Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Ore 21:13


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IMPRESE
Comunicato

Aib: in dieci anni mezzo miliardo di euro per l'ambiente da cave e discariche

La recente vicenda della bocciatura della Cava Castella da parte della Regione pone nuovamente al centro dell'attenzione pubblica la questione della tutela dell'ambiente e delle riqualificazioni ambientali. AIB non entra nel merito delle motivazioni che hanno portato la Regione a prendere tale decisione e, certo, accoglie con favore la possibilità - auspicata da pubblico e privato - che il progetto della nascita del Parco delle Cave possa procedere speditamente.

A tale scopo è essenziale che vengano messe in campo le risorse necessarie a dare in tempi ragionevoli concretezza al progetto in sinergia con gli imprenditori e far tornare alla collettività un'area che non potrà più essere utilizzata per attività produttive. In particolare, è determinante che trovi piena applicazione quella parte della normativa vigente in cui si invitano gli enti locali ad investire i proventi derivanti dagli oneri versati dagli imprenditori del settore cave, attività estrattive e discariche preferibilmente in opere di riqualificazione ambientale del territorio.

Le risorse ci sono state. Soltanto negli ultimi dieci anni gli imprenditori bresciani del settore hanno versato nelle casse pubbliche oltre mezzo miliardo di euro di cui non abbiamo evidenza di un reinvestimento in termini di riqualificazione ambientale. Parliamo di cifre importanti, che gli imprenditori sono disposti a versare purché la loro attività possa continuare nel tempo. Parliamo, ad esempio, del nuovo Piano Cave e della sua importanza per garantire continuità a tutte le aziende del settore.

Gli imprenditori del settore si sono sempre attenuti alle normative, concordando con gli enti locali oneri molto superiori a quelli previsti dalle leggi quadro in materia. Un rapporto trasparente, testimoniato anche dagli innumerevoli controlli effettuati dagli enti preposti sia dal punto di vista fiscale, sia dal punto di vista legale, sia dal punto di vista tecnico-ambientale.

L'ampiezza delle risorse a disposizione permette di riqualificare in maniera esemplare le aree degradate ed è importante che anche i cittadini ne siano pienamente consapevoli ed orientino gli enti locali ad investire tali risorse efficacemente e in modo lungimirante. 



Fonte: Comunicato stampa ven 12 feb 2016, ore 14.21
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Info
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come mai gli imprenditori del settore non si indignano nella medesima maniera quando i COmuni gli chiedono l'IMU agricola invece che artigianale per le proprie attività? E' uno scandalo di dimensioni astronomiche. Poche centinaia di euro all'anno invece che centinaia di migliaia di euro. Fossi un imprenditore che paga l'aliquota corretta per altre attività imprenditoriali mi girerebbero ma di brutto.
mar 16 feb 2016, ore 09.16
Immagine profilo
Pierpi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Caro Ale, se i Comuni li avessero spesi bene ora avremmo l'ambiente della foresta amazzonica...
lun 15 feb 2016, ore 11.05
Immagine profilo
Ale
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quello che i cavatori versano nelle casse pubbliche è un diritto che si riferisce allo sfruttamento e alle modifiche del suolo e del sottosuolo, è quindi ridicolo che si affermi che gli imprenditori sono disposti a versarlo per garantire continuità alle aziende del settore. Dove vada a finire quello che versano nelle casse pubbliche è poi un altro paio di maniche e sarebbe opportuno averne conto, ma è indubbio che qualche volta finisce anche negli interventi necessari a porre rimedio ai danni provocati dall'escavazione abusiva e dal mancato rispetto delle distanze dalle infrastrutture limitrofe. E non ditemi che per l'escavazione abusiva gli imprenditori pagano le sanzioni perché il più delle volte, anziché procedere con l'escussione, vengono convertite in opere la cui valutazione economica è a dir poco discutibile e spesso la loro realizzazione lascia molto a desiderare; in alcuni casi poi la sanzione viene convertita nelle opere necessarie per rimediare ai danni prodotti, opere che invece dovrebbero rimanere a carico dell'imprenditore. Se vogliamo poi parlare del piano cave, AIB dovrebbe spiegarci come mai si dovrebbero autorizzare e prevedere nuove cubature da sfruttare quando buona parte di quelle previste dal vecchio piano non sono ancora esaurite. Il problema vero è che i cavatori hanno tutto l'interesse a farsi autorizzare di tutto e di più, anche superando abbondantemente le reali necessità, per garantirsi la possibilità di tenere le loro cave aperte a vita, senza mai doverle ripristinare. Facendo un esempio se un cavatore ha ottenuto una autorizzazione per 100 mila metri cubi e ne utilizza solo 50 mila, si può permettere di tenere lì ferma la sua cava fino alle calende greche senza adempiere ad alcun obbligo di ripristino; nel frattempo può richiedere l'autorizzazione per nuove escavazioni finché le cubature previste dal piano non vengono esaurite. E se alla scadenza del piano cave non è ancora stato cavato tutto quanto previsto e autorizzato, per quale motivo si dovrebbero prevedere ulteriori nuove cubature? Per garantire la continuità delle aziende del settore basterebbe “esaurire le scorte”. Sempre che il mercato lo richieda!
dom 14 feb 2016, ore 00.25
Immagine profilo
Link
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per una volta (una sola) i cavatori non hanno tutti i torti......
ven 12 feb 2016, ore 14.38
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:04 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
giovani profughi in cerca di lavoro e di una vita migliore vittime di una cospirazione a sfondo razziale
20:56 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
ditta straniera specializzata in trasporti rapidi braccata da agenti razzisti
20:47 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
boom di imprese straniere nel bresciano...
20:37 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
prodigi della società multietnica e della globalizzazione
19:13 A 18.26
07 dic - Vai alla news »
Certo che i furti ci sono sempre stati, ma con l'immigrazione sono aumentati perchè si sono aggiunti a quelli autoctoni già mal digeriti. Co
18:55 ORIO
07 dic - Vai alla news »
a 17.54 e 1826 - L'intelligenza bisogna possederla per poterla schiaffeggiare. Se ancora non avete capito in quale letamaio l'immigrazione c
18:28 castriota
07 dic - Vai alla news »
castrazione chimica
18:26 @NONNA
07 dic - Vai alla news »
Enciclopedia Treccani: Xenofobia (da ξέν&# 959;Ϛ, straniero, e ϕόβ&# 959;Ϛ, paura) significa paura d
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...