Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 14:30


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DATI E PRIMATI
mafia

A Brescia 114 beni confiscati alla mafia. Siamo la prima provincia lombarda per capacità di riutilizzo

I beni immobili confiscati alla criminalità in Lombardia sono 1266, il 7,2% del totale delle confische nazionali. Di questi 114 sono sul territorio bresciano, seconda provincia lombarda dopo Milano: 29 sono ancora in capo all'ANBSC, l'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, 12 sono stati mantenuti dallo Stato per finalità istituzionali, 52 sono già stati destinati ad associazioni o cooperative locali, 21 sono tuttora in corso di assegnazione agli enti territoriali che ne hanno fatto richiesta. I beni confiscati in provincia di Brescia sono così catalogati: 6 abitazioni in villa (di cui 5 già riutilizzate e assegnate), 50 appartamenti in condominio (38 riutilizzati e assegnati), 23 box e garage (14 riutilizzati e assegnati), 13 immobili di carattere commerciale o industriale, 8 terreni (6 riutilizzati e assegnati)  e i restanti 14 di altre tipologie.

Il 42% dei beni confiscati a Brescia e provincia viene utilizzato per finalità di housing sociale, il 19% per finalità educative (asili e centri educativi), il 25% per assistenza a disabili e anziani. Brescia è la prima provincia lombarda per numero di beni e immobili confiscati già riassegnati e in utilizzo (47% del totale).

I dati sono contenuti in un rapporto presentato in Consiglio regionale e promosso da Eupolis  Lombardia. Tra i relatori anche il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, il Presidente della Commissione regionale Antimafia Gianantonio Girelli e Nando Dalla Chiesa, direttore dell'Osservatorio sulla criminalità organizzata presso l'Università degli Studi di Milano.

"Dobbiamo lavorare affinché i beni  sequestrati al malaffare possano essere utilizzati e reimpiegati in maniera appropriata e resi disponibili nel più breve tempo possibile per fini sociali. A questo proposito  sollecitiamo la realizzazione di  un portale dedicato cui dovrà spettare il compito di organizzare, aggiornare e rendere  trasparente l'informazione sui beni immobili e le aziende sequestrate presenti sul territorio. Va inoltre ampliato il plafond da destinare al finanziamento dei lavori di ristrutturazione dei beni confiscati", ha commentato il Presidente Gianantonio Girelli.

"Bisogna tenere alta la guardia e continuare a promuovere la consapevolezza di un fenomeno che c'è, anche se non appartiene alla nostra cultura tradizionale -ha detto il Presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo-.  In Lombardia la criminalità è meno diffusa rispetto ad altre regioni, ma la vittoria dello Stato deve servire da monito a tutti noi per aumentare la consapevolezza e la partecipazione civile su questi temi".

Tra i casi analizzati nello studio si segnalano quello dell'Associazione Famiglie Affidatarie di via Aldo Moro a Brescia e quello della Cooperativa sociale Il Mosaico a Lumezzane. L'Associazione Famiglie Affidatarie riunisce le associazioni bresciane di famiglie che si occupano di affido e tramite bando pubblico ha ottenuto in gestione dal Comune di Brescia un immobile nei pressi della Stazione Centrale, dove attualmente prestano servizio un educatore, tre psicologi e un assistente sociale che si occupano di affidi e accompagnamento alle rispettive famiglie. A Lumezzane l'Amministrazione comunale ha recuperato un appartamento nella zona centrale della città e lo ha affidato direttamente alla cooperativa sociale Il Mosaico Onlus che in loco svolge un servizio di assistenza psicologica e psicoterapeuta.



Fonte: comunicato stampa gio 25 feb 2016, ore 15.34
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
afbjvnoeanlmlk
(UTENTE NON REGISTRATO)
una buona notizia che ne nasconde una terribile.
gio 25 feb 2016, ore 18.07
Immagine profilo
Il moralizzator
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma solo enti pubblici e cooperative possono usufruire di beni confiscati alla mafia? Perchè non utilizzarli anche per sostenere l'imprenditoria giovanile garantendo risorse a chi ha buone idee e parte da zero?
gio 25 feb 2016, ore 15.40
Immagine profilo
Billy Willy
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bella notizia, avanti così!!!
gio 25 feb 2016, ore 15.37
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto più pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalità è che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
12:27 5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Cosi' come alla Corte Costituzionale hanno portato la legge Madia non si capisce attraverso quale strada. ebbene si dovrebbe seguire la stes
12:09 Sandro
09 dic - Vai alla news »
Anche nel movimento 5 stelle c'è bisogno, se non proprio di rifondarlo, almeno di chiarezza e coerenza. In senso generale penso che la Web-d
11:07 beppe
09 dic - Vai alla news »
Finalmente arriveranno i grillini salvatori della patria. Speriamo ci sia solo da ridere.
10:30 CIE?
09 dic - Vai alla news »
Se è stato indicato come centro di identificazione ed espulsione, allora da quel centro non devono proprio uscire per strada e tra la gente
10:24 VITALIZI?
09 dic - Vai alla news »
aDESSO STANNO DICENDO IN tv CHE STANNO TERGIVERSANDO SULLE ELEZIONI PERCHè QUALCHE DEPUTATO SE NON SI ARRIVERà A SETTEMBRE NON MATURERà IL
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...