitario Nazionale e delle Note AIFA che dovrebbero essere recepite a livello nazionale.

“Non è accettabile che in Lombardia tutti i soggetti con patologie come la mia, cioè tumore, o altre, ad esempio patologie dell’ipofisi, continua D.C., debbano avere a proprio carico farmaci salvavita come le formulazioni di testosterone per terapia sostitutiva e che queste non siano rimborsabili secondo nota 36 dell’AIFA, come accade in altre Regioni”.

“AME Lombardia ha già presentato alla Sanità Regionale numerose richieste in merito all’erogabilità del testosterone ma sono ad oggi rimaste inascoltate. Auspichiamo dunque una riflessione sul tema ed un immediato intervento del Presidente Maroni affinché sia riconosciuto a molti pazienti, che al momento hanno numerosi disagi, ciò che già viene rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale e da molte altre Regioni. L’Associazione Medici Endocrinologi è disponibile a fornire qualsiasi tipo di chiarimento dovesse rendersi utile”, conclude Stefania Bonadonna.



Fonte: comunicato stampa lun 08 feb 2016, ore 12.07
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Max MN
(UTENTE NON REGISTRATO)
ho lo stesso tuo problema oltre la malattia ci tocca pagare i farmaci e di costo non leggero. Ho mandato diverse mail regione lombardia speiegando il problema e anche che nel veneto non si paga ,ma niente sono farmaci non passabili Saluti
dom 15 mag 2016, ore 13.56
Immagine profilo
TITOLO V
(UTENTE NON REGISTRATO)
Succedeva purtroppo anche prima del 2001 che ci si curava meglio in alcune città rispetto ad altre e questo non era giusto allora come ora, se siamo cittadini italiani che paghiamo tutti le tasse ad un unico Stato avremmo diritto ad avere le stesse opportunità in tutta Italia. e soprattutto pagare o non pagare le medicine in modo uguale in tutta Italia e soprattutto i salvavita ritenuti tali e gratuiti in tutta Italia. Non è solo questo caso ingiusto, ma anche che col federalismo si pagano addirittura i ticket in modo diverso. In due o 3 Regioni i ticket si pagano in base al reddito e nelle altre no in contrasto col principio di uguaglianza art. 3 costituzione che dovrebbe essere garantito anche col federalismo. Questo col titolo V dei Padri Costituenti del 1946 non succedeva perchè la Sanità era uguale per tutti in tutto il Paese ed era piu' giusto.
mar 09 feb 2016, ore 06.41
Immagine profilo
@SALUTE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se si parla di costi della sanità, bisogna anche dire il costo non indifferente che sosteniamo per loro, non ti pare?
lun 08 feb 2016, ore 18.59
Immagine profilo
@AFRICANO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma, a te TERRONE, non ti frega lo stato?
lun 08 feb 2016, ore 18.53
Immagine profilo
nes
(UTENTE NON REGISTRATO)
due regioni dello stesso colore,,,,,,bravi e coerenti,,
lun 08 feb 2016, ore 18.21
Immagine profilo
@SALUTE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il fatto che la sanità sia delegata alle Regioni fa si che in alcune ci si curi meglio della media nazionale. Tutto qui. Poi questi sono casi particolari, da affrontare e risolvere. Ma dire in generale che ciò che fa lo Stato è meglio di ciò che fanno le amministrazioni decentrate è assolutamente fuorviante.
lun 08 feb 2016, ore 16.50
Immagine profilo
TERRONE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come vi fate Fregare dallo stato ...
lun 08 feb 2016, ore 16.21
Immagine profilo
SALUTE E NON SO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per me la cosa migliore sarebbe riportare il titolo V della Costituzione come era prima del 2001, ossia ripristinare quello scritto dai Padri Costituenti nel 1946, quando le Regioni potevano legiferare, ma solo nel rispetto di leggi dello Stato ed avendo come limite la legge dello Stato, e questo era garanzia di uguaglianza in tutto il Paese in tutte le materie. La riforma del titolo V del 2001 nonm solo ha portato anarchia regionale ma ha trasformato i cittadini in cittadini trattati in modo diverso a seconda della Regione in cui vivono. La cosa migliore sarebbe riportare il titolo V dei Padri Costituenti ed eliminare le Regioni a Statuto Speciale vere ingiustizie da rivedere e correggere.
lun 08 feb 2016, ore 14.49
Immagine profilo
@@SALUTE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Wow, già al terzo commento siamo arrivati a tirare in ballo gli extracomunitari...no n è che sei ossessionato?
lun 08 feb 2016, ore 14.24
Immagine profilo
@SALUTE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Allora, già che ci siamo, andrebbe gestita a livello mondiale, in maniera tale che anche x tutti gli extracomunitari e stranieri che curiamo gratis il loro stato di provenienza paghi, giusto?
lun 08 feb 2016, ore 13.59
Immagine profilo
SALUTE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questo è uno degli effetti negativi del federalismo entrato in vigore con la modifica del titolo V della Costituzione del 2001. La sanità diversa da Regione a Regione e che crea disuguaglianza e disparità di trattamento dei cittadini a seconda di dove vivono. Non è chiaro se nella modifica della Costituzione in via di approvazione, Renzi riporterà LA SANITA' tra le materie esclusive dello Stato, ma sarebbe davvero auspicabile, perchè se c'è una materia che dovrebbe essere gestita dallo Stato e in modo uguale per tutti e in tutto il territorio dello Stato questa è proprio la sanità e la salute, soprattutto perchè è un diritto universale che è assurdo venga invece gestito in modo diverso da Regione a Regione.
lun 08 feb 2016, ore 12.51
Immagine profilo
rio
(UTENTE NON REGISTRATO)
povero...per le palle e per tutto il resto
lun 08 feb 2016, ore 12.26
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
10:06 stradivarius
11 dic - Vai alla news »
Un testo, quello dell'Onorevole tansfuga, fatto solo di ovviomi ma dettato in realtà solo dall'ansia di riposizionarsi rapidamente sul front
09:54 Notiziona
11 dic - Vai alla news »
Elezioni provinciali ? Trattasi di accordi politici tra partiti o meglio tra singoli rappresentanti degli stessi per spartirsi non una torta
09:50 ???????????????
11 dic - Vai alla news »
Spero che almeno possa servire ad emarginare politicamente i voltaggabbana. Certo che ce ne è voluta tutta per fare il salto della quaglia d
09:48 @IMMIGRAZIONE
11 dic - Vai alla news »
In un intervista di Franco Bechis del novembre 2014 (visibile su You Tube) il leader dei pentastellati Di Battista affermò, sposando anche s
09:45 @!PAPA!?
11 dic - Vai alla news »
Ma il papa perche' non chiama in udienza i suoi vescovi, parroci e cardinali imponendo loro e a loro spese di accogliere tutti nelle loro ca
09:44 !!!!!!!!!!!!!!!
11 dic - Vai alla news »
Oh, finalmente una buona notizia!!!
09:41 ??????????????
11 dic - Vai alla news »
In realtà non succede proprio nulla se non salvaguardare le auto dei ricconi!!! Ancora una volta il Robin Hood Del Bono a rovescio!
09:36 Lunga vita
11 dic - Vai alla news »
Nessun commento, ma questa piccola vita è stata abbandonata vicino ad un luogo che permette proprio la sopravvivenza a chi non ha più niente
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...