Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 19:23


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA POLEMICA
PONTE

Sulzano, gli ambientalisti contro il divieto alle bici per il ponte di Christo

Nel periodo di esposizione dell’opera “The Floating Piers” sul lago d’Iseo, dal 18 giugno al 3 luglio, l’accesso a Sulzano sarà interdetto alle biciclette e si potrà raggiungere l’opera dell’artista Christo solo attraverso un servizio di navette. I ciclisti, giunti nel territorio di Sulzano, dovranno lasciare le due ruote e prendere uno dei bus in transito, pagando 5 euro. Una notizia che ha lasciato sbigottite le associazioni che da sempre promuovono stili di vita orientati ad una mobilità sostenibile.

Il responsabile dei trasporti di Legambiente Lombardia Dario Balotta, la delegata WWF Italia per la Lombardia *Paola Brambilla* e il Coordinatore Regionale di Fiab Biciclettando *Piercarlo Bertolotti*, si sono rivolti attraverso una lettera al Prefetto di Brescia, Valerio Valenti, per chiedere spiegazioni sull’ordinanza. La scelta era stata giustificata dagli organizzatori adducendo ragioni di sicurezza stradale, visto il consistente afflusso di visitatori attesi.

“Con questa decisione l’evento viene privato di un aspetto importante: la sostenibilità che aveva annunciato – dichiarano le associazioni – Proponiamo di adottare nella tratta Pizone-Sulzano-Sale Marasino, una zona interdetta al traffico privato e aperta solo ai residenti e ai mezzi di servizio, *il senso unico di marcia*. Ciò *permetterebbe di tenere sgombra una porzione di carreggiata per i ciclisti. L’accesso diretto dei pedoni e l’ingresso a Sulzano in bicicletta – prosegue la lettera – potrebbero ridurre sensibilmente il numero delle spole delle navette, riducendo l’impatto ambientale del traffico su gomma in quell’area”.

Una soluzione, quella avanzata dalle sezioni regionali di Legambiente, WWF e Fiab, che eviterebbe anche un possibile effetto “tappo” a Sulzano in alcune ore della giornata, quando gli autobus sarebbero costretti a incrociarsi per lo scarico nell’andata e per il carico al ritorno dei visitatori. La manovra di inversione di marcia verrebbe effettuata al rondò di Sale Marasino, con un allungamento del percorso di circa 10 km. *Le associazioni chiedono al Prefetto un incontro* per verificare le effettive condizioni di fattibilità del progetto e vagliare proposte alternative, per non precludere del tutto la fruibilità del territorio con un mezzo sostenibile ed ecologico come la biciletta.



Fonte: Comunicato stampa ven 06 mag 2016, ore 17.07
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
carlotheo
(UTENTE NON REGISTRATO)
invece DI VIETARE AI CICLISTI NON è MEGLIO FAR RISPETTARE LE REGOLE DI CIRCOLAZIONE????
mar 31 mag 2016, ore 15.16
Immagine profilo
Andrea
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'occasione si è rilevata un business a discapito dell'happening! Si paga tutto a peso d'oro(parcheggi-nave tte), tutto è vietato , persino raggiungere Sulzano a piedi(solo i residenti possono farlo)!Avevo pensato di raggiungre il luogo con la bicicletta , ma a questo punto me ne sto a casa , quando si vieta tutto tranne che ad aprire il portafoglio c'è da porsi qualche domanada !
lun 09 mag 2016, ore 13.10
Immagine profilo
bulli
(UTENTE NON REGISTRATO)
credono di essere i padroni della strada , se gli fai notare di stare almeno in fila indiana ti arriva una valanga di insulti . la strada bassa a vello di marone per esempio era diventato il loro vigorelli , una pista dove sfrecciare in grupponi di 6-7 ciclisti a manetta , senza alcun rispetto per i pedoni . sono d'accordo , niente bici, niente bulli per le strade
dom 08 mag 2016, ore 06.36
Immagine profilo
petora
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono assolutamente d'accordo sono dei prepotenti e non usano mai le piste ciclabili e se glielo fai notare ti insultano!
sab 07 mag 2016, ore 10.04
Immagine profilo
bene
(UTENTE NON REGISTRATO)
hanno ragione a vietare le bici , visto sopratutto come si comportano i molti ciclisti della domenica che nonostante le strade strette , amano stare affiancati a chiaccherare... a volte e spesso sono dei prepotenti assoluti, quindi bene che vi sia il divieto oerchè vi sarebbe soltanto caos !! fanno le piste ciclabili , e quando mai li avete visti usarle ??
sab 07 mag 2016, ore 07.12
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
18:51 ILVA
04 dic - Vai alla news »
ILVO DEGRADO Porsél e Adolfo votano SI
18:43 CASE
04 dic - Vai alla news »
E' pr caso il Sindaco di Parma 5 Stelle che non pubblica e non fa trapelare i nomi di chi riceve le case popolari, cosi' si scoprirebbe subi
18:33 ORIO
04 dic - Vai alla news »
A 17.31 - Fai finta di non sapere che non ai tempi di Gheddafi, ma oggi, nei tre anni non ancora compiuti di governo Renzi, è in corso la ve
18:16 Adolfo
04 dic - Vai alla news »
“Tutto ciò che è grande in questo mondo è frutto di un solo vincitore. I successi riportati da coalizioni portano già in sé il germe di futu
18:05 A noi !
04 dic - Vai alla news »
Venivano dalla vicina...Repubblica di Salò.
17:31 @ORIO
04 dic - Vai alla news »
Smettiamola di raccontare balle: Berlusconi cadde perche` il suo governo non aveva piu` la maggioranza. Quindi nessun colpo di Stato. E meno
16:59 Porsél
04 dic - Vai alla news »
Me vote al porsél
16:52 @orio
04 dic - Vai alla news »
Ma la conosci la geografia?
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...