Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



11 Dicembre 2016 - Ore 14:46


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
CONFARTIGIANATO
Massetti

Massetti: il conto della malasanità italiana pesa sulle imprese bresciane

Gli artigiani con Irap e Irpef pagano il rosso della sanità. La malasanità pesa soprattutto sulle tasche degli imprenditori, “costretti a finanziare con tasse sempre più alte la cattiva gestione dei conti regionali”. Lo sottolinea l'ultima analisi del Centro Studi di Confartigianato: tra il 2006 e il 2014, infatti, il sistema sanitario nazionale ha totalizzato perdite per 35 miliardi, con una media di 3,9 miliardi l'anno.

La sanità in rosso ricade sulle spalle delle imprese, a cui vengono aumentate le tasse per rientrare dei deficit accumulati. Confartigianato stima in circa 6mila euro (5.718 per la precisione) l'anno per impresa, la tassazione applicate in Lombardia tra Irap e addizionale regionale Irpef (i due tributi locali che finanziano il servizio sanitario).

«In molte regioni italiane - sostiene il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale Eugenio Massetti – la malasanità pubblica colpisce 3 volte gli imprenditori: da contribuenti devono pagare maggiori tasse per risanare i bilanci in rosso della sanità, da pazienti subiscono le inefficienze dei servizi e devono sborsare altri soldi per ricorrere alle prestazioni dignitose private». Confartigianato sottolinea poi che i ticket pagati dai cittadini, per una cifra complessiva di 3 miliardi sono aumentati del 33 per cento tra il 2010 e il 2014 e sono più alti nelle 8 Regioni in rosso. Non sempre, inoltre, dove la sanità costa di più, si registra la qualità migliore dei servizi. In Lombardia, per esempio, la quota degli utenti insoddisfatti della sanità è pari all'10,7% per cento. Il 19,9% dei lombardi è insoddisfatto sul vitto, il 14,2 sui servizi igienici delle strutture sanitarie pubbliche. Ve meglio che nelle regioni “in rosso”: I più penalizzati sono cittadini e imprenditori di 8 Regioni con Piani di rientro del deficit sanitario (Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Calabria, Sicilia, Piemonte, Puglia) che, per risanare le gestioni ‘in rosso’, subiscono un maggior prelievo fiscale di 1,8 miliardi, pari a 61 euro in più per abitante, rispetto alle Regioni con i conti sanitari in ordine.

Il conto più salato lo pagano le micro imprese delle 6 Regioni sotto Piano di rientro del deficit a pieno regime che, tra Irap e addizionale regionale Irpef (i due tributi locali che finanziano il servizio sanitario), devono sborsare in media 6.889 euro l’anno, vale a dire il 20,9% in più rispetto ai 5.700 euro di tasse versate dai piccoli imprenditori nelle Regioni più virtuose, vale a dire le Regioni non autonome che non sono sotto Piano di rientro.

Ma il mondo dell'artigianato bresciano può godere di importanti coperture sanitarie dedicate: il fondo nazionale San.Arti, sia per i dipendenti che per i titolari, e W.i.l.a., Welfare Integrativo Lombardo dell’Artigianato costituito presso l'Elba che eroga prestazioni di welfare contrattuale che completano il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all’interno dei contratti collettivi di lavoro artigiani, alimentato dalle aziende con un versamento di 5 euro mensili per ogni dipendente. «Con queste iniziative possiamo riprendere quanto di positivo era stato creato con la vecchia Cassa Mutua Artigiana. Uno strumento prezioso e valido per il settore. Per i dipendenti ci sono le dovute tutele, ma ai titolari di impresa chi pensa? Con San.Arti diamo una mano anche ai titolari, che se non lavorano non incassano» precisa Massetti.   



Fonte: Comunicato stampa sab 26 mar 2016, ore 11.39
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Dài da bravo...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Poveri artigiani, salassati solo loro, secondo Massetti. Intanto l'87% del gettito totale IRPEF viene da lavoratori dipendenti e pensionati (questi ultimi tassati come in nessun altro Paese della Comunità Europea). Il restante 13% da tutti gli altri contribuenti. Poi c'è l'IRAP (trattasi di imposta regionale) per la quale occorre determinare il “guadagno” dell’anno di riferimento, più precisamente il valore della produzione netta derivante dall’attività esercitata. Ossia occorre sottrarre dai ricavi, i costi dell’esercizio. Dopo ciò si avrà l’utile al lordo d’imposta. Su questo valore va calcolata l’IRAP, la cui aliquota è attualmente del 3,9%. Sì, il 3,9% dell'utile al lordo di imposta. Beh...
lun 28 mar 2016, ore 12.24
Immagine profilo
@pippo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda Pippo che non ci sarà solo Massetti in Confartigianato ma almeno altri due che correranno con grande seguito negli artigiani. Chi troppo vuole nulla stringe!
lun 28 mar 2016, ore 11.18
Immagine profilo
pesa su chi
(UTENTE NON REGISTRATO)
pesa sui cittadini onesti paganti tasse ticket bolli iva che non scaricano ne recuperano nulla anzi pagano senza avere servizi degni di un paese democratico primo tra tutti la sanita'
dom 27 mar 2016, ore 13.22
Immagine profilo
Pippo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma questo Massetti cosa vuole! Abbiamo capito tutti che vuole candidarsi con il Pd alle prossime elezioni politiche. Il suo protagonismo sta penalizzando la Confartigianato , gli artigiani non sono tutti del Pd .
sab 26 mar 2016, ore 12.26
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il problema di fondo resta l'introduzione dei ticket ed il pagamento a prestazione: due scelte che hanno spostato la sanità pubblica a business privato. Con competitors che si fanno una guerra spietata sperando paradossalmente che i malati aumentino ed aumentino le prestazioni più remunerative e persino le prescrizioni di terapie non necessarie. Inoltre, la popolazione invecchia sempre di più e sempre meno giovani entrano stabilmente nel mondo del lavoro a garantire con la contribuzione la sostenibilità del sistema. Tra pochi anni saremo al capolinea, quello dove i meno abbienti pagheranno il conto finale di una politica a dir poco dissennata.
sab 26 mar 2016, ore 11.52
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
14:27 giusi.mutti@ali
11 dic - Vai alla news »
come fare x acqistare chiaretto garda classico????
14:25 giusi
11 dic - Vai alla news »
come fare x acqistare chiaretto garda classico????
13:51 legacialtrona
11 dic - Vai alla news »
Maroni Salvini Rolfi & c. Subito in fonderia per manifesta incapacita'. Dopo averci restituito tutto il maltolto. VIA!
11:53 veritas
11 dic - Vai alla news »
Premesso che non tutto era condivisibile ma a quando la primissima riforma ? Devolution No l'ultima No campa cavallo che l'erba cr
11:51 veritas
11 dic - Vai alla news »
Chissà quando si arriverà alla legalizzazione certamente squallida ma meno di ciò che succede oggi
11:39 veritas
11 dic - Vai alla news »
Che tristezza sono passati più di 20 anni da quando Bossi accompagnato da Maroni arrivarono con un disegno politico condivisibile cop
10:59 autonomia?
11 dic - Vai alla news »
Ottima mossa di Maroni per far perdere voti a Salvini al sud.
10:06 stradivarius
11 dic - Vai alla news »
Un testo, quello dell'Onorevole tansfuga, fatto solo di ovviomi ma dettato in realtà solo dall'ansia di riposizionarsi rapidamente sul front
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...