Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 24 Gennaio 2017 - Ore 10:05


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
A2A
Teleriscaldamento

Telericascaldamento, Brescia diventa la capitale italiana

Una crescita costante nel tempo, che ha portato la Leonessa a diventare un modello in Italia. Con queste parole è possibile sintetizzare lo sviluppo del teleriscaldamento di A2A a Brescia, che venne sperimentato per la prima volta 44 anni fa in un quartiere di nuova costruzione – Brescia 2 – per poi estendersi a larga parte della città.

I primi passi ufficiali furono mossi nel 1971 dal Comune di Brescia, con un proprio atto formale di indirizzo all’allora ASM, mentre il progetto divenne operativo l’anno successivo. La lungimiranza delle scelte, unita alla positiva accoglienza da parte della cittadinanza, favorì nel corso degli anni un veloce sviluppo del sistema, reso possibile dapprima attraverso i potenziamenti della centrale Lamarmora e successivamente con l’entrata in funzione del termovalorizzatore.

Oggi, la volumetria degli edifici allacciati ha raggiunto e superato quota 42 milioni di m3, conferendo a Brescia, con oltre 200 m3 di volume riscaldato per abitante, il primato nazionale della diffusione del teleriscaldamento, che con un’estensione complessiva di oltre 650 km di doppia tubazione copre il fabbisogno del 70% della città.

Al calore recuperato dal termovalorizzatore e dalla centrale di cogenerazione ad alto rendimento Lamarmora, oltre all’erogazione in caso di back-up da parte della centrale Nord, da ottobre 2015, grazie al progetto “Calore in rete”, si aggiunge quello recuperato dall’acciaieria Ori Martin, calore altrimenti disperso nell’ambiente. Il progetto “Calore in rete” rappresenta infatti un’ulteriore spinta al consolidamento della leadership di A2A Calore & Servizi non solo in termini di volumi di calore erogato ma anche e soprattutto di innovazione tecnologica, efficienza energetica e qualità ambientale.

Il sistema di teleriscaldamento evita così ogni anno l’emissione in atmosfera di oltre 400 mila tonnellate di CO2 e il consumo di oltre 150 mila tonnellate equivalenti di petrolio (le emissioni evitate si riferiscono al contributo fornito dal Sistema Energetico Integrato nella sua totalità, ovvero teleriscaldamento, produzione elettrica da cogenerazione e ciclo dei rifiuti con termovalorizzazione).



Fonte: Comunicato stampa sab 11 giu 2016, ore 11.41
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@stradi
(UTENTE NON REGISTRATO)
".. accelerare la privatizzazione di A2A che magari acquista le quote pubbliche svendute con il fondo acquisto azioni proprie..". Ma cosa dice? Non sa di cosa parla. Il fondo azioni proprie è una posta rettificativa dell'attivo che, in buona sostanza, permette di esporre tra le attività il costo delle azioni proprie in portafoglio, senza procedere ad una riduzione del patrimonio netto. Parli di ciò che conosce, se vuol evitare di fare figuracce. Per le altre considerazioni, concordo
mar 14 giu 2016, ore 12.10
Immagine profilo
est-inv
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un caldaione che produce acqua per riscaldamento anche durante i sei mesi estivi e la fa girare quindi inutilmente non mi pare proprio un'ideona.
mar 14 giu 2016, ore 08.18
Immagine profilo
@considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non la penso così ma rispetto la sua opinione.
sab 11 giu 2016, ore 23.24
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Paghiamo purtroppo e come gia' si diceva vent'anni fa per il no all'inceneritore, quindici anni fa x il no alla metropolitana e dieci anni fa x il no alla fysione con aem, gli errori polutici di persone come martinazzoli e corsini. Con la differenza che loro la loro carriera e i loro soldini se li sono fatti, e noi invece ci ritroviamo i debiti da pagare, l'inquinamento, opere inutili da mantenere e l'inesistenza di una municipalizzata...
sab 11 giu 2016, ore 22.38
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bello il comunicato stampa. Una vecchia cartolina in bianco e nero che ci ricorda quanto ASM e Comune di Brescia fossero stati all'avanguardia nel settore energetoco nel segno del cambiamento ed al servizio della comunità e della sostenibilità ambientale. Poi venne l'inceneritore e soprattutto nacque A2A: quello sì fu per noi bresciani il vero cambiamento. Pagati i debiti di AEM MIlano con adeguato rientro dalle esposizioni creditizie nei confronti soprattutto di Banca Intesa, perso il controllo strategico bresciano, umiliate o emarginate le risorse umane di ASM, ci ritrovammo con il cappello in mano e le brache calate. E così si arriva ai giorni nostri a svendere quello che resta della gloriosa partecipazione per pagare i debiti del Metrobus ed accelerare la privatizzazione di A2A che magari acquista le quote pubbliche svendute con il fondo acquisto azioni proprie. In compenso, la cartolina oggi è...a colori.
sab 11 giu 2016, ore 15.44
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
08:36 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Esatto. Quindi un'amministrazione sottotono, supponente e incapace, come si diceva prima!
03:12 Quello delle 23
24 gen - Vai alla news »
Scusate ma è BSnews o SARDIGNAnews ??? Venditori di pneumatici...
00:51 ThomasQuith
24 gen - Vai alla news »
Кто ; пос ;овk 7;ту 77;т отл ;ичl 5
23:29 bresciano
23 gen - Vai alla news »
A furia di cacciate resterà solo formentini. Più che un partito somiglia sempre più ad un regime nel quale una ristrett
22:57 porto cervo
23 gen - Vai alla news »
"Con il clima caldo o mite della Sardegna, di sicuro non è affatto consigliabile tenere montati gli pneumatici invernali". Ma che articoli s
21:17 Elettore Bresci
23 gen - Vai alla news »
Mantelli chi??? Quello che era Dc-Udc-PDL -Ncd ora di nuovo Udc?? giro giro tondo, casca il mondo....
21:07 Scudo Crociato
23 gen - Vai alla news »
A onor del vero bisognerebbe cacciare a pedate nel posteriore Cesa e i suoi compagni di merende per come hanno ridotto il povero Scudo Croci
21:03 Omero
23 gen - Vai alla news »
Auguri ai restanti!!!
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...