Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 02 Dicembre 2016 - Ore 21:01


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL TRIBUNALE
prostituzione minorile maschile: nuova indagine

Prostituzione e pedofilia, undici arresti tra cui un prete. Torna l'incubo Hiv

ARTICOLO AGGIORNATO ALLE 11,40

Undici arresti e venti indagati nell'inchiesta sulla prostituzione minorile condotta nelle province di Brescia, Bergamo, Milano, Monza e Brianza, Parma e Pavia e coordinata dal sostituto procuratore del Tribunale di brescia, Ambrogio Cassiani.

Tra gli indagati anche l'uomo di 56enne arrestato qualche settimana fa a Montichiari che chiedeva di avere rapporti sessuali non protetti con minorenni nonostante sapesse di essere affetto da Hiv, ma anche un prete, un allenatore di calcio giovanile e un agente della Polizia Locale. “L’inchiesta è stata avviata nel mese di agosto e ha consentito di identificare quattro minorenni di sesso maschile, tra i 16 ed i 17 anni, i quali, prevalentemente attraverso contatti sui social network dedicati ad incontri online, come Grindr, organizzavano approcci con uomini consapevoli del fatto che fossero minorenni, cui offrivano prestazioni sessuali in cambio di denaro o di regali”, spiega una nota.

Il prete in questione appartiene alla diocesi di Bergamo, che attraverso una nota ha commentato: “ Le gravi accuse di cui è imputato suscitano nel Vescovo e nella nostra comunità diocesana stupore, sgomento e profondo dolore – e continua - Desideriamo manifestare la nostra vicinanza a coloro che stanno soffrendo per questa vicenda senza dimenticare nessuno. Siamo consapevoli che situazioni di questo genere creano turbamento in molti e vogliamo con tutto il cuore che la verità e la giustizia si affermino, confidando nell'opera di coloro che sono chiamati a garantirle. Sono molti i motivi che inducono la comunità credente ad una preghiera più intensa, alla quale ci disponiamo in questo momento”.







Fonte: Redazione gio 11 feb 2016, ore 09.34
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@14.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
E' chiaro nella misura in cui riguarda lui. Quando riguarda gli altri, allora è un altro discorso...
ven 12 feb 2016, ore 15.45
Immagine profilo
@14.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
E' chiaro nella misura in cui riguarda lui. Quando riguarda gli altri, allora è un altro discorso...
ven 12 feb 2016, ore 15.45
Immagine profilo
14.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
Che quello che faceva Berlusconi non andava mai bene, ormai è chiaro anche per chi lo metteva in dubbio. Però è assurdo che sia sul Caso Ruby che sulla legge Severino nel nostro Paese non si possa adire alla Corte Costituzionale per sapere se la legge in base alla quale si viene condannati sia almeno costituzionale. Ti pare che per la legge Severino si debba ricorrere alla Corte Europea Diritti dell'Uomo, e non alla Corte Costituzionale che dovrebbe garantire che nessuno venga condannato in base a una legge non conforme a Costituzione?
ven 12 feb 2016, ore 15.41
Immagine profilo
COME?
(UTENTE NON REGISTRATO)
DOMANDA: Pero' se il consenso come hai detto riguarda solo i rapporti liberi, e la prostituzione non è un reato, c'è da chiedersi se sia costituzionale una legge che impone il reato di prostituzione minorile anche per chi ha l'età del consenso? La prostituzione minorile dovrebbe essere allora legittima e costituzionale fino ai 16 anni o no? Anche noi come in Francia avremmo bisogno del loro art. 61 che prevede che tante leggi prima della loro emanazione vengano verificate da un Consiglio Costituzionale per verificarne la legittimità costituzionale. Qui da noi non vi è alcuna certezza di costituzionalità delle leggi. Anche quella sul razzismo pare palesemente incostituzionale perchè mette la razza su un gradino di protezione superiore e non di uguaglianza!
ven 12 feb 2016, ore 15.24
Immagine profilo
Considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
I preti, invece di avere due giustizie (quella canonica e quella civile) a cui rispondere anche perchè chiamati a doveri molto maggiori rispetto agli altri, e quindi più controllati e più credibili perchè più puliti, ne hanno, a malapena una, guardacaso quella alla quale non possono scappare, cioè quella civile. E quindi, alla fine, non si distinguono da noi poveri civili e non riscuotono più stima e apprezzamento dalla gente, come è giusto che sia!
ven 12 feb 2016, ore 15.11
Immagine profilo
Considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
I preti, invece di avere due giustizie (quella canonica e quella civile) a cui rispondere anche perchè chiamati a doveri molto maggiori rispetto agli altri, e quindi più controllati e più credibili perchè più puliti, ne hanno, a malapena una, guardacaso quella alla quale non possono scappare, cioè quella civile. E quindi, alla fine, non si distinguono da noi poveri civili e non riscuotono più stima e apprezzamento dalla gente, come è giusto che sia!
ven 12 feb 2016, ore 15.11
Immagine profilo
@@Mah...
(UTENTE NON REGISTRATO)
E lo prevede solo per procreare, aggiungo. Chi non segue queste regole è in peccato. Ma ciò non significa che un prete, per aver commesso questi peccati, non possa più essere prete. Può rimanerlo, insieme agli altri faldoni di peccati che quotidianamente commette e non confessa, nè più nè meno (anzi forse più visto che non ha niente da fare) come i civili. L'importante è che non contragga il sacramento del matrimonio. Questo sì che è incompatibile con il ruolo di prete.
ven 12 feb 2016, ore 14.49
Immagine profilo
@ 13:57
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda che il "caso Ruby", a parte i bacchettoni sessuofobici che guardano solo al lato pecoreccio della faccenda, è scandaloso perché un ometto molto danaroso, stoltamente investito del potere, ha potuto trattare come zerbini alti funzionari dello Stato (che se la sono fatta sotto e hanno obbedito, ma sono ancora al loro posto) e, con una telefonatina, imporre la scarcerazione a comando di una persona arrestata. Vedi come funzionano bene le armi di distrAzione di massa?
ven 12 feb 2016, ore 14.42
Immagine profilo
veskovo
(UTENTE NON REGISTRATO)
x@veskovo. Glielo dico subito cosa dovrebbe fare: non esistono leggi all'interno della chiesa? Il diritto canonico serve solo per salvarsi loro e per giustificarsi? Prima cosa avrebbe dovuto parlare con questo prete, sospenderlo dall'incarico, avviare un'indagine, capire cos'è successo. Invece non si fa nulla, si aspetta sempre che tutto vada in pane ed acqua e, solo dopo che la giustizia civile interviene (e meno male che c'è altrimenti saremmo ancora ai tempi in cui dentro la chiesa la giustizia civile non valeva e quindi tutti i delinquenti entravano nei conventi -in buona compagnia evidentemente), allora si sprecano le solite parole di circostanza, tanto per salvare (si fa per dire) la faccia. Concludo quindi che la chiesa, per se stessa, non si dà delle regole, non si autoriformerà, non ha nessuno strumento per intervenire e lascia tutto alla mercè del caso. E quindi tutte le riforme di Francesco sono solo improvvisazioni da gettare alla folla per far credere chissà quali innovazioni. Che schifo...
ven 12 feb 2016, ore 14.38
Immagine profilo
Consenso
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'età del consenso ha validità per quanto riguarda i rapporti sessuali "liberi", qui si tratta di prostituzione minorile, quindi illegale. Fine.
ven 12 feb 2016, ore 14.36
Immagine profilo
@Mah...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Però la religione cristiana prevede il sesso solo dopo il matrimonio, quindi, di fatto, il voto di celibato è anche un voto di castità.
ven 12 feb 2016, ore 14.32
Immagine profilo
@come?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma guarda che quello che fa Berlusconi non va mai bene a prescindere, non lo sai?
ven 12 feb 2016, ore 14.27
Immagine profilo
@Mah...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda che i preti non fanno voto di castità, come non fanno quello di povertà. Quelli che lo fanno sono i frati e naturalmente le suore (loro sulla povertà non so). Al prete è vietato sposarsi, ma non avere rapporti. Se la sono studiata giusta la questione, sempre accomodata sulle loro dita... Eliminiamo queste gerarchie ormai obsolete e figlie di un passato di potere e di soggezione. Via soldi e potere. Vedrai che poi tutto si sistema da solo....
ven 12 feb 2016, ore 14.25
Immagine profilo
come?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Interessante il messaggio in cui viene indicato che l'età per il consenso è di 16 anni. Significa allora che il Caso Ruby e la sua età, che hanno congelato e scandalizzato il Paese per tanto tempo non dovevano essere influenti e che lei poteva volendo anche vendersi?
ven 12 feb 2016, ore 13.57
Immagine profilo
Mah...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Da non cattolico, mi permetto di chiedere se non sia ora di avviare, tra i cattolici, una riflessione sul celibato obbligatorio dei religiosi e sul dovere di astinenza assoluta ad essi imposto dalle regole vigenti. Mi pare evidente che una vita di astinenza sia malsana sotto ogni punto di vista e che tutto l'alone di "peccato" che da sempre avvolge le questioni relative al sesso non faccia altro che favorire relazioni disordinate, innanzitutto perché forzatamente "clandestine".
ven 12 feb 2016, ore 12.23
Immagine profilo
@basta
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per conto mio l'8 per mille lo do allo stato, anche se non mi va, ma almeno non va alla chiesa!
ven 12 feb 2016, ore 11.55
Immagine profilo
@veskovo
(UTENTE NON REGISTRATO)
"Desideriamo manifestare la nostra vicinanza a coloro che stanno soffrendo per questa vicenda senza dimenticare nessuno" così si esprime correttamente Francesco Beschi, che si appella poi alla verità ed alla giustizia, quelle terrene, che confida siano garantite. Cosa dovrebbe fare in questo momento ? Chiarezza ? E come, secono lei ? Interrogare il suo prete ? A quale titolo ? Presiede forse un Tribunale Ecclesiastico tipo Santa Inquisizione ?
ven 12 feb 2016, ore 10.32
Immagine profilo
basta
(UTENTE NON REGISTRATO)
non daro' piu l otto per mille alla chiesa.fanno schifo . " fate quello che dico ma non fate quello che faccio "
ven 12 feb 2016, ore 09.40
Immagine profilo
Precetti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma non dovrebbe essere loro dovere visitare i malati, gli anziani, ascoltare le persone moleste, consolare gli afflitti, vestire gli ignudi (non lasciarli ignudi), ascoltare le racole di tutti, farsi in quattro per gli altri, battersi contro le ingiustizie invece di crearne, donare tutto ai poveri, aprire le proprie case e i propri cancelli a tutti. Penso che se facessero in minima parte queste cose non avrebbero il tempo di stare su internet, fare pensieri malati, spendere senza criterio i soldi dei fedeli. E poi, se fossero davvero così saremmo davvero su Marte, no?
gio 11 feb 2016, ore 23.12
Immagine profilo
religione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma che senso ha oggi la figura del prete? Quella del vescovo, del cardinale, del papa? Tutte cariche ormai anacronistiche. Anche perchè li vediamo sempre tutti a chiacchierare, anche male, ma, quanto a fare, Dio ce ne scampi.... Via queste figure. Chi vuol fare del bene lo faccia senza vincoli di sorta.
gio 11 feb 2016, ore 19.45
Immagine profilo
Suggerimento
(UTENTE NON REGISTRATO)
Che dite, lo facciamo passare sotto la porta del duomo visto che è una delle entrate che permette l'indulgenza plenaria da giubileo e cancella i peccati? Già, ma forse il bravo Beschi gliel'ha già fatto fare, per stare tranquillo e cancellargli i peccati...
gio 11 feb 2016, ore 18.18
Immagine profilo
Preti?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma quando si capirà che questa gente ha troppi soldi che gli girano tra le mani e nessuno che li controlla? Inoltre non hanno niente da fare e, come sappiamo, l'ozio è l'officina del diavolo. Basta dare l'8 per mille ad una chiesa che non ha nulla di caritativo e di povero ed ingrassa solo cardinali, preti e vescovi. A lavorare come tutti, cari prelati...
gio 11 feb 2016, ore 18.16
Immagine profilo
veskovo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bene, adesso vediamo come il bravo Beschi si comporta... Vediamo se si distingue dall'inetto e incapace Monari o se fa lo stesso. Intanto dichiara solo di "essere dispiaciuto". Non una parola per dire se ha intenzione di fare chiarezza, se ha interrogato il suo prete, niente, come sempre. Loro, casta, non si autoriformeranno mai, altro che Francesco... A proposito, dov'è? Non interviene?
gio 11 feb 2016, ore 15.28
Immagine profilo
PRELATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non è vero che esiste la pedofilia nella chiesa, è tutta una montatura lo volete capire ?
gio 11 feb 2016, ore 13.03
Immagine profilo
mah
(UTENTE NON REGISTRATO)
A parte l'aspetto etico, in particolare nel caso del prete, non capisco quale sia da un punto di vista legale il problema se un uomo decide di incontrare un ragazzo/uomo di 16/17 anni. L'età x il consenso in Italia è di 16 anni, e non mi sembra ci siano le condizioni x essere elevata visto che i ragazzi erano dei perfetti sconosciuti. Al massimo visto che erano prestazioni a pagamento si può parlare di sfruttamento della prostituzione, ma il fatto che fossero minorenni secondo me non è il vero problema. Se avessero avuto meno di 16 anni allora sarebbe completam diverso, ma da quanto si legge non mi sembra questo il caso. L'aspetto etico, poi, è tutta un'altra cosa....
gio 11 feb 2016, ore 11.26
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:56 X 17.43
02 dic - Vai alla news »
Noooo! Addirittura la macchina t'hanno toccato! Proprio a te! Magari è una Golf comprata a rate e da un mese tu paghi le cambiali e l'auto s
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori è nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
18:02 @@CORSI 21,11
02 dic - Vai alla news »
grazie per la spiegazione dettagliata, ma non dovresti prendere tutto alla lettera: erano semplicemente modi dire per invitare, in maniera s
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...