Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 16:37


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
BRESCIA NEL WEB
Wiki

Cultura, un patto tra la Micheletti e Wiki. Rebecchi: a Brescia serve una casa comune per le fondazioni

Il patrimonio della Fondazione Micheletti entra in rete grazie a un accordo con Wikimedia. Da marzo, infatti, prenderà il via la collaborazione tra l'ente guidato da Aldo Rebecchi e la filiale italiana della celeberrima enciclopedia della Rete, che si concretizza anche nel libero utilizzo su Wikimedia di 100 immagini provenienti dall'archivio della Micheletti.

Il patto si inserisce nel progetto Glam (Galleries, Libraries, Archives and Museums) che coinvolge biblioteche e musei in tutta Italia per promuovere “la libera accessibilità del patrimonio culturale”. E comprende anche un corso di formazione al personale della Fondazione (oltre che allo staff del progetto Moving culture, della Casa della memoria e della Cooperativa il Calabrone) per la corretta procedura di caricamento delle immagini in Wiki Commons.

Ad annunciarlo sono stati questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, il presidente della fondazione Micheletti Aldo Rebecchi, il responsabile ricerca della fondazione Renè Capovin, l'assessore all'Urbanistica del Comune di Brescia Michela Tiboni (che ha sottolineato la necessità di fare rete), Alessandro Augelli (Cooperativa il Calabrone), Pippo Iannacci (Casa Memoria), Valentina Stefani in rappresentanza della Fondazione Asm e l'architetto Pivato per Moving Culture (che ha posto l'accento sull'obiettivo di realizzare una mappatura culturale digitale “per fare sinergie tra le realtà produttrici di cultura, i luoghi della cultura e i fruitori”), oltre al presidente di Wikimedia Italia Lorenzo Losa,

“Questo è il primo passo verso un'attenzione maggiore della fondazione al digitale”, ha spiegato Capovin, “oltre che il volano per iniziare a ragionare di progetti culturali in un'ottica più larga, che guardi a tutte le realtà di Brescia”.

“Si tratta di una sfida unica per la Fondazione e per le istituzioni culturali della città, che potranno partecipare al progetto ed essere protagonisti di un nuovo modo di fare cultura, contribuendo alla ricostruzione di una memoria storica con le proprie diverse esperienze e conoscenze”, ha quindi sottolineato Rebecchi, che – a margine dell'incontro - ha commentato con interesse anche l'idea del sindaco Emilio del Bono di dare una casa comune, magari nell'ex tribunale, a tutte le istituzioni culturali della città. Il presidente della Micheletti ha evidenziato che tutte le istituzioni culturali vivono un momento di difficoltà finanziaria e sopravvivono solo in relazione alla capacità di realizzare progetti. “Sono angosciato dalla difficoltà di chiudere i bilanci in pareggio e dal pagare gli stipendi a chi lavora qui”, ha detto Rebecchi, “la situazione non è facile: anche per questo mi piace l'idea di uno spazio comune per le quattro grandi fondazioni bresciane (Micheletti, Trebeschi, Civiltà bresciana e Casa Memoria), e non vorrei che al dunque prevalessero le gelosie. La mia disponibilità a discuterne c'è”.

“Questa collaborazione è molto importante”, ha aggiunto Losa, “perché ci permette di approfondire la conoscenza del settore degli archivi, ricco di testimonianze storiche che puntiamo a rendere liberamente accessibili e condivisibili in digitale da tutti. Un valore altrettanto grande è da riconoscere alla formazione dello staff, che in poco tempo acquisirà le competenze necessarie a rilasciare altre immagini in autonomia. Un valore in più”, ha concluso, “che assicura continuità al progetto e introduce nel mondo Wiki nuovi utenti esperti e attivi”.  



Fonte: Comunicato stampa mer 02 mar 2016, ore 14.55
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Peccato
(UTENTE NON REGISTRATO)
Io spero invece che Tentenna non abbia ascoltato Rebecchi in questi anni. Sarebbe una delusione sapere che questo deludente sindaco divida con Rebecchi le responsabilità. Rebecchi io credo ancora sia decisamente meglio di quello che fa tentenna….
dom 20 mar 2016, ore 10.05
Immagine profilo
@rompino
(UTENTE NON REGISTRATO)
E' vero: Rebeccchi ha avuto tanto tempo nella sua vita per dedicarsi alla meditazione ed al parto di idee coraggiose perchè non impegnato (beato lui, davvero beato) in un lavoro. Del Bono ha scelto bene i suoi "saggi": un immortale sindacalista come Rebecchi e un mai imprenditore come il filosofo Belli.
dom 20 mar 2016, ore 01.07
Immagine profilo
rompino
(UTENTE NON REGISTRATO)
Aldo Rebecchi for president! è uno dei pochi ad avere idee, chiare, coraggiose e con la forza di portarle avanti. bene fa Del Bono a tenerselo stretto.
sab 05 mar 2016, ore 00.16
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
13:29 SI
03 dic - Vai alla news »
Farà votare SI' a più persone.
13:27 @8.36
03 dic - Vai alla news »
Quante str....te!
13:26 ???
03 dic - Vai alla news »
Quanto spende l'Italia per dare la prostituta bianca di cui parla il Rapper BELLO FICO , ai clandestini falsi profughi? Tanto per sapere qu
13:21 BENE
03 dic - Vai alla news »
GRAZIE PER LA SIGNIFICATIVA INFORMAZIONE -Gia' si dovrebbe rifiutare sia l'asilo che la protezione sussidiaria o umanitaria in primis agli a
13:04 Ass
03 dic - Vai alla news »
che caso............
10:50 Parolino...
03 dic - Vai alla news »
Intervento realizzabile entro tre anni...o che verrà realizzato entro tre anni ?
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...