Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



11 Dicembre 2016 - Ore 14:44


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
INFRASTRUTTURE
IL TAVOLO DEI RELATORI

Il Traforo del Mortirolo al centro del dibattito di Confartigianato all'Aprica

«Unire la montagna, unire l’economia, unire l’Europa» è lo slogan che ha riassunto gli intenti e i risvolti legati al progetto di traforo del Mortirolo, l’importante opera che collegherebbe la Valtellina con la Valcamonica di cui si discute da anni, protagonista del convegno organizzato da Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale insieme alla Confartigianato di Sondrio tenutosi all'Aprica e moderato da Giancarlo Maculotti.

Istituzioni delle principali realtà, ma soprattutto artigiani, piccoli e medi imprenditori, hanno risposto numerosi alla chiamata di Confartigianato di Brescia e di Sondrio, fautrici della tavola rotonda dedicata alla realizzazione del progetto di 14 chilometri per collegare Edolo a Tirano con tempi di percorrenza dimezzati rispetto agli attuali. Per Carla Cioccarelli, sindaco di Aprica: «Un sogno per chi vive e lavora in montagna, un sogno da perseguire» e, da più parti ormai, sono maturi i tempi perché si possa passare finalmente ai fatti. Sono seguiti gli interventi dei presidenti di Confartigianato Sondrio Gionni Gritti e di Brescia, Eugenio Massetti. «Le infrastrutture – ha dichiarato il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti – sono da sempre una delle condizioni indispensabili per lo sviluppo economico delle economie territoriali. Questo vale soprattutto per territori montani e con una forte vocazione artigianale e turistica coma la Valtellina e la Valcamonica. Il Mortirolo ha assunto in questi anni una notorietà internazionale e le potenzialità per il sistema economico e imprenditoriale legate ad un traforo che unisca Valtellina e Valcamonica sono al centro di un dibattito da troppi anni, ma oggi vi sono le condizioni per una riflessione nuova e diversa anche alla luce dei possibili futuri scenari dell’Europa».

Per il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli: «Se non ora, quando? Non sussistono oggi impossibilità economiche che impediscano la realizzazione del traforo. I fondi dei comuni confinanti e la macro regione alpina offrono condizioni irrinunciabili, da cogliere per creare una ferrovia di vocazione turistica». «I tempi sono maturi affinché si passi dai programmi a qualcosa di più concreto» ha auspicato anche Evaristo Pini in rappresentanza della Provincia di Sondrio. Deciso l'intervento di Franco Bettoni, presidente BreBeMi: «Il nostro Paese ha bisogno di crescere, non si può dire no alle grandi opere fondamentali come questa se si vuole andare avanti».

Conclusioni affidate al sottosegretario della Regione Lombardia alle politiche della montagna e Macroregione alpina, Ugo Parolo, che ha specificato come «il progetto del Mortirolo non confligge con quello dello Stelvio. A quest’ultimo corrisponde uno studio di fattibilità avviato perché a finanziarlo è stata Bolzano, mentre Regione Lombardia non ha investito nulla. Vedremo dove condurrà l’esame e seguiremo il tutto con attenzione e sostegno necessario».

Inequivocabili appaiono i dai elaborati dall’Osservatorio di Confartigianato Lombardia e presentati da Licia Redolfi: la creazione di questo asse di congiunzione tra le due grandi aree montane e di queste con il resto del paese porterebbe effetti concreti alle tante realtà aziendali presenti su ambedue i territori e attualmente vincolate ai limiti imposti loro dalla grande fragilità infrastrutturale. La Comunità montana della Valtellina di Tirano, con i suoi 12 Comuni conta oltre 2 mila imprese (la quasi totalità di microimprese, 15,8% sul numero totale di aziende di Sondrio) di cui il 28,3% appartiene al comparto artigiano; per quanto riguarda la Valcamonica: 41 Comuni e 8 mila imprese, il 34,1% delle quali artigiane e che pesano per il 7,3% sul numero complessivo relativo a Brescia.

Sulle attività di questa non irrilevante porzione di economia locale andrebbe a incidere positivamente il richiamato collegamento in rete, grazie al quale potrebbero agevolmente transitare merci e beni, accorciando le distanza col resto dello stivale, ma anche con la vicina Svizzera. Un discorso non troppo distante da quello che può farsi in merito al turismo, specie estero, che andrebbe a beneficiare in maniera esponenziale del collegamento con l’Europa, lungo l’asse Europa-Svizzera-Sondrio-Brescia. Proprio grazie al miglioramento delle condizioni di mobilità, crescerebbe notevolmente la quota di turisti stranieri, ad oggi pari al 39,6% per Sondrio e al 46% per Brescia.

Una manovra progettuale di connessione che avrebbe anche il merito di innalzare Valtellina e Valcamonica da periferia, a cuore dell’Europa. E a segnare il disegno che gli imprenditori e gli artigiani camuni e valtellinesi non vogliono veder sfumare, la clessidra che provocatoriamente Paolo Oberti, presidente del comitato pro Mortirolo, ha consegnato nelle mani di Franco Bettoni perché non si perda ulteriore tempo e si viaggi spediti verso il futuro e le infrastutture ritenute essenziali.





Fonte: Comunicato stampa mer 25 mag 2016, ore 15.16
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
camuno
(UTENTE NON REGISTRATO)
sarà sicuramente un successo..come la Bre-Be-Mi,stesse menti,stessa megalomania.Intanto, in valle, non si riesce a riasfaltare e coprire le buche sulla statale 42,e non parliamo dello sfalcio dell'erba alta ai bordi della strada...lor signori volano alto ed in basso il cittadino comune subisce e paga.
gio 26 mag 2016, ore 19.09
Immagine profilo
magari
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sarebbe stupendo, e poi visto che vogliono unire le due valli...!
mer 25 mag 2016, ore 16.13
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
14:27 giusi.mutti@ali
11 dic - Vai alla news »
come fare x acqistare chiaretto garda classico????
14:25 giusi
11 dic - Vai alla news »
come fare x acqistare chiaretto garda classico????
13:51 legacialtrona
11 dic - Vai alla news »
Maroni Salvini Rolfi & c. Subito in fonderia per manifesta incapacita'. Dopo averci restituito tutto il maltolto. VIA!
11:53 veritas
11 dic - Vai alla news »
Premesso che non tutto era condivisibile ma a quando la primissima riforma ? Devolution No l'ultima No campa cavallo che l'erba cr
11:51 veritas
11 dic - Vai alla news »
Chissà quando si arriverà alla legalizzazione certamente squallida ma meno di ciò che succede oggi
11:39 veritas
11 dic - Vai alla news »
Che tristezza sono passati più di 20 anni da quando Bossi accompagnato da Maroni arrivarono con un disegno politico condivisibile cop
10:59 autonomia?
11 dic - Vai alla news »
Ottima mossa di Maroni per far perdere voti a Salvini al sud.
10:06 stradivarius
11 dic - Vai alla news »
Un testo, quello dell'Onorevole tansfuga, fatto solo di ovviomi ma dettato in realtà solo dall'ansia di riposizionarsi rapidamente sul front
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...