Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 10 Dicembre 2016 - Ore 06:00


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
AMBIENTE
Bitume

San Polo, riapre l’ex bitumificio Gaburri tra rassicurazioni e paure

Da qualche giorno è tornato pienamente operativo l’ex bitumificio Gaburri di San Polo, chiuso più di tre anni fa a causa delle emissioni anche doppie rispetto ai parametri fissati per legge e delle ripetute lamentele da parte della popolazione su cattivi odori e irritazioni alle mucose.

Ma se dall’azienda che ha acquisito l’attività dal fallimento Gaburri, arrivano rassicurazioni per il nuovo “impianto di conglomerato bituminoso”, gli ambientalisti restano preoccupati che la discontinuità promessa dai nuovi gestori rimanga soltanto sulla carta, mettendo nuovamente a rischio la salute dei cittadini.

“Rispetto alla gestione precedente”, spiega il responsabile dell’impianto Karim Salvadori (Panni Srl), “abbiamo apportato alcune modifiche all’impianto. Il filtro a carboni attivi - posizionato già da Gaburri, ma in passato poco utilizzato – unito al rinnovo del filtro a maniche ci permetterà di ridurre la soglia di composto organico volatile rilevato abbondantemente sotto i 50 microgrammi (limite massimo previsto dalla legge). Inoltre vorremmo rendere le verifiche sulle emissioni più frequenti rispetto all’anno previsto dalla legge e dedicarci soprattutto alla produzione di conglomerati che necessitino di temperature minori e quindi abbiano un impatto ambientale minore”. Salvadori, quindi, assicura che l'impianto lavorerà soltanto nelle ore diurne, come da concessione. Mentre sul fronte del rischio di incendi, Salvadori afferma che “l’asfalto non ha un rischio specifico su questo fronte, perché la possibilità che tale materiale si infiammi è molto bassa e noi non abbiamo depositi di materiali infiammabili”.

Il referente di Panni Srl, inoltre, sottolinea che “il primo anno lavoreremo su bassi volumi”. Ma l’obiettivo è di incrementare le commesse, aumentare l’utilizzo del fresato (da Gaburri Panni ne ha ricevuti in “dote” circa 20mila metri cubi) appena la Provincia concederà l’autorizzazione ancora in sospeso e poi – tempo tre anni – spostare la produzione al confine con Rezzato, aggiudicandosi l’area ex Gaburri che aveva già l’autorizzazione per la realizzazione di un nuovo impianto e su cui Panni avrebbe una prelazione.

Gli investimenti di Panni ad oggi sono stati di 100mila euro. Ma per gli ambientalisti e in particolare il Codisa - l’agguerrito comitato di San Polo che aveva portato allo stop dell’impianto Gaburri - le rassicurazioni dell’azienda non bastano. “Il timore”, sottolinea la presidente Angela Paparazzo, “è che la proprietà non rispetti quanto previsto nella concessione e che torni a produrre tipologie di bitume ad alta qualità e drenanti, che hanno un forte impatto ambientale. Il nuovo asfalto è certamente più remunerativo per l’azienda, ma il filtro a carboni attivi deve funzionare a ciclo continuo con conseguente aumento dei costi e riduzione della produzione. E’ quindi essenziale per la salute dei cittadini che, al di là dei controlli standard delle autorità preposte, le verifiche sul filtro a carboni siano quasi quotidiane e che i filtri a maniche vengano sostituiti in un tempo congruo. Qualche avviso su odori molesti, purtroppo, è già arrivato dalla nostra rete di cittadini segnalatori”.

“Di Panni non sappiamo molto”, conclude Paparazzo, “ci piacerebbe incontrarlo e avere con lui un rapporto diverso da quello che c’era con la precedente gestione, anche se alcune figure aziendali nel passaggio sono rimaste le stesse”. E almeno su questo le parti sembrano avere uno spiraglio di confronto. “A regime vorrei invitare i cittadini a vedere il nostro impianto”, dice Salvadori. E gli ambientalisti aspettano certamente un invito. 



Fonte: Redazione mer 27 apr 2016, ore 11.13
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
cittadino
(UTENTE NON REGISTRATO)
Al di là degli slogan contro tutto dei soliti pasdaran dell'ambientalismo da strapazzo, Angela si conferma persona seria e ragionevole. Non si può partire dal preconcetto che chiunque si occupi di questi impianti sia per forza un delinquente. Occorre osservare, controllare e poi giudicare. E l'azienda deve avere un atteggiamento collaborativo e di trasparenza nel fornire i dati a sua disposizione. Il resto è solo polverone mediatico. Siamo stufi dei soliti comitati spontanei capaci solo di fare casino e basta, occorre più senso di responsabilità e più competenza.
mar 03 mag 2016, ore 17.39
Immagine profilo
ILVO
(UTENTE NON REGISTRATO)
SAN POLO LIBERO!!!!
lun 02 mag 2016, ore 11.15
Immagine profilo
Sanpoletto
(UTENTE NON REGISTRATO)
Complimenti ad Angela, che come al solito si è dimostrata una persona seria!!! Senza l'impegno suo e di molti come lei oggi il nostro quartiere sarebbe il far West!!!!!
gio 28 apr 2016, ore 15.48
Immagine profilo
Immanuel
(UTENTE NON REGISTRATO)
La provincia che dice di questa cosa? E l'Arpa? Hanno verificato bene bene? Siamo sicuri che basti???
gio 28 apr 2016, ore 15.15
Immagine profilo
Milim
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mamma Mia, e come dovremmo fare a credere alle rassicurazioni di questi? E' vero che perfino il personale è lo stesso?
gio 28 apr 2016, ore 13.50
Immagine profilo
alessiag
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'AZIENDA DEVE DELLE RISPOSTE AI CITTADINI!!!!! BASTA INQUINAMENTO A SAN POLO!!
gio 28 apr 2016, ore 13.43
Immagine profilo
Daniele
(UTENTE NON REGISTRATO)
Certo, le strade bisogna farle e l'asfalto serve, ma perchè i controlli devnono essere fatti dai cittadini o addirittura dalla stessa azienda? Perchè le ressicurazioni non arrivano dagli istituti preposti? Il Comune cosa fa? E l'Arpa? Una volta all'anno magari controlla avvisando prima. E gli altri giorni cosa succede?
gio 28 apr 2016, ore 11.13
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
03:52 Aguero Kevin
10 dic - Vai alla news »
Sono Kevin Aguero Soldado per nome e voglio che tutti sappiano che mi offrono prestiti a chi ne ha bisogno senza alcun pagamento. Offro tutt
23:23 monnez12
09 dic - Vai alla news »
Finanziamento di prestito di denaro tra Privato E-mail: sylviane.harry@hotma il.com offrono prestiti tra particolare tasso del 2%. Sei st
22:19 klero
09 dic - Vai alla news »
Da un segnalibro di avvenire, quotidiano dei cattolici, distribuito ai lettori: e' dunwue una straordimaria opportunita' per la Chiesa in It
22:02 @un Parrocchian
09 dic - Vai alla news »
Peccato pero' che alle parole roboanti di francesco non seguano i fatti, e quindi tutto rimane aria fritta. Poi, evidentemente, e' solo lui
21:43 un Parrocchiano
09 dic - Vai alla news »
Riporto ciò che ha detto oggi il Papa nella sua omelia s.Marta: I sacerdoti siano mediatori dell’amore di Dio, non intermediari che pensano
21:20 @il testimone
09 dic - Vai alla news »
Chiaro il discorso, come chiara la vicenda di molinetto e come chiara quella di mompiano o quella di s. Giovanni. Abbiamo un vescovo inetto
20:50 TRIBALI
09 dic - Vai alla news »
La notizia è in prima pagina di un grande quotidiano nazionale. Vergogniamoci per questo infame gesto di barbarie tribale.
19:41 soluzioni
09 dic - Vai alla news »
il primo passo per trovarle sta nel porsi le domande giuste e non occorrono geni particolari per saperlo...sei tu quello strano
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...