Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Ore 09:37


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Bragaglio

Caro Rolfi, riportiamo la Valcamonica nell'Ats bresciana

di Claudio Bragaglio - In vari interventi, il consigliere regionale Fabio Rolfi s’è misurato con i problemi della futura provincia di Brescia. Ma in modo, direi, dissociato. Per metà, da leghista duro e puro, con propaganda, polemiche e fendenti all’aria, con quel suo spadone leghista. Per metà, invece con argomenti ragionati, per cui valga l’impegno per un confronto serio. Quand’anche in polemica con un PD nazionale, ancora troppo incerto sul futuro degli Enti di Area Vasta.

Da parte mia non m’attarderei sui limiti della legge Delrio, come fa Rolfi. Anzi mi ritrovo a difenderla, visto che tira un’aria persino peggiorativa. Ma – ed è il primo punto che gli pongo – qual è l’obbiettivo del presidente Maroni? Sparlare strumentalmente del Governo nazionale o proporre un progetto autonomista, resistendo alle proprie tentazioni d’un neocentralismo regionale?

Intanto constato che la Lega, oltrepassando il confine lombardo, seppur titubante ha messo il naso appena oltre il Ticino, diventando filo-elvetica. Con quei suoi “Cantoni”, al posto delle Province di conio napoleonico. In verità, i Cantoni c’entran nulla con la Lombardia, ma fa sentire la Lega meno sola con Grigioni e Vallesi. Vedremo se lì si ferma o le vien voglia anche d’un po’ d’Europa.

La suddivisione proposta da Maroni per i futuri Enti di Area Vasta presenta aspetti positivi per l’aggregazione di alcune ex province. Come peraltro sostiene anche il recente Documento delle Associazioni di Comuni e delle Province Lombarde, del 26 aprile. Ma questo stesso documento, per realtà come Brescia, muove una critica sostenendo che i confini provinciali debbano essere mantenuti e che per la “Provincia montana” ci debba essere una “parziale riduzione”. Leggasi: la Valcamonica non con Sondrio, ma con Brescia.

Nella sua nuova veste di presidente della Commissione Sanità, Fabio Rolfi potrebbe svolgere un ruolo che finora mi pare abbia voluto evitare. Quindi fare in modo che l’ATS sanitaria della Valcamonica venga re-incardinata su Brescia. Capisco i suoi silenzi e pure lo stato di confusione della Lega in Valcamonica. Ma il nodo va affrontato con coraggio e chiarezza. Da subito. Visto che per Maroni le Agenzie ATS preludono ai futuri Cantoni (o “nuove Province”, che dir si voglia). 

I Sindaci della Valcamonica hanno sottoscritto un documento rivendicando per la Valcamonica un ruolo di “Ente di Area vasta”. Comprensibile una tale aspirazione, ma essa si pone in rotta di collisione con il processo legislativo in corso.

Tutti sanno dell’impossibilità d’un tale obbiettivo (com’è stato peraltro per la “Provincia camuna”). Ma per taluni è sufficiente riscuotere il proprio tagliando elettorale. Nulla più.

L’unica attenuante che mi sentirei di riconoscere è dovuta al pasticcio delle tre Province montane (Sondrio, Belluno, Verbano-Val d’Ossola), privilegiate a scapito degli altri territori montani. Un gran pasticcio, al punto che sull’arco alpino – altro che semplificazione! – ci troviamo il peggior spezzatino: tre speciali Province Montane, tre Regioni a statuto speciale, due Province che fanno una Regione, nonché tre Regioni a statuto ordinario. Un rompicapo, peggio del cubo di Rubik.

Vi sono nodi - come quello sanitario - che non possono essere rinviati a dopo il Referendum costituzionale. Penso anche al Programma di Bacino per il trasporto pubblico provinciale, già in fase di approntamento. Ben sapendo che la Provincia di Brescia non può sostenere i costi se rimane il criterio dei Cantoni ricalcati sulle attuali ATS. Quindi con la Valcamonica in Valtellina.

Scelta scriteriata e avulsa dalla realtà. Si pensi solo che ogni giorno per scuola-lavoro gli spostamenti andata-ritorno della Valcamonica verso Brescia sono più di 8 mila (60% auto e 40% treno-bus), mentre verso la Valtellina son meno di 400 unità.

Quindi l’obbiettivo è la Valcamonica nell’ATS (sanità) e nel TPL (trasporti) di Brescia.

Ma il tema è più generale e riguarda l’integrazione dei diversi territori nella rete di servizi, di mobilità, di sviluppo economico e turistico della Lombardia orientale. Questa la sfida da assumere, con la Valcamonica che è parte decisiva di questo progetto di governo territoriale e di sviluppo.

Ecco perché un tale disegno richiede, da subito, la ricollocazione della Valcamonica nell’ATS bresciana. Da subito. Ed è importante sapere se su questa questione per la presidenza della Commissione sanità – nel passaggio da Rizzi a Rolfi – c’è continuità o cambiamento.

* Vicepresidente agenzia Tpl Brescia



Fonte: Comunicato stampa gio 19 mag 2016, ore 12.20
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Ci si spertica in complicate spiegazioni. Ma la verità sta nel fatto che siste anche la “banalità della politica”. Infatti dò una spiegazione, che perfino m’imbarazza. Per ragioni di pura clientela (con nomi dei proponenti e per finanziamenti statali privilegiati) sono state introdotte nella legge Delrio le “province montane”, poste sul confine (?!),come province speciali. Una scelta che discrimina tra loro le varie aree montane, tra chi è dentro e chi fuori. Maroni s’inventa la “provincia montana” dell’intero Nord della Lombardia (dalla Valsabbia a Como). Il Cantone montano. L’operazione dei tre cantoni (Milano metropolitana, Padano e Montano) fallisce e i Cantoni diventano otto. Ma per giustificare l’esistenza di una piccola provincia (speciale e montana) come la Valtellina (180 mila ab.) aggregano a Sondrio due aree (parte di Lecco e la Valcamonica), per fare massa e giustificarne l’esistenza. Da qui è partita l’aggregazione della Valcamonica alla struttura sanitaria (ATS) di Sondrio. E la stupidaggine dello spostamento di tutta la futura riorganizzazione dei servizi (statali e provinciali) verso la Valtellina. Si dirà: incredibile! Incredibile, ma possibile, una tale assurdità, visto che nero su bianco son cose scritte in Documenti della Giunta regionale.
ven 20 mag 2016, ore 13.42
Immagine profilo
ma?
(UTENTE NON REGISTRATO)
proprio non capisco: e perchè mai la Valcamonica dovrebbe lasciare la provincia di Brescia??? che senso avrebbe????
ven 20 mag 2016, ore 11.14
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
09:08 considerazione
07 dic - Vai alla news »
Adesso subito l'approvazione della legge di stabilita', poi subito al voto. Tanto una legge elettorale o il taglio degli stipendi e delle in
09:06 @nonn
07 dic - Vai alla news »
questo é il dramma della democrazia italiana. un referendum chiede il si o il no su un argomento e gli elettori votano si o no a seconda de
09:02 considerazione
07 dic - Vai alla news »
Cosa dovrebbe bruciare, visto che il rifiuto urbano dovrebbe drasticamente ridursi con il riciclo e la vendita del differenziato?
09:00 a 8.41
07 dic - Vai alla news »
L'esito del NO al referendum è stato determinato anche questa gestione assurda nei confronti dell'immigrazione, anche se nessuna trasmission
08:41 @NONNA
07 dic - Vai alla news »
Vorrei far presente alla signora che l'articolo in questione parla dei risultati del referendum e non degli immigrati. Evidentemente la sign
07:50 dfiscriminazion
07 dic - Vai alla news »
Anche stamattina c'è la polemica su una famiglia straniera a Roma cacciata via dagli inquilini che non vogliono che venga assegnata loro la
06:39 DISUGUAGLIANZA
07 dic - Vai alla news »
A proposito di lavoro, alla Corte Costituzionale dovrebbe andare anche la lette 97/2013 che all'art. 7 apre i concorsi pubblici a profughi e
05:51 DISUGUAGLIANZE
07 dic - Vai alla news »
Sarebbe davvero ora che si ripartisse dalla corretta interpretazione della Costituzione e dal lavoro, e anzichè citare sempre l'art.1 che st
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...