Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 02 Dicembre 2016 - Ore 23:13


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
EFFICIENZA E TECNOLOGIA
smart city

Brescia sale dal decimo al settimo posto nella classifica italiana delle smart city

È di ieri la pubblicazione dello Smart City Index 2016, l'ultimo rapporto che fotografa il grado di efficienza e integrazione delle tecnologie nelle città di tutta Europa. In altre parole: che calcola quanta "smartness" (=intelligenza) c'è nelle aspiranti "smart city". Un documento utile per valutare i risultati di un lavoro che impegna Brescia da anni, con un approccio di sistema e un'attenzione ai cittadini più deboli che ha sempre caratterizzato le iniziative smart della nostra città; e che, svolgendosi principalmente nell'ambito del "virtuale" e del "dematerializzato" non è facilmente visibile o misurabile quotidianamente.

Brescia guadagna tre posizioni rispetto all'ultimo rapporto datato 2014, e passa dal decimo al settimo posto nella graduatoria delle 116 città italiane analizzate.

Un bel risultato, che dimostra come la strada dell'innovazione con una visione lungimirante e di lungo periodo ripaghi anche in tempi brevi. Tra le novità del rapporto 2016, infatti, c'è l'ampliamento degli indicatori monitorati: alle infrastrutture di rete, ai sensori, alle applicazioni e ai servizi a valore aggiunto per i cittadini si sono infatti aggiunti parametri più politici come la vision, le strategie, la vivibilità e la smart citizen: un'espressione sintetica che racchiude da un lato la consapevolezza e la richiesta di partecipazione dei cittadini alla vita e alle decisioni del proprio Comune e, dall'altro, gli strumenti che le istituzioni mettono a disposizione per il dialogo, l'ascolto, la co-progettazione.

Tra i nostri punti di forza permangono la gestione di un piano dell'energia urbana con il continuo efficientamento del teleriscaldamento a cui si aggiungono aspetti più tecnici come l'integrazione (tra piattaforme, tra dati, ecc.) in cui Brescia è definita nell'index una "campionessa", o come  la "vivibilità digitale" cioè la crescente facilità di accesso ai servizi anche on line e in mobilità per rendere più semplice la vita di ogni giorno.

Ancora di più, dunque, ci sentiamo di affermare con forza che l'innovazione non è un processo solo tecnologico, ma un lungo cammino di crescita culturale. Di più: concetti fondanti della smart city come trasparenza, efficienza, sostenibilità e inclusione possono migliorare la vita dei cittadini solo se entrano a far parte di un dibattito culturale profondo, pervasivo e alto su un senso nuovo e partecipato di immaginare per domani una città migliore di oggi.

Come abbiamo scritto nell' Agenda Digitale Urbana, il documento di programmazione per l'innovazione del Comune di Brescia - e perciò ciclicamente sottoposto ad aggiornamenti o, come si dice in linguaggio informatico, "upgrade"-

Il vero successo dell'agenda digitale urbana non saranno la costruzione di database, l'innesto di sensori mobili sulla qualità dell'ambiente, la rilevazione costante dei dati sulla mobilità e l'integrazione efficace dei mezzi di trasporto pubblici bensì un senso diffuso e sincero da parte dei bresciani di abitare in una città dove nessuno è escluso dal cambiamento, dove i processi sono chiari e trasparenti, dove ogni cittadino è responsabile della cosa pubblica, può contribuire, progettare, dibattere, partecipare, costruire, controllare, migliorare.           

 Smart City Index 2016 conferma che, nel percorso verso un'innovazione virtuosa, le città medie sono in crescita. A guidare la classifica, nei primi dieci posti, sono ben quattro: Parma, Trento, Brescia e Reggio Emilia.

Una curiosità: nelle città più smart sono numerose gli assessori donne (a Trento è Chiara Maule, a Reggio Emilia Valeria Montanari, che abbiamo ospitato agli Smart meeting 2015). Forse una coincidenza; o forse la conferma che quando c'è da fare un gioco di squadra complesso e sfidante come quello dell'innovazione urbana, sociale e del tessuto imprenditoriale le donne, semplicemente, lo fanno meglio!

L'index si chiude con un occhio ai casi di successo internazionali, da cui prendere spunto per i prossimi anni. Tra questi, è segnalato Expo' 2015: un prototipo evolutissimo di cittadella smart di cui abbiamo parlato approfonditamente nelle scorse settimane al primo Smart Meeting 2016 proprio con Cisco, che ha curato l'infrastrutturazione smart del sito di Expo'.

Rispetto alle altre realtà europee, l'Italia si conferma un'eccezione. In parte dovuta a carenze infrastrutturali nazionali, tra i quali vale la pena ricordare il ritardo e la confusione su un piano nazionale di aggiornamento delle infrastrutture di connettività (banda larga, reti in fibra e altre tipologie di connessione in area urbana e non), la mancanza di investimenti certi e pianificati nell'innovazione (basti pensare che i progetti approvati con il primo bando nazionale sulle smart cities del 2012 sono ancora in attesa del finanziamento vinto), nonché una generale carenza culturale sull'efficienza e l'innovazione, comune tanto agli enti quanto alle realtà imprenditoriali, dai piccoli ai grandi.

L'altra caratteristica che dell'Italia fa un caso unico è la necessità di conciliare la presenza delle infrastrutture tecnologiche con un patrimonio architettonico unico al mondo: un matrimonio, quello fra monumenti  e affreschi da un lato, e apparati, cavi sotterranei e grandi antenne dall'altro, non sempre facile da realizzare. Ma, come dimostrano i molti progetti realizzati in questi ultimi anni a Brescia, da Fuori Expo' a Kilometro della bellezza, dall'ampliamento del Wi-Fi urbano all'estensione della dorsale in fibra alle scuole, l'innovazione urbana è un patrimonio collettivo a cui ogni realtà del territorio dà sempre più valore.

 



Fonte: comunicato stampa mer 16 mar 2016, ore 17.20
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Bresciano
(UTENTE NON REGISTRATO)
Si vede che le continue aggressioni per rubare cellulari e altro sono molto "smart".
ven 18 mar 2016, ore 11.44
Immagine profilo
Wifi free
(UTENTE NON REGISTRATO)
E in Europa come siamo messi? Nel 2016 dobbiamo ancora pagare fior di soldi per la connessione a internet. Ridicoli!
mer 16 mar 2016, ore 17.22
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:56 X 17.43
02 dic - Vai alla news »
Noooo! Addirittura la macchina t'hanno toccato! Proprio a te! Magari è una Golf comprata a rate e da un mese tu paghi le cambiali e l'auto s
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori è nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
18:02 @@CORSI 21,11
02 dic - Vai alla news »
grazie per la spiegazione dettagliata, ma non dovresti prendere tutto alla lettera: erano semplicemente modi dire per invitare, in maniera s
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...