Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 16:37


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
SICUREZZA
sicurezza

Morti bianche, i dati restano preoccupanti. I voucher campanello d'allarme sul nero

Si è celebrata ieri la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro e mentre a livello nazionale diminuiscono del 3,92% gli infortuni denunciati (- 4,41% nel Bresciano), aumentano gli infortuni mortali. Nel 2015 sono state 25 le morti bianche, che nel 2014 si erano fermate a 21. Crescono anche le malattie professionali + 8,1% rispetto al +2,63% del dato nazionale.

Nel primo trimestre del 2016 per ogni giorno lavorativo sono stati denunciati a Brescia e provincia 51 infortuni sul lavoro, mentre sono 4 i decessi.

Nel frattempo emerge l'allarme rosso sul lavoro nero, con i voucher che fungerebbero da copertura per gli infortuni dei lavoratori non assicurati. Secondo l'Inail, infatti, sono triplicati gli infortuni dei lavoratori a voucher e raddoppiati quelli mortali. Spesso, inoltre, la data di attivazione coincide con quella dell'infortunio.



Fonte: redazione ven 29 apr 2016, ore 10.57
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
xSaulo. ...che il prete estromette chi non gli va dai consigli pastorali per mettere chi vuole lui in maniera tale da poter fare quello che vuole con i soldi dei fedeli... Che non dare a nessuno l'8 per mille significa destinarlo al rito che ha ricevuto più preferenze, quindi alla chiesa cattolica, invece di rispettare la scelta del contribuente e rimanere come tasse per lo stato, così come avviene per il 5 e il due per mille... Questa è l'Italia e il Vaticano. Ognuno cura il proprio orticello.
ven 29 apr 2016, ore 23.19
Immagine profilo
@ALTERNATIVO90
(UTENTE NON REGISTRATO)
Verissimo! Continuano a fare corsi e poi non si rispetta nulla. Tra l'altro questi corsi sono pagati da sto enti bilaterali che, attraverso trattenute sui lavoratori e sull'azienda, poi dovrebbero occuparsi del ricollocamento dei lavoratori, della sicurezza, e della sanità. Alla fine, la maggior parte delle volte tutto si conclude con perdite di tempo in corsi che non sfociano in nulla e quindi spese inutili pagate dal lavoratore e dall'azienda. Oppure fondi inutilizzati in capo a questi enti che alla fine non sai dove vanno a finire.
ven 29 apr 2016, ore 23.13
Immagine profilo
@Ah, se se!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il popolino è quello che alla fine subisce più di tutti questa ondata di profughi e clandestini e quindi è quello che più ne risente. Ecco perchè poi si lamenta. Non certo l'elettore medio del pd col posto sicuro (pagato dallo stato), che si permette di fare la morale e di dire accogliamoli, ma non vicino a loro. E' sempre la politica che non dà risposte adeguate alle esigenze della gente, a cominciare dal popolino che è il primo a subire, e quindi se la politica permette l'abuso dei voucher così come scritto, i primi a rimetterci sono gli ultimi della società: popolino e stranieri. Quindi, guarda un po' tu come è bello aumentare la platea dei disperati, tirandone qui altrettanti e addosso ai nostri...
ven 29 apr 2016, ore 23.07
Immagine profilo
@Saulo
(UTENTE NON REGISTRATO)
E' vero! Come sempre l'occasione fa l'uomo ladro. In ogni circostanza. E non si bada a diritti e etica. O meglio, si bada quando riguarda se stessi. E quindi il dipendente che per una vita è andato avanti a rivendicare il giusto salario, a voler i giusti aumenti contrattuali a scapito dell'azienda che tanto deve provvedere a tutto, oggi in pensione, non ci pensa due volte a prendere in nero la badante, tanto è straniera e quindi là campano con poco, oppure ad assicurarla il meno possibile e al minino sindacale, per sentirsi a posto con la coscienza. Senza però concedere un aumento, costringendo queste persone a fare lavori sottopagati perchè hanno bisogno, non pensando che anche loro vorrebbero le tutele che ha, per esempio, un'infermiera assunta all'ospedale civile. E poi si dice che gli italiani quei lavori non li vogliono più fare... E' sempre il solito discorso: il diritto lo voglio, ma per me e non a scapito mio! Contro il padrone sì, basta che il padrone non sia io!
ven 29 apr 2016, ore 23.00
Immagine profilo
ALTERNATIVO90
(UTENTE NON REGISTRATO)
Chissà come mai nessuno dice niente riguardo ai lavori e norme di sicurezza che non vengono MAI rispettate ? Fanno tutti i corsi sulla sicurezza sul lavoro e poi non si rispetta mai nulla perché i ritmi imposti non te lo consentono, perché nessuno parla? Perché si fanno queste cose se poi non si rispettano ?
ven 29 apr 2016, ore 14.01
Immagine profilo
Ah, se se!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Eccoli i nostri preziosi (im)prenditori. Lo Stato fornisce strumenti per venire incontro alle loro necessità (in questo caso di "flessibilità")? Loro subito ne abusano, come hanno sempre fatto. Ma tanto che importa? il popolino si lascia abbindolare e si butta nella guerra tra poveri al grido di dàgli all'immigrato, quindi: ben ci sta!
ven 29 apr 2016, ore 11.44
Immagine profilo
Saulo
(UTENTE NON REGISTRATO)
A sentir parlare la gente comune sembrano tutti santi, contro la casta e i politici furbetti. Poi scopri che l'imprenditore fa lavorare in nero, che il vicino di casa non ha mai pagato il canone, che il negozio non fa mai gli scontrini, che il fisioterapista non fa mai le fatture e che il pensionato continua a lavorare con buona pace dei giovani disoccupati. Questa è l'italia, ognuno cura il suo orticello
ven 29 apr 2016, ore 11.05
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
13:29 SI
03 dic - Vai alla news »
Farà votare SI' a più persone.
13:27 @8.36
03 dic - Vai alla news »
Quante str....te!
13:26 ???
03 dic - Vai alla news »
Quanto spende l'Italia per dare la prostituta bianca di cui parla il Rapper BELLO FICO , ai clandestini falsi profughi? Tanto per sapere qu
13:21 BENE
03 dic - Vai alla news »
GRAZIE PER LA SIGNIFICATIVA INFORMAZIONE -Gia' si dovrebbe rifiutare sia l'asilo che la protezione sussidiaria o umanitaria in primis agli a
13:04 Ass
03 dic - Vai alla news »
che caso............
10:50 Parolino...
03 dic - Vai alla news »
Intervento realizzabile entro tre anni...o che verrà realizzato entro tre anni ?
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...