Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Ore 13:26


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IN SETTIMANA L'INTERROGATORIO
sospettati jihadisti

Sospetti jihadisti siriani fermati ad Orio. Uno ha soltanto 16anni

Entro la fine della settimana il gip del tribunale di Brescia interrogherà uno dei due siriani fermati lo scorso 18 novembre all'aeroporto di Orio al serio con passaporto falso austriaco e diverse immagini di guerra e testi inneggianti al jihadismo. Il giovane aveva dichiarato di avere 19 anni, come attestava il passaporto falso, ma gli inquirenti hanno scoperto che ha appena 16 anni.

Il giovane viaggiava in compagnia di un altro siriano di 30 anni, anch'esso con un passaporto falso norvegese. Il 16enne ora si trova nel carcere Beccaria di Milano dove ieri gli è stata notificata l'ordinanza di custodia cautelare. Lui e il compagno di viaggio sono sospettati di essere legati all'Isis e sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al terrorismo. Il 16enne prima di essere fermato ad Orio era già transitato per Arabia Saudita, Grecia e Turchia.



Fonte: Redazione mar 09 feb 2016, ore 15.40
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@NATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le ricordo ancora che la Turchia fa parte da sempre della Nato, la cosiddetta Alleanza Atlantica a guida statunitense. E che in Turchia risiedeno il più importante distaccamento di aerei da combattimento della Nato ma soprattutto il più importante arsenale continentale di armi nucleari B61 americane. Cioè 70 testate ognuna con potenza distruttiva pari ad una cinquantina di ordigni tipo quelli sganciati su Hiroshima e Nagasaki. Questo per dire che se la Turchia incentiva la guerra in Siria, dove i russi stanno sganciando tonnellate di bombe in raid aerei sempre meno controllati a sostegno del regime siriano contrastato invece dagli americani, la situazione internazionale si sta complessivamente complicando. E non poco.
gio 11 feb 2016, ore 15.17
Immagine profilo
NATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non so se ho capito male ma al telegiornale hanno detto che la Nato interverrà in Egeo e riporterà i migranti sulle coste della Turchia: Cosi' si' che ci siamo, visto che la Turchia pare incentivi la guerra in Siria è giusto si faccia carico anche delle conseguenze. Non hanno detto se la Nato farà lo stesso nel Mediterraneo scaricando gli Africani nelle coste Africane. Di certo quello che farà la Nato lo avrebbe dovuto fare FRONTEX come è scritto nel regolamento CE 2007/2004. MEGLIO TARDI CHE MAI!
gio 11 feb 2016, ore 13.49
Immagine profilo
E SE
(UTENTE NON REGISTRATO)
E se questi presunti Jhadisti una volta davanti ai Giudici chiederanno l\'asilo, in quanto Siriani, cosa farà l\'Italia? Glielo concederà dato che tutti i politici e non solo, sostengono che chi scappa dalle guerre abbia automaticamente diritto all\'asilo? Vi pare giusto? Fortunatamente non è cosi\' e speriamo che prendano atto che anche chi scappa dalle guerre ha dovere di rispettare le leggi e i diritti altrui.
gio 11 feb 2016, ore 08.38
Immagine profilo
???
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se i regolamenti europei sono direttamente da considerare come leggi dello Stato, vediamo se i Giudici che interrogheranno questi presunti Jhadisti ne terranno conto oppure no. Sapere come devono essere interpretate anche le leggi internazionali ed europee sarebbe doveroso per tutti o no?
mer 10 feb 2016, ore 14.32
Immagine profilo
NATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
I Siriani dovrebbero essere accolti in campi ONU in Giordania dove c'è n'è già uno di enormi dimensioni e lo abbiamo visto in TV, dove l'Italia ha contribuito alla costruzione dell'ospedale da campo inaugurato dalla Mogherini, in Libano e in Turchia e perchè no in Arabia Saudita che con Turchia e Iran pare siano coinvolti nella guerra in Siria ed è giusto siano loro a farsi carico dei profughi. Cosa c'entra l'Europa con la guerra in Siria? Libano Turchia e Giordania oltre ad essere Paesi islamici sono anche Paesi confinanti della Siria che secondo la Convenzione di Ginevra del 1951 non possono punire chi scappando dalle guerre entra clandestinamente nei loro territori solo se vanno immediatamente alle autorità a giustificare il loro ingresso illegale giustificandosi con motivazioni valide. Da questi Paesi confinanti possono andare in altri Paesi solo se chiedono l'autorizzazione e ricevono l'autorizzazione (art.31 Convenzione di Ginevra 1951). I Siriani non possono entrare in Europa a loro piacere come stanno facendo ma dai Paesi confinanti devono chiedere l'autorizzazione. Ci vorrebbero degli esperti in diritto internazionale a chiarire nei programmi televisivi cosa prevedono le leggi invece di opinionisti che tirano l'acqua al proprio mulino o no? Come possiamo noi in Italia con un debito pubblico enorme e che cresce ogni giorno di piu' e senza lavoro persino per gli italiani farci carico dei profughi e trattarli meglio dei nostri pensionati al minimo? Che vadano protetti in campi ONU A SPESE INTERNAZIONALI OGNUNO NEI LORO CONTINENTI.
mer 10 feb 2016, ore 14.02
Immagine profilo
@nato
(UTENTE NON REGISTRATO)
Secondo te i siriani in che continente dovrebbe essere accolti? LA Siria non é in Africa, lo sai vero?
mer 10 feb 2016, ore 12.25
Immagine profilo
NATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se la Nato deve intervenire nel mediterraneo e nell'Egeo per aiutare Frontex a scaricare tutti i pseudo profughi tra i quali Jhadisti terroristi e furbi di ogni tipo nei porti italiani, GRAZIE NO. Ne facciamo a meno. Sarà invece grdito l'intervento NATO se farà MURO E SCARICHERà GLI AFRICANI IN AFRICA E I SIRIANI NEI CAMPI PROFUGHI CHE L'ONU, DOVREBBE ESSERE OBBLIGATA A FARE IN QUEL CONTINENTE. Oggi nessuno ne parla delle intenzioni NATO, quali saranno?
mer 10 feb 2016, ore 10.52
Immagine profilo
fFRONTIERE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sulle frontiere esterne, cliccando in internet su regolamento CE 2007/2004 appare in tutta saggezza questo regolamento che istituisce un'Agenzia europea per la gestione della Cooperazione operativa alle frontiere esterne Europee (Frontex) col compito di aiutare gli Stati Membri che sono assaliti dall'invasione clandestina a controllare e fare muro in tal senso: Oltre a questo interviene anche per quel che concerne il rimpatrio di clandestini presenti nel territorio. Al punto 21 di questo regolamento si legge che dato che la difesa dei confini esterni non possono essere realizzati in modo sufficiente dagli Stati membr e possono essere realizzati meglio a livello comunitario, la Comunità europea in base al principio di SUSSIDIARIETA' sancito dall'art. 5 del trattato puo' intervenire. Aspettiamo allora che l'Europa intervenga quanto prima ad aiutare l'Italia e la Grecia in base al principio di sussidiarietà a difendere i confini esterni di SCHENGEN dai quali come emerge entrano anche terroristi e Jhadisti. Perchè non l'hanno fatto prima dato che questo trattato esiste dal 2004?
mer 10 feb 2016, ore 08.58
Immagine profilo
SPERIAMO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Falso passaporto Norvegese? Mi fa venire in mente un viaggio con la Famiglia a Oslo in Norvegia dieci anni fa, nella quale con grande sorpresa non si poteva non notare già una forte presenza islamica e dove oltre alle valigie nel garage dell'Hotel(gestito in maggioranza da extraUE) ci hanno rubato anche i passaporti. E noi pensavamo la Norvegia culla dell'onestà e del rigore! Chissà in che mani sono finiti i nostri passaporti! Aveva ragione la Fallaci nel sostenere l'Europa ormai EURABIA! Speriamo che questi Giudici vadano a fondo anche evidenziandi che chi scappa dalle guerre non sono da considerarsi una condizione eletta che puo' fare cio' che vuole, ma che devono anch'essi rispettare le leggi e i diritti altrui, i nostri.
mer 10 feb 2016, ore 08.29
Immagine profilo
frontiere
(UTENTE NON REGISTRATO)
Benissimo l'istituzione delle frontiere europee, ma significherebbe che le frontiere nazionali verrebbero meno. Invece gli egoismi dei singoli stati spingono perché ognuno si arrangi come può ed i risultati sono quelli che vediamo.
mer 10 feb 2016, ore 07.09
Immagine profilo
frontiere
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bene il fermo delle persone sospette, evidentemente non é vero che chiunque può entrare ed uscire tranquillamente.
mer 10 feb 2016, ore 06.59
Immagine profilo
MENO MALE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ecco la dimostrazione piu' evidente che anche chi scappa dalla guerra dovrebbe rispettare le leggi ED ESSERE CONTROLLATO ATTENTAMENTE PRIMA DI ENTRARE IN EUROPA. Anche costoro scappano dalla guerra in Siria ma con la differenza che probabilmente sono tra i 600 Jhadisti dati per arrivati in Europa dalle varie TV MESI FA, TRAMITE GLI ARRIVI DI MASSA E CLANDESTINI. Pare che Schengen preveda che anche i profughi debbano avere un visto di autorizzazione per entrare in Europa, senza il quale dovrebberio essere bloccati alla frontiera. Ma i nostri confini esterni paiono essere un vero e proprio colabrodo e speriamo che l'Europa anzichè regalare soldi alla Turchia che non si sa cosa ne fara', si decida ad investire nella protezione delle frontiere esterne. E' un dovere previsto nei trattati.
mar 09 feb 2016, ore 23.37
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
12:41 aria
07 dic - Vai alla news »
aria acqua terra malati cittadini anche malati brescia e provincia
12:20 De Sita
07 dic - Vai alla news »
PRESTITO FACILE PER TUTTI IN FESTA ( finance.europa12@gma il.com ) IN 24 ORE Acces sibile Prestito a tutti 24 ore Sono uno associare in mo
12:18 De Sita
07 dic - Vai alla news »
PRESTITO FACILE PER TUTTI IN FESTA ( finance.europa12@gma il.com ) IN 24 ORE Acces sibile Prestito a tutti 24 ore Sono uno associare in mo
12:14 De Sita
07 dic - Vai alla news »
PRESTITO FACILE PER TUTTI IN FESTA ( finance.europa12@gma il.com ) IN 24 ORE Acces sibile Prestito a tutti 24 ore Sono uno as
12:12 @NONNA
07 dic - Vai alla news »
Sa cosa significa "PAURA DEL DIVERSO"? Nientemeno che "XENOFOBIA": Per xenofobia, letteralmente "paura dello straniero", si intende un atteg
12:09 considerazione
07 dic - Vai alla news »
I nodi da sciogliere, da decenni, sono sempre gli stessi: lavoro, pensioni, immigrazione, europa, debito pubblico, fisco, eliminazione sprec
11:17 MALATI MENTE?
07 dic - Vai alla news »
Ma che bella scusa quella di dare dei malati di mente a chi mette in evidenza la realtà. Davvero una bel modo di agire!!! Fortuna che con un
10:53 a 10.32
07 dic - Vai alla news »
Anzi la Dottoressa Parsi ha anche detto che non solo è giustificata la paura, ma anche la paura del diverso. Ed è giustificatissimo che sian
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...