Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:34


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL PIRELLONE
Parolini

Parolini contro Trenitalia: costi per i pendolari triplicati senza servizi migliori

A causa delle modifiche che Trenitalia sta gradualmente apportando sulla Milano-Brescia-Verona, introducendo gradualmente i treni Frecciarossa al posto dei Frecciabianca, chi viaggia ora su questi treni con abbonamento regionale IoViaggio ovunque in Lombardia e con la Carta Plus non può utilizzare i nuovi convogli e si vede costretto ad un ulteriore ed inaccettabile esborso di denaro. Per i pendolari costi saranno triplicati senza miglioramento sdi ervizio e tempi. Chi viaggia con Frecciabianca deve poter utilizzare anche i Frecciarossa senza costi aggiuntivi. E' quanto si legge in una lettera che l'assessore allo Sviluppo Economico Mauro Parolini ha inviato al collega titolare dei Trasporti Alessandro Sorte per chiedere un suo intervento sui vertici di Trenitalia.

COSTI TRIPLICATI PER PENDOLARI - “Quando dal 2017 tutti questi cambiamenti andranno a regime - si legge ancora nella missiva - la situazione peggiorerà ulteriormente: per i pendolari bresciani che devono raggiungere Milano si prospettano infatti costi triplicati rispetto a prima senza ricevere un servizio migliore, con ripercussioni gravi sulle bilancio per le spese di viaggio di migliaia di lavoratori”.

AREA TURISTICA GARDA - Parolini, che nella lettera elenca tutti i treni che, con i rispettivi orari, sono stati convertiti da Frecciabianca a Frecciarossa, sottolinea poi “che il peggioramento del servizio coinvolgerà anche una delle aree turistiche più importati d'Italia e del Nord, quella del Lago di Garda, con una riduzione dei treni che oggi fermano ogni mezz'ora nelle stazioni di Desenzano e Peschiera”.

MANTENERE SERVIZIO SU LIENA STORICA - “Il passaggio al servizio di Alta Velocità così impostato - prosegue Parolini - costituisce paradossalmente fin'ora un grave peggioramento dell'offerta di mobilità ferroviaria per tanti pendolari e disattende le osservazioni che la Giunta lombarda ha prodotto proprio sul mantenimento del servizio sulla linea storica”.




Fonte: Comunicato stampa sab 12 mar 2016, ore 14.59
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Capiamoci ha ra
(UTENTE NON REGISTRATO)
parolini nel dire tutto questo. Del resto i cittadini gardesani protestano da anni, ma tutti li mettono a tacere. Occorre però chiedere al signor Parolini dove sia vissuto fino ad ora... Buon giorno Mauro Parolini, vuole un caffè?
lun 14 mar 2016, ore 17.38
Immagine profilo
Ah, se se!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Parolini chi? Quello che da decenni tenta di imbandire la tavolata per magnaccioni mai sazi e devastatori chiamata "Autostrada della Valtrompia"? Proprio un personaggio credibile, sì, sì...
dom 13 mar 2016, ore 15.55
Immagine profilo
@@Ovvio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Assolutamente d'accordo: poichè a parlare è l'Assessore per dieci anni ai lavori Pubblici della Provincia di Brescia, piacerebbe ci fornisse un elenco di tutto quanto da lui fatto o almeno proposto per i pendolari, l'area del Garda (martoriata dal cemento proprio in quel decennio), la viabilità, le infrastrutture ed i trasporti pensando proprio al turismo, ai posti di lavoro, allo sviluppo economico di cui è oggi assessore regionale. Dài da bravo...
dom 13 mar 2016, ore 13.19
Immagine profilo
@Ovvio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Proprio Parolini parla, uno dei fautori del disastro Brebemi... Opere pubbliche inutili e costose che adesso devono essere usate altrimenti partono già fallite, come la metro...
dom 13 mar 2016, ore 12.46
Immagine profilo
Ovvio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quando ciò che DEVE ESSERE SERVIZIO PUBBLICO (in questo caso garantire la mobilità di tutti i cittadini) viene PRIVATIZZATO cambia completamente la sua ragione di esistere. Le necessità e i diritti non contano più niente, l'unico scopo è il profitto e, pertanto, ciò che non rende a sufficienza o, addirittura, costa, è tagliato, eliminato. Da decenni ci lasciamo intortare dai sostenitori del "privato è meglio" (di destra o di falsa sinistra) e piano piano, forse, cominciamo ad accorgerci di quanto ci hanno rubato.
dom 13 mar 2016, ore 11.18
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...