Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 16:27


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ECONOMIA
Bonometti

Confindustria, Bonometti esce dalla corsa per la presidenza e critica: ha vinto la logica del compromesso

La corsa di Bonometti verso la presidenza nazionale di Confindustria si ferma di fronte al “professionismo confindustriale”. Dopo l'incontro di oggi a Milano, infatti, il presidente di Aib ha preso atto che i voti della maggioranza delle federazioni territoriali di Confindustria erano orientati verso altri candidati. Ora la battaglia finale per la successione di Squinzi sarà tra il bolognese Alberto Vacchi e il salernitano Vincenzo Boccia.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE

Oggi ho comunicato ai saggi la mia opinione in ordine al rinnovo della presidenza di Confindustria.

Il mio obiettivo era e rimane il rafforzamento di Confindustria, assolutamente necessario in una fase come questa, in cui l'imprenditoria italiana e' impegnata in una difficile lotta per la sopravvivenza prima, e per lo sviluppo poi.

Desideravo, e continuo a volere, una Confindustria forte ed unita, perché la forza e la coesione sono condizioni indispensabili per confrontarsi ad armi pari con il governo, con la politica, con il sindacato.

Avevo detto subito che non mi interessava una poltrona, che non volevo voti di scambio, che non ero disponibile a compromessi che pregiudicassero gli interessi della generalità delle imprese.

Non è stato possibile un confronto aperto su questo terreno, complice una riforma che ha mostrato i suoi limiti. Basti pensare che tra una settimana il Consiglio generale di Confindustria ascolterà i programmi dei candidati solo dopo la consultazione dei saggi, con una illogicità che deve essere rapidamente corretta.

I vincoli imposti ai candidati hanno favorito "il professionismo confindustriale", che ha potuto lavorare indisturbato, tessendo ragnatele e scambiando consensi, come la peggiore politica da noi sempre vituperata.

Questo non è nel mio dna. Tuttavia, credo in Confindustria e continuerò ad adoperarmi affinché questa organizzazione, che ha sempre svolto un ruolo prezioso, possa continuare a lavorare per gli imprenditori e per le imprese, con l'imprescindibile spirito di servizio, senza il quale il rischio di perdere efficacia diventa grave e insostenibile.



Fonte: Comunicato stampa gio 10 mar 2016, ore 19.13
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
strano
(UTENTE NON REGISTRATO)
strano che non ci sia un siciliano
sab 12 mar 2016, ore 16.18
Immagine profilo
DAL SITO
(UTENTE NON REGISTRATO)
ecco sul sito web di confindustria i successi di Vincenzo Boccia…. hahhahah Che vergogna! Nato a Salerno nel 1964. Laurea in Economia e Commercio. Amministratore delegato della Arti Grafiche Boccia S.p.A. di Salerno. (industria famosissima nel mondo hahahhahaha) Presid ente Onorario di Assafrica & Mediterraneo. WOWWWWWWW In Confindustria attualmente ricopre il ruolo di Presidente del Comitato tecnico Credito e Finanza. (MA guarda guarda ora si capisce qualcosa….) In precedenza ha ricoperto i seguenti incarichi: (Praticamente fuffa, di industriale ha solo i vestiti che porta) - Presidente Piccola Industria e Vicepresidente Confindustria; - Vicepresidente Piccola Industria e Presidente Piccola Industria della Campania; - Vicepresidente dei Giovani Imprenditori e Presidente Giovani Imprenditori della Campania; - Componente del Consiglio direttivo e della Giunta di Assografici; - Consigliere di Amministrazione dell’Azienda Libico Italiana fino al 2005; (che deve aver avuto grande successo mi risulta…) - Presidente di Assafrica e Mediterraneo dal 2003 al 2007. (solo questo vale la presidenza ad honorem)
sab 12 mar 2016, ore 11.27
Immagine profilo
Se
(UTENTE NON REGISTRATO)
pensiamo che alla presidenza ci fu anche un abbete romano titolare di un'azienda con 35 dipendenti che lavorava esclusivamente per il ministgero delle finanze perchè ci dovremmo meravigliare di ciò che dice il bresciano?
ven 11 mar 2016, ore 18.24
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bonometti, a metà strada tra Spartaco e Don Chisciotte, verrebba da dire. Anche perchè dall'inzio si sapeva che la candidatura "politica e romana" di Boccia, salernitano e già Presidente del Comitato Tecnico Credito e Finanza, era comunque la più accreditata a livello nazionale. Come dall'inzio si sapeva che la seconda candidatura, quella del bolognese Vacchi, non riscuotendo il consenso di nessuno degli ex-Presidenti Squinzi, Marcegaglia e Abete, era pure destinata a fallire. E poi in un' intervista al Mattino del gennaio 2016, proprio Boccia affermava che le risposte e gli impegni di Matteo Renzi gli sono piaciuti e poi aggiungeva: «È stato importante leggere che in premessa il capo del governo ha posto la questione meridionale come questione nazionale: per anni c’è stato chi ha pensato che dovesse riguardare unicamente i cittadini del Sud». Dunque, è giusto che la Confindustria filo-governativa, romana e centralista, abbia Boccia come Presidente.
ven 11 mar 2016, ore 11.21
Immagine profilo
Sander
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'ennesima dimostrazione che Brescia conta come il due di coppe quando la briscola è denari
ven 11 mar 2016, ore 11.21
Immagine profilo
PERSO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono anni che Confindustria ha perso il suo ruolo, è divenuto un carrozzone romano, dove i vari personaggetti puntano alle poltrone perché si viene inseriti in una "rete" che porta lavoro, palanche e opportunità. Chiusa la parentesi di Lucchini, che lottò con il sindacato in anni pericolosissimi pochi altri hanno fatto qualcosa. Bonometti, Confindustria, salvo qualche territoriale veramente buona, è ormai lo specchi degli ex imprenditori ormai solo prenditori. Ci ha provato ma le regole premiano non il migliore ma il quello meno innovatore. Basti pensare al divieto di fare capire cosa si vuole fare. Basti vedere come è stato zittito il confronto. Questa è Confindustria ??? Lasciamo perdere, nemmeno nel Terzo Mondo accadono cose simili. Gli industriali tanto fieri della loro capacità oggi accettano che i candidati siano fatti fuori dai "saggi" (anche a Brescia sappiamo cosa fanno questi saggi... vero Tentenna?) e solo poi potranno confrontarsi..... Noi restiamo fieri di Lei
ven 11 mar 2016, ore 09.59
Immagine profilo
BrescianaDoc
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono d'accordo con lei, ma così facendo quello che lei e noi aborriamo non cambierà mai!!!
ven 11 mar 2016, ore 09.58
Immagine profilo
Santo B.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bonometti, Lei ha fatto un "errore": dire subito che avrebbe tolto certi PRIVILEGI ASSURDI a tutti i dirigenti o che li avrebbe FATTI LAVORARE COME SI LAVORA A BRESCIA !!! Ma Confindustria è "romana", nel peggior senso del significato, quindi non accetterebbero mai uno come Lei che LI FAREBBE LAVORARE VERAMENTE e toglierebbe certi PRIVILEGI POLITICI ! Lei è un grandeeeeeeeee e certamente serve più a Brescia e in Lombardia e non nella Roma della politica ! Quindi è stata una giusta scelta .
ven 11 mar 2016, ore 09.12
Immagine profilo
Campione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Resti un campione hanno vinto i rappresentanti di altri. Hanno vinto quelli che agiscono per conto terzi… Orgogliosi di Bonometti!
ven 11 mar 2016, ore 06.00
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:24 Pharmd749
09 dic - Vai alla news »
Hello!
15:21 @Bresciano
09 dic - Vai alla news »
Sono d'accordo: idea pessima, volgare, fuori contesto, rattristante, di cattivo gusto. E poi il trenino ce l'avevamo già e gira semivuoto da
15:14 @@@Sandro
09 dic - Vai alla news »
Belli, legga e ascolti bene questa: ieri Mattarella ha ricevuto il Gruppo parlamentare "Civici e Innovatori", che dal nome potrebbe essere..
15:02 Bresciano
09 dic - Vai alla news »
CHE STR*****TA! Veder e quel coso in giro per il centro, mi rattrista perchè da l'idea di una città provincialotta!
15:00 @5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Se avesse sentito la conferenza stampa dei rappresentanti pentastellati la notte del 4 dicembre da Montecitorio, avrebbe sentito con le sue
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto più pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalità è che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...