Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 08 Dicembre 2016 - Ore 01:08


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
AMBIENTE
Discarica

Discarica Castella, il Codisa dice ancora no e critica Gardauno

Ancora un no alla discarica Castella. A pronunciarlo è il Codisa che risponde così al ricorso della società Castella Srl contro la bocciatura della discarica da parte della Regione. Il comitato di San Polo critica anche Gardauno (socia di Castella Srl) perché “ha totale partecipazione pubblica” ed è inconcepibile che “possa fare ricorso contro un diniego per incompatibilità ambientale che è stato supportato da provincia di Brescia, dai tre Comuni di Rezzato, Brescia e Castenedolo, da ARPA e ASL bresciane e dalle associazioni ambientaliste.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO

La Società Castella S.r.l. (composta da RMB S.p.a. e GardaUno S.p.a.) il 5 aprile 2016 hanno presentato ricorso al TAR contro il diniego della Regione Lombardia alla realizzazione della discarica Castella, diniego decretato l’8 febbraio 2016.

Non concepiamo come una società pubblica come Gardauno, che ha totale partecipazione pubblica e che dovrebbe tutelare la salute dei cittadini, possa fare ricorso contro un diniego per incompatibilità ambientale che è stato supportato da provincia di Brescia, dai tre Comuni di Rezzato, Brescia e Castenedolo, da ARPA e ASL bresciane e dalle associazioni ambientaliste.

Non abbiamo bisogno di imprese pubbliche che ricercano solo il profitto, a discapito dell’ambiente. Dai dati Arpa risulta che il quantitativo di rifiuti prodotto/gestito dalle delle due società raggiunge poco meno del 25% del volume che sarebbe disponibile nella discarica. Non si capisce quindi la necessità di una discarica così grande. Forse per accogliere rifiuti certamente non provenienti dal nostro territorio?

Non abbiamo bisogno di criticità, ma di bonifiche, su un territorio che nei decenni passati è stato fortemente inquinato e martoriato.

Per questo il Co.Di.S.A. e LEGAMBIENTE si sono opposti al ricorso al TAR che la Società Castella S.r.l. . ha presentato. Questo atto è stato depositato il 5 aprile, l’udienza è stata fissata in tempi stretti, l’11 maggio 2016.

In un paese in cui è proverbiale la lentezza della giustizia, è stupefacente la celerità con cui è stata fissata l’udienza. Tempi che, notiamo, vengono riservati solo ai poteri forti.

Codisa (Comitato Difesa Salute ed Ambiente)



Fonte: Comunicato stampa mar 10 mag 2016, ore 12.52
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
che senso ha?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come mi diceva un amministratore di uno dei tre Comuni coinvolti, "non ha alcun senso che Rezzato, Castenedolo e Brescia debbano spendere tempo, denaro (perché gli avvocati costano e sono soldi di noi cittadini anche quelli) ed energie per difendersi da altri comuni (quelli di Gardauno) che vogliono realizzare una gigantesca e mostruosa discarica sul territorio di un comune diverso dai loro, esportando così fuori dal loro territorio rifiuti, problemi, inquinamento, malattie, criticità ed intascando fior fiore di quattrini per farsi belli agli occhi dei propri cittadini". Gardauno è composta dai seguenti enti : Calcinato 0,10%, Calvagese della Riviera 2,05%, Carpenedolo 1,00%, Desenzano del Garda 21,86%, Gardone Riviera 2,34%, Gargnano 2,83%, Leno 0,10%, Limone sul Garda 0,98%, Lonato del Garda 10,83%, Magasa 0,20%, Manerba del Garda 3,03%, Manerbio 0,10%, Moniga del Garda 1,56%, Muscoline 0,10%, Padenghe sul Garda 3,12%, Polpenazze del Garda 1,76%, Pozzolengo 2,64%, Puegnago del Garda 2,34%, Roè Volciano 3,81%, Salò 9,37%, San Felice del Benaco 2,64%, Sirmione 5,75%, Soiano del lago 1,27%, Tignale 1,17%, Toscolano Maderno 3,00%, Tremosine 1,85%, Valvestino 0,20%, Verolanuova 0,10%, Comunità montana, 1,00% e Provincia di Brescia, 9,76% + Azioni Proprie 3,14%. Mi piacerebbe sapere cosa ha detto la Provincia, che è socia al 9,76%, nelle famigerate "stanze dei bottoni"
mar 10 mag 2016, ore 13.52
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
23:56 @@Sandroschi
07 dic - Vai alla news »
Ascolti Sandro, si iscriva al Partito Democratico, si faccia un selfie con la Boschi e la faccia finita. Era quello che aspettava da quando
23:40 basta cagate
07 dic - Vai alla news »
bresciani che costringono donne cinesi a prostituirsi,esiston o appena nella tua mente malata !
23:34 BRESCIANI FATTI
07 dic - Vai alla news »
C'è molta fame di droga nel bresciano. Meno male che qualcuno gliela procura.
23:31 NOI POCHI
07 dic - Vai alla news »
Eccezioni, ovviamente. Come quei pochi bresciani che stuprano bambini, anche pagandoli, evadono il fisco, inquinano, godono con le extracomu
23:05 prodigi
07 dic - Vai alla news »
Sono prodigi dei puttanieri bresciani, razzisti commentatori di giorno e frequentatori di ragazze stranieri costrette a prostituirsi di nott
23:02 falso
07 dic - Vai alla news »
I furti sono diminuiti. Chi dice il contrario o é in malafede o male informato o entrambi.
22:59 truffa
07 dic - Vai alla news »
C'é anche la notizia di bresciani arrestati per truffa gigantesca ai danni di cittadini di Dubai, oppure l'arresto di bresciani che costring
21:04 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
giovani profughi in cerca di lavoro e di una vita migliore vittime di una cospirazione a sfondo razziale
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...